Sei sulla pagina 1di 25

|  




      



]  

   

 
 
 

 





 

CPAP e NIV
Ú Ú Ú||

˜Aumento della capacità funzionale residua

˜ iglioramento del rapporto ventilazione/perfusione

˜iduzione del lavoro respiratorio

˜ iglioramento dell¶ossigenazione

˜iduzione del ritorno venoso

˜iduzione dell¶afterload del VS


 
 
    

ï riducendo la pressione nel torace, e quindi


nel cuore, la differenza di pressione fra cuore ed
arterie periferiche aumenta.

Il cuore deve fare più lavoro per mantenere


la pressione arteriosa al suo livello precedente 

(Virchow, 1927)
V|
 

72 pazienti con A

rattati con NIV

Studiate le differenze tra pz successivamente intubati e non


intubati



  
Dispnea
 >25 bpm
Uso mm respiratori accessori
SaO2 <92% con almeno O2 a 10 lt/min
PaO2<60 mmHg con iO2 =0.2 oppure
PaO2<80 mmHg con O2 supplementare
2 tipi di studi inclusi:
- Applicazione di NIV in pz 
  |
- Applicazione di NIV in pz  |  
Pazienti con A conclamata
Pazienti a rischio di A: unziona, non perdere tempo
Inclusione: Chirurgia addominale con esposizione di visceri >90 min
PaO2/iO2 <300

Esclusione: Età <18 o >80


NYHA classi II, III e IV
Cardiomiopatia, Valvulopatie, Patologie cardiache ischemiche
COPD, Asma, Disturbi del sonno
B I>40
racheostomia, deformità di collo/torace
Chirurgia Aorta addominale recente
Chemioterapia o terapia immunsoppressiva nei 3 mesi prec.
Ipercapnia (50 mmHg con pH<7.3) prima della randomizzaz.
Ipotensione (PA sistolica <90 mmHg)
Ipossiemia (SaO2<80% con iO2=1)
Anemia
Ipoalbuminemia o ipercreatininemia
GCS<12
andomizzazione: 6 ore con O2 in maschera Venturi con IO2=0.5
oppure
CPAP=7.5 cmH2O e IO2=0.5

poi

rial con O2 in maschera Venturi con IO2=0.3


se PaO2/iO2 <300 tornavano al trattamento assegnato
Se PaO2/iO2 >300 trattamento interrotto

Intubati se:
Ipossiemia grave (SaO2<80% con iO2=1)
Acidosi respiratoria (CO2 50 mmHg con pH<7.3)
Instabilità emodinamica o aritmie gravi
Agitazione richiedente sedazione
GCS<9
Arresto Cardiaco
NOE:

Studio focalizzato su atelettasia postoperatoria ïprimaria

¶applicazione della NIV è stata immediata

Interrotto per eccesso di beneficio sull¶endpoint primario


acchine & Interfacce
aschera nasale
Indicata per pazienti
più collaboranti, svegli
e lucidi

Scarsa aerofagia

osse spontanea

Più tollerata, permette


al paziente di bere,
espettorare e
comunicare
aschera facciale
Indicata per pazienti
meno collaboranti

iduce al minimo le
perdite

Non permette
l¶espettorazione

esioni da decubito
Casco CPAP
In genere più
tollerato dai
pazienti (!)

Non determina
ematomi ed
edemi

Sono conservate
la parola e
l¶integrità delle vie
aeree rendendo
più confortevole la
ventilazione
 |

˜ Sistemi ad alto flusso


˜ CPAP tipo Boussignac
|   
unzionamento
|   

Vantaggio più grande:

  dalla disponibilità di una macchina


Altri Problemi con CPAP
˜ olleranza del Paziente
˜ Addestramento personale
˜ uogo fisico di esecuzione
˜ Disponibilità strumentario di intubazione