Sei sulla pagina 1di 18

5 La Rivoluzione

russa
1898-1903 Fondazione del Partito operaio
socialdemocratico russo
La Russia è un Paese fortemente
arretrato sia nell’agricoltura sia Gli operai cominciano a essere influenzati dalle idee
nell’industria. La popolazione vive socialiste che difendono i diritti dei lavoratori
in estrema povertà
QUINDI

QUINDI
Nasce il Partito operaio socialdemocratico russo

Crescono il malcontento e le
tensioni sociali Nel 1903 il Partito si divide in due correnti

Bolscevichi (“maggioritari”) Menscevichi (“minoritari”)


vogliono attuare subito la favorevoli a attuare una
rivoluzione del proletariato serie di riforme insieme
operaio alla borghesia
1905 La rivoluzione del 1905

Nel gennaio del 1905 lo zar Nicola II reprime nel sangue una
manifestazione popolare che si dirigeva al Palazzo d’Inverno

QUINDI

NICOLA II

Nel Paese scoppia una rivoluzione con


rivolte, sommosse e l’ammutinamento di
alcuni contingenti dell’esercito

Si formano spontaneamente i Lo zar cede e convoca la


soviet Duma
1905 La rivoluzione del 1905

PA R O L E PA R O L E
I M P O R TA N T I I M P O R TA N T I
SOVIET DUMA
Assemblea di rappresentanza di operai, soldati Assemblea rappresentativa istituita dallo zar
e contadini sorta spontaneamente durante la Nicola II nel 1905, che avrebbe dovuto sancire la
rivoluzione russa del 1905. Quello più fine del potere assoluto del sovrano e dare inizio
importante fu quello di Pietroburgo a una politica liberale. Aveva, però, poteri molto
limitati e quindi non fu in grado di modificare
l’assetto politico del Paese
1906 Pëtr Stolypin primo ministro

Nell’aprile 1906 vengono eletti a suffragio universale i


rappresentanti della Duma, che non è però in grado di
modificare l’assetto politico del Paese

PËTR STOLYPIN Diventa primo ministro Pëtr Stolypin, un conservatore che


considera la Duma una minaccia al potere assoluto dello zar.
Egli

soffoca l’opposizione dei istituisce una nuova attua una riforma agraria che trasforma i
socialisti rivoluzionari legge elettorale contadini in piccoli proprietari terrieri

Non riesce però a guadagnare il favore delle masse rurali e così


le tensioni sociali continuano a minare l’equilibrio dello Stato
1914-1917 La guerra peggiora
la situazione
Nel 1914 Nicola II e la classe dirigente decidono
l’entrata della Russia nella Prima guerra mondiale

PERCHÉ PERCHÉ
NICOLA II

Per rafforzarne il ruolo di Per spedire al fronte milioni di uomini che non avrebbero
grande potenza europea così potuto innescare una rivoluzione in patria

Tuttavia, la Russia si mostra impreparata


ad affrontare la guerra: l’industria bellica Tra il 1916 e il 1917 la
non è al passo coi tempi; inoltre, i milioni di popolazione civile è
contadini lontani dai campi causano la crisi ridotta alla fame
del settore agricolo
marzo 1917 La Rivoluzione di febbraio

Nel marzo 1917 (febbraio secondo il calendario russo)


la crisi degenera in una rivoluzione conosciuta come Rivoluzione di febbraio

Gli operai di Pietrogrado (precedentemente San Pietroburgo)


organizzano uno sciopero generale che diventa presto una
manifestazione politica contro lo zar. I soldati, incaricati di ristabilire
l’ordine, decidono di non sparare sui manifestanti e di coalizzarsi con
loro

A Pietrogrado si forma Al fronte diversi reparti si Il 15 marzo 1917 Nicola II è


un soviet degli operai ammutinano e l’esercito costretto ad abdicare e pochi
russo si disgrega giorni dopo viene arrestato
con la sua famiglia
marzo 1917 Il governo provvisorio
Il potere passa a un governo provvisorio, prima di orientamento liberale, in
seguito presieduto dal menscevico Aleksandr Kerenskij

Nel frattempo nascono molti soviet nelle città, nelle campagne e nei
contingenti militari di tutto il Paese. Diventano molto potenti ed esercitano
pressioni sul governo provvisorio, che infine promuove alcune riforme:

la giornata lavorativa l’elezione di un’assemblea l’amnistia per i prigionieri


di otto ore costituente che avrebbe politici
scritto la Costituzione

Tuttavia la tensione tra i soviet, che vogliono l’uscita della Russia dalla guerra, e
il governo provvisorio, che vuole proseguire il conflitto, aumenta. Senza il
consenso della popolazione il governo diventa sempre più debole
aprile 1917 Lenin ritorna in Russia

Costretto all’esilio in Svizzera nel 1906 per sfuggire alla


repressione di Stolypin, nell’aprile 1917 Lenin, il capo dei
bolscevichi, torna in Russia con l’appoggio delle autorità tedesche.
Egli diffonde il suo piano politico in un documento in dieci punti
noto come le Tesi di aprile, in cui sostiene che
LENIN

Proletariato operaio e I soviet devono prendere


masse contadine devono il controllo del governo e
prendere il potere e della produzione agricola
instaurare una dittatura, che e industriale
avrebbe portato a una
società senza classi
6-7 nov. 1917 La Rivoluzione
d’ottobre
Lenin convince i suoi compagni bolscevichi a prendere il
potere attraverso un’insurrezione armata. Ha così inizio
la Rivoluzione d’ottobre:

LENIN
Le guardie rosse, ossia i I rappresentanti dei soviet annunciano la
reparti armati di operai e presa del potere e viene instaurato il
soldati rivoluzionari, assaltano nuovo governo rivoluzionario, formato
il Palazzo d’Inverno, sede del esclusivamente dai bolscevichi guidati da
governo provvisorio Lenin, che introduce subito nuove riforme

Nazionalizzazione
le truppe in difesa Abolizione della grande proprietà terriera e delle banche
del Palazzo non redistribuzione delle terre ai contadini
oppongono
resistenza Il controllo delle fabbriche Dichiarazione di uguaglianza fra tutte
viene affidato ai soviet le nazionalità presenti in Russia
marzo 1918 L’Assemblea costituente
e l’uscita dalla guerra

I bolscevichi vengono sconfitti alle elezioni per i rappresentanti dell’Assemblea costituente

Lenin scioglie con la forza l’Assemblea e instaura una


vera e propria dittatura del partito bolscevico

Il 3 marzo 1918 firma la pace di Brest-Litovsk con cui la


Russia esce dalla Prima guerra mondiale
1918 La guerra civile

Si organizzano le Armate bianche, armate bolsceviche sotto la guida di ex ufficiali ancora


fedeli al regime zarista che hanno l’intento di rovesciare il governo rivoluzionario bolscevico

QUINDI QUINDI

Contingenti anglo-francesi e Scoppia la guerra civile


truppe statunitensi e giapponesi
sbarcano in Russia per sostenere
Lev Trotsky ha il compito di
le Armate bianche
riorganizzare l’esercito

Lo fanno per paura che la Costituisce l’Armata rossa


rivoluzione bolscevica si estenda degli operai e dei contadini,
ai loro Paesi che diventa una vera e
propria macchina da guerra
lug. 1918-1922 Uccisione dello zar

Per evitare che venga liberato dalle Armate bianche, l’ex zar Nicola
II e l’intera famiglia Romanov (che erano tenuti prigionieri a
Ekaterinburg), vengono giustiziati

NICOLA II Nel 1919 le potenze occidentali ritirano i propri reparti dalla Russia

QUINDI

Le Armate bianche si indeboliscono

QUINDI

Vengono sconfitte dall’Armata rossa nel 1920. La


guerra civile termina però solo nel 1922
1921 Introduzione della Nep

Il governo rivoluzionario applica il comunismo di guerra per risolvere


la grave crisi economica che ha colpito il Paese. La produzione
industriale e agricola passa sotto il controllo dello Stato, gli operai
sono sottoposti a orari di lavoro massacranti
LENIN

QUINDI

Nelle campagne scoppiano molte rivolte e nel 1921 una carestia


causa la morte di circa tre milioni di persone

Sempre nel 1921 Lenin abbandona il comunismo di guerra e introduce la Nep


1921 Introduzione della Nep

PA R O L E
I M P O R TA N T I

COMUNISMO DI GUERRA
LENIN
Insieme dei provvedimenti economici attuati dal
Partito comunista, consistenti in forzate
requisizioni dei prodotti agricoli nelle campagne
1921 Introduzione della Nep

PA R O L E
I M P O R TA N T I

NEP
Sigla che sta per “Nuova politica economica”, un
LENIN insieme di misure di politica economica adottate nel
1921 dal governo russo per stimolare la produzione
agricola. Esse stabilivano che i contadini erano
obbligati a consegnare allo Stato una quota fissa
del raccolto, ma potevano vendere i prodotti
eccedenti e ricavarne un proprio guadagno
1922 Nascita dell’Urss

Nel 1922, dopo aver vinto la guerra civile, i bolscevichi costituiscono un


nuovo Stato, l’Urss (Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche),
formato dalle odierne Russia, Bielorussia, Ucraina e Georgia.
In seguito si aggiungono altre 25 Repubbliche

LENIN
Nel 1924 viene approvata la nuova Costituzione

Il vero potere è però detenuto dal Partito


bolscevico, che nel 1918 cambia il nome in Il potere è affidato al Congresso dei soviet
Partito comunista

Nel 1919 il Partito comunista dà vita alla Terza internazionale


(Comintern), organizzazione con lo scopo di diffondere le idee
rivoluzionarie e di sostenere i partiti comunisti negli altri Paesi
1922 Nascita dell’Urss

I bolscevichi si impegnano a trasformare la società russa

LENIN L’aborto diventa legale Viene proposta la parità tra uomini e donne

Viene data molta importanza all’istruzione Sono ritenuti validi i soli matrimoni civili

Vengono abbreviate le pratiche per il divorzio

Potrebbero piacerti anche