Sei sulla pagina 1di 14

30/06/2014 A.S.

2013/2014

Il violinista sul tetto


Percorso di approfondimento per l’Esame di
Stato

-“Nigun”, da Baal Shem, di Ernest Bloch

-Chagall, vita e opere: Il violinista verde

-Gli ebrei russi nel XX secolo fino alla


rivoluzione d’ottobre

A cura di Edoardo Forese


Ernest Bloch
Fu un compositore e
violinista svizzero, noto
per aver ripreso temi
caratteristici della musica
ebraica.
Nigun, da Baal Shem
Nigun, in ebraico “aria”, “melodia”, rappresenta
una melodia religiosa ebraica.

Baal Shem, in ebraico “Maestro del Nome”, era


la storica occupazione di certi rabbini impegnati
nell’ uso della magia, per fare miracoli, esorcismi
o benedizioni.
Marc Chagall
Nasce il 7 Luglio 1887 in un sobborgo di Liozno, alle porte di
Vitebsk, in una famiglia di origine e fede ebraica.
Nel 1907 si trasferisce a San Pietroburgo e si avvicina allo stile
dell’espressionismo europeo dei Fauves.

Le Nozze,1910
Nel 1910 è a Parigi, durante i suoi anni più prolifici.
Nel 1914 va a Berlino, dove viene organizzata la sua prima
mostra personale.
Successivamente ritorna in Russia
a causa della prima guerra
mondiale e della rivoluzione
d’ottobre.
Tornato a Parigi nel 1923, si dedica
alle scenografie teatrali.

L’ebreo rosa, 1915


Negli anni Trenta e Quaranta compie diversi viaggi, a
Gerusalemme, in Spagna, Olanda, Italia, Polonia.
Durante la seconda guerra mondiale
si trasferisce prima a Gordes, in
Francia e successivamente negli
Stati Uniti.
Negli anni cinquanta si dedica alla
composizione di una ciclo pittorico
sulla Bibbia.

Re Davide, 1951
Negli anni Sessanta e Settanta due commissioni
caratterizzano la sua produzione: la decorazione del
soffitto dell’ Operà di Parigi e della scenografia del Flauto
Magico di Mozart al Metropolitan Opera di New York.

Muore il 27 marzo 1985.

La famiglia, 1975
Il Violinista Verde, 1923
olio su tela
Il Violinista racchiude molti
significati, che rimandano
all’elemento magico, fantastico
e al potere sovrannaturale
dell’uomo e della musica del
suo violino.
Gli ebrei russi nel XX secolo fino alla
rivoluzione russa

• Fine del XIX secolo

• Dal 1900 al 1904

• Dal 1905 alla Grande Guerra

• La Guerra mondiale e l’avvento della rivoluzione


Fine del XIX secolo
Gli ebrei erano circoscritti alle “zone di residenza”.

Nel 1890 sorse una rivolta in Inghilterra a difesa degli ebrei,


che peggiorò la situazione aumentando in numero di
espulsioni.

Tra il 1895 e il 1900 ci fu un peggioramento delle condizioni


del paese con la divisione del popolo ebraico.
Dal 1900 al 1904
Pleve, nuovo ministro degli interni, intende sopprimere la
rivoluzione nel sangue ebraico.

Nel 1903 due pogrom brutali


colpiscono le popolazioni ebraiche
a Kisinev e Gomel.

Nel 1904 lo Zar Nicola II, dopo la


morte di Pleve, promulga una legge
sul miglioramento delle condizioni
delle zone di residenza.
Dal 1905 alla Grande Guerra
Nel 1905 uno sciopero generale scuote lo Zar, che concede
l’istituzione della Duma, ma riprendono i pogrom.

Il movimento ebraico si allarga chiedendo autonomia e


libertà.
Tra il 1906 e il 1909 ci sono stati
avvenimenti contrastanti all’interno della
Duma riguardo gli ebrei.

Due casi infiammano l’opinione pubblica:


l’affare Bejlis e l’attentato contro Stolypin
da parte dell’ebreo Borgov
La guerra mondiale e l’avvento della
rivoluzione
Gli ebrei durante la guerra si schierano dalla parte dello zar,
mostrando patriottismo.

Le Centurie Nere accusano gli ebrei delle sconfitte di guerra.

Gli effetti della guerra sono devastati, soprattutto per gli


ebrei dell’est, e il crollo del potere zarista è nell’aria.

Lo Zar abdica e il governo provvisorio conferisce agli ebrei


tutti i diritti civili e politici.
Bibliografia e Sitografia
• I classici dell’ arte, il Novecento, Chagall, ed. Rizzoli

• Riccardo Calimani, Passione e tragedia, la storia degli ebrei russi, Mondadori

• http://suessapometia.blogspot.it/2013/03/il-violinista-di-marc-chagall.html,
Il violinista di Marc Chagall, Antonia Pesarè

• http://valentina.duestrade.it/Ebrei_in_URSS.htm, L’antisemitismo in Unione


Sovietica, relazione di Valentina Piattelli al seminario “Ebrei e Antisemitismo
nel XX secolo” tenuto del Prof. Enzo Collotti nell’ A/A 1992/1993

• http://archiviostorico.corriere.it/2006/giugno/21/Ebrei_Russia_destino_tre_
facce_co_9_060621072.shtml, Ebrei di Russia, un destino a te facce,
Vittorino Strada, Corriere della sera, 21 Giugno 2006