Sei sulla pagina 1di 49

METABOLISMO E

BIOENERGETICA
METABOLISMO

Rete altamente integrata di reazioni chimiche che avvengono


in una cellula o in un organismo in cui cooperano molti sistemi
multienzimatici per rendere possibili due processi
fondamentali:

1.Ottenere energia chimica dall’ambiente (luce solare o degradazione di sostanze


nutrienti)

1.Sintetizzare i precursori delle macromolecole biologiche e quindi le


macromolecole stesse
METABOLISMO
Da un punto di vista bioenergetico il metabolismo si divide in:

CATABOLISMO
Molecole complesse (carboidrati, lipidi, proteine, acidi nucleici) sono degradate
per operazioni di riciclo dei loro costituenti e/o per generare energia

processi OSSIDATIVI esoergonici ⇒rilascio di energia libera

ANABOLISMO
Sintesi di molecole complesse a partire da molecole semplici e ossidate
(CO2, N2, H2O)

processi RIDUTTIVI (che di per sé sarebbero) endoergonici ⇒consumo di


energia libera
Le diverse serie di reazioni catalizzate da enzimi costituiscono le
VIE METABOLICHE

Ogni tappa di una via metabolica produce una


modificazione chimica specifica di uno specifico atomo o
gruppo funzionale

In una data via metabolica una molecola di PRECURSORE


viene convertita in PRODOTTO attraverso una serie di
INTERMEDI chiamati METABOLITI
RELAZIONI ENERGETICHE TRA LE VIE METABOLICHE

LE VIE CATABOLICHE E LE VIE ANABOLICHE SONO CORRELATE

Le vie cataboliche attraverso l’ossidazione dei nutrienti producono


energia libera sotto forma di:

•Adenosina trifosfato (ATP)


•Trasportatori di elettroni in forma ridotta (NADH, NADPH, FADH2)
•Calore

Le vie anaboliche utilizzano energia per la sintesi di molecole


biologiche:

Ciò avviene grazie al potenziale di trasferimento del gruppo fosforico


dell’ATP e del potere riducente di NADH, NADPH, FADH2
VIE METABOLICHE

Possono essere:

•lineari o cicliche

•convergenti o divergenti
PRINCIPALI MECCANISMI DI CONTROLLO METABOLICO

• Controllo dei livelli enzimatici


• Controllo dell’attività enzimatica
• Compartimentazione
• Regolazione ormonale
REGOLAZIONE DELLE VIE METABOLICHE
Meccanismo a feed-back

In alcune vie metaboliche, un intermedio, spesso il prodotto finale,


funziona da inibitore allosterico del primo enzima regolatore della via

In questo modo gli enzimi a valle lavorano con velocità ridotta dovuta a
carenza di substrato: la quantità di prodotto finale si adatta alle
necessità della cellula
BIOENERGETICA

branca della biochimica che si occupa di


trasferimento e utilizzazione di Energia

Si applicano le leggi della termodinamica


(I, II e III legge della termodinamica)

Negli organismi viventi l’ordine è conservato prelevando energia


dall’ambiente (nutrienti o luce solare) e restituendo energia
all’ambiente (calore ed entropia)
Entalpia
L'entalpia che può essere espressa in joule oppure in
calorie, esprime la quantità di energia interna che un
sistema termodinamico può scambiare con l'ambiente.
Nel ciclo ATP/ADP, un apporto di energia permette a una
molecola di ADP (adenosindifosfato) di legarsi a un gruppo
fosfato (uno ione fosfato inorganico PO43- indicato con Pi)
formando una molecola di ATP; a sua volta, poi, la molecola
di ATP cede un gruppo fosfato e si trasforma nuovamente
in una molecola di ADP.

Il processo per cui un gruppo fosfato viene aggiunto a una


molecola è detto fosforilazione.

Quando una molecola viene fosforilata dall’ATP


generalmente il suo contenuto di energia aumenta, sicché
la molecola viene attivata e messa in grado di partecipare a
una determinata reazione.
Altre molecole ad alto contenuto energetico
Molecole con potenziale di trasferimento di Pi maggiore di
ATP trasferiscono Pi ad ADP, quelle con potenziale di
trasferimento minore ricevono Pi da ATP.
Trasferimento di e- di cruciale importanza
nelle reazioni metaboliche
Flusso di e- nelle reazioni redox
responsabile di tutto il lavoro prodotto dagli
organismi viventi
Gli e- passano da intermedi metabolici a
trasportatori specializzati in reazioni
catalizzate da enzimi, che a loro volta li
danno ad accettori ad alta affinità per gli
elettroni con rilascio di E (conversione del
flusso elettronico in lavoro utile).
Il nicotinamide adenina dinucleotide è il principale trasportatore di elettroni
nell’ossidazione di molecole organiche combustibili

Trasferiscono 2 e- e 2 H+
NADH prodotto nelle reazioni
cataboliche
NADPH usato nelle reazioni
anaboliche, si spostano entrambi
rapidamente da un enzima all’altro
L’altro importante trasportatore di elettroni nel processo di
ossidazione di molecole organiche è il FAD

Nucleotidi flavinici sono spesso saldamente legati


agli enzimi (flavoproteine)

Acquista due protoni