Sei sulla pagina 1di 28

H. Curtis, N. S.

Barnes,
A. Schnek, A. Massarini

Il nuovo Invito
alla biologia.blu
2
Capitolo A1

Origine ed
evoluzione
delle cellule
3

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Lezione 1

La nascita
dell’universo e la
storia della Terra
4

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Dal Big Bang al Sistema Solare
L’Universo ha avuto origine da un’enorme esplosione, il
Big Bang, a cui ha fatto seguito la formazione di galassie,
stelle e pianeti.

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


L’evoluzione della Terra
È probabile che l’atmosfera della Terra primordiale
fosse formata esclusivamente da elio e idrogeno.

In seguito, le emissioni dei vulcani e dei geyser


portarono alla formazione di una nuova atmosfera
priva di ossigeno, che favorì la formazione degli
oceani.

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


La storia della vita sulla Terra

In questo schema ogni giorno rappresenta 150 milioni di anni.


7

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Lezione 2

Le diverse
ipotesi sull’origine
della vita
8

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


L’ipotesi di Oparin sulla comparsa
della vita sulla Terra
Secondo la teoria di Oparin, la comparsa della vita sulla
Terra è stata preceduta da una lunga serie di eventi, che
prende il nome di evoluzione chimica.

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


L’esperimento di Miller-Urey
Miller e Urey confermarono attraverso un esperimento
l’ipotesi di Oparin, dimostrando che le molecole organiche
possono formarsi spontaneamente a partire dalla materia
inorganica.

10

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Una teoria alternativa
Secondo la teoria della panspermia le forme di vita terrestri
sono troppo complesse per essersi formate spontaneamente.

La vita andrebbe quindi avuto origine nell’Universo


e sarebbe giunta sulla Terra grazie a corpi celesti come
comete o meteoriti.

11

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Dalle biomolecole alle prime cellule
Evoluzione prebiologica: secondo Oparin, le biomolecole
sono diventate più numerose e hanno iniziato a combinarsi,
dando luogo a piccoli sistemi (coacervati).

Evoluzione biochimica: l’RNA svolge il ruolo di catalizzatore e


memoria genetica, poi compare il DNA e l’RNA si specializza.

12

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Le caratteristiche dei viventi
1. Formati da cellule
2. Assorbono e
consumano energia
3. Si riproducono
4. Si sono adattati
all’ambiente
5. Rispondono agli stimoli

13

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Lezione 3

Le caratteristiche
delle cellule

14

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


L’unità elementare della vita
Tutti gli organismi sono formati da una o più cellule.
Le cellule hanno piccole dimensioni.

15

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Il rapporto tra superficie e volume

Le dimensioni ridotte delle cellule dipendono dalla


necessità di mantenere un adeguato rapporto tra
superficie e volume.

16

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Diversi tipi di microscopio

17

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Lezione 4

Cellule
procariotiche e
cellule eucariotiche
18

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Le cellule procariotiche

Le cellule procariotiche
hanno una struttura comune:
una membrana che racchiude
il citoplasma, all’interno del
quale si trova il nucleoide
(DNA).

19

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Strutture specializzate nei procarioti

• Parete cellulare e capsula


• Membrane interne
• Flagelli e pili
• Citoscheletro

20

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Le cellule eucariotiche
Le cellule eucariotiche sono delimitate da una membrana
plasmatica e contengono citoplasma, ribosomi e DNA.
Hanno tuttavia dimensioni maggiori di quelle procariotiche,
fino a dieci volte di più, e il loro citoplasma è suddiviso in
compartimenti interni delimitati da membrana chiamati
organuli.

21

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


La cellula eucariotica animale
flagello nucleo
reticolo
endoplasmatico

mitocondrio

membrana
cellulare

centrioli

lisosomi

apparato di
Golgi
22

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


La cellula eucariotica vegetale
nucleo reticolo
endoplasmatico

cloroplasto

vacuolo

mitocondrio

parete cellulare

apparato di
Golgi
membrana 23
cellulare
Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017
L’origine degli organuli

24

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Autotrofi ed eterotrofi
Gli organismi autotrofi sintetizzano
in modo autonomo biomolecole ricche
di energia attraverso la fotosintesi
clorofilliana.

Gli organismi eterotrofi ricavano da


fonti esterne l’energia e le molecole
necessarie per costruire le proprie
strutture.

25

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Lezione 5

Origine degli
organismi
pluricellulari
26

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Conseguenze della pluricellularità
La pluricellularità comporta:

• differenziazione tra le cellule, che si possono specializzare;

• continua comunicazione tra le cellule attraverso segnali,


che consente integrazione e coordinazione delle attività.

27

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017


Dalle colonie agli organismi
pluricellulari
Una forma intermedia tra organismi unicellulari e pluricellulari
è rappresentata da singole cellule riunite in colonie.

A differenza delle colonie, negli organismi pluricellulari ogni


tipo di cellula è specializzato nello svolgere una specifica
funzione.
28

Curtis et al., Il nuovo Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2017