Sei sulla pagina 1di 15

RECOVERY

FUND ITALIA
P. N. R. R .

Piano Nazionale Ripresa Resilienza


L’opportunità italiana di
ricostruire

il nostro Paese

più più più


ecologico solidale equo
Il nostro progetto

RESPONSABILE

di

RINNOVAMENTO
MINISTERO DELL’INTERNO
Riqualificazione degli edifici statali
• Antisismici, ecologici, moderni

• Digitalizzazione al 100% dei servizi


statali, regionali, comunali
• Prolungamento degli orari presso le
nostre sedi territoriali
• Servizi elettorali on-line
MINISTERO DELL’ECONOMIA
E DELLA FINANZA
Sgravi fiscali per le imprese che mantengono
la produzione sul territorio nazionale

Sgravi fiscali per le imprese che riducono il


consumo di energia combustile fossile in energie
rinnovabili
Abolizione fiscale al 100% per assunzioni giovanili
Riduzioni fiscali al 50% per le imprese che
garantiscono la pari retribuzione per donne e uomini
Abbattimento del cuneo fiscale nei
successivi 5 anni di legislatura

Riduzione dei sussidi per gli inattivi

Riduzione delle imposte sul valore


aggiunto, basato sulla media degli
standard europei
MINISTERO DELL’ISTRUZIONE
Innovazione dei sistemi
didattici/informatici

Attività extra scolastiche


(sportive, culturali, ambientali)
Introduzione delle materie
educazione alimentare, sessuale, e
socio educativa
con la collaborazione del sistema
sanitario nazionale
MINISTERO DELLA SANITA’
RITORNO AL SISTEMA
SANITARIO NAZIONALE

GARANZIA DELLE VISITE


MEDICHE NEL TEMPO PIU’ BREVE
POSSIBILE PRESSO LA PROPRIA
ZONA DI RESIDENZA

FONDO DI SOSTEGNO PER I MENO


ABBIENTI
ATTRAVERSO IL PAGAMENTO DI UN
TICKET
MINISTERO DELLE
INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Riqualificazione delle stazioni ferroviarie, aeroporti e


porti gestiti da fonti rinnovabili
Le autostrade saranno gestite direttamente dallo Stato
Introduzione di un abbonamento annuale per l’intera
rete autostradale
Illuminazione totalmente gestita da fonti rinnovabili
Il manto autostradale verrà totalmente rinnovato da
materiali di assorbimento dell’inquinamento
Trasformazione degli impianti a combustione fossile in
energia eolica, solare e idroelettrica sino al
raggiungimento dell’70% nei prossimi cinque anni

Ampliamento della sperimentazione di impianti ad


energia rinnovabile creato dal movimento ondoso
lungo le coste del territorio nazionale

Incentivi per le imprese e privati


cittadini per l’acquisto di mezzi di
trasporto eco-sostenibili

Estensione delle rete ferroviaria veloce sul


territorio nazionale
MINISTERO DELLA DIFESA E DI
GIUSTIZIA
Riordino dei vari organi di controllo delle
forze armate sotto un unico ente

Riqualificazione e ampliamento delle carceri e


delle case circondariali
con l’ausilio operativo dei carcerati e altresì
impiegati nei servizi sociali territoriali al fine di
reintrodurli nella società
MINISTERO DELLE POLITICHE
AGRICOLE E AMBIENTALI

Sgravi fiscali per assunzioni di cittadini italiani e


stranieri regolari per le attività di raccolta
agricola
Incentivo economico per utilizzo di
prodotti agricoli senza uso di
pesticidi

Riqualificazione ambientale “terra dei fuochi”

Sussidio per coloro che volessero prendersi cura dei territori


in stato di abbandono per la prevenzione frane
MINISTERO DEL LAVORO E
DELLE POLITICHE SOCIALI
Incentivo a corsi di formazione
post-scolastico

Borse di studio per percorsi


universitari

Aumento delle pensioni minime al fine di


garantire una qualità di vita più dignitosa,
basata sulla media europea
Scegliere di utilizzare i fondi del RECOVERY FUND distribuendolo su
macro-aree sociali permette di ragionare in termini di ricostruzione
vera e sviluppo reale sulle parti decentrate del nostro paese;
continuare invece a percorrere l’attuale via già nota sulla falsa riga di
uno sviluppo generale del Paese, avrebbe come diretta conseguenza
la disuguaglianza e disgregazione su più livelli sociali che ad oggi
caratterizzano il nostro Paese.

Sono ulteriormente convinto che il Recovery Fund non debba essere


preso in considerazione solo per la quota “a fondo perduto” ma è
necessario valutare positivamente una richiesta di interessi da parte
dell’Unione Europea come senso di responsabilità e di coesione
unitaria.