Sei sulla pagina 1di 18

MORFOLOGIA

© 2011 De Agostini Scuola


Morfologia

 L’ambito di azione della morfologia è la


struttura della parola.

© 2011 De Agostini Scuola


La parola

 È la minima combinazione di elementi dotati di significato


(i morfemi) costruita spesso attorno ad una base lessicale
 Un morfema è l’unità minima di prima articolazione, il più
piccolo pezzo significante di una lingua portatore di
significato proprio (es. dentale = dent-, -al-, -e)

© 2011 De Agostini Scuola


• Il morfema è l’unità pertinente a livello di sistema.
Il morfo è un morfema inteso come forma, dal punto
di vista del significante, prima e indipendentemente
dalla sua analisi funzionale e strutturale.

• L’allomorfo è la variante formale di un morfema,


cioè è ciascuna delle forme diverse in cui può
presentarsi uno stesso morfema.

© 2011 De Agostini Scuola


• Suppletivismo: casi in cui un morfema lessicale in certe
parole derivate viene sostituito da un altro morfema dalla
forma totalmente diversa (e spesso i diversa origine
etimologica) ma con lo stesso significato
(es. acqua e idrico, fegato e epatico, ecc.)

© 2011 De Agostini Scuola


Tipi di morfemi

1. Classificazione funzionale
In base alla funzione dei morfemi, al valore che recano
nel contribuire al significato delle parole

2. Classificazione posizionale
In base alla posizione che i morfemi assumono nella
parola e al modo in cui contribuiscono alla sua
struttura

© 2011 De Agostini Scuola


1.Classificazione funzionale

© 2011 De Agostini Scuola


In italiano le cosiddette parole funzionali (gli articoli, i
pronomi personali, le preposizioni, le congiunzioni)
difficilmente sono identificabili come morfemi lessicali o
grammaticali.

Una distinzione, che mal si adatta all’italiano, è:

• morfemi liberi = morfemi lessicali


• morfemi legati = morfemi grammaticali

© 2011 De Agostini Scuola


La derivazione dà luogo a parole regolandone i
processi di formazione

La flessione dà luogo alle forme di una parola


regolandone il modo in cui si attualizzano nelle frasi

Derivazione e flessione costituiscono i due grandi


ambiti della morfologia.

© 2011 De Agostini Scuola


2. Classificazione posizionale

Affissi:
 Prefissi
 Suffissi
 Infissi
 Circonfissi
 Transfissi

© 2011 De Agostini Scuola


Altri tipi di morfemi
• Sostitutivi
• Zero
• Soprasegmentali
• Cumulativi ----> Amalgama

• Processi morfologici: la reduplicazione

© 2011 De Agostini Scuola


I morfemi derivazionali

Mutano il significato della base a cui si applicano modificando la


classe di appartenenza della parola e la sua funzione
semantica, o sfumandone il senso (es. da dormire, dormitorio).

Essi permettono inoltre la formazione di un numero teoricamente


infinito di parole a partire da una certa base lessicale: una
famiglia di parole (o famiglia lessicale).

© 2011 De Agostini Scuola


 Suffissoidi (es. sociologia)
 Prefissoidi (es. cronometro)
 Parole composte (es. portacenere)
 Unità lessicali plurilessematiche (es. essere al verde)
 Unità lessicali bimembri (es. ufficio concorsi)
 Sigle o acronimi (es. CGIL, TFR, SMS)
 Parole macedonia (es. ristobar)

© 2011 De Agostini Scuola


 Suffissazione
 Prefissazione
 Alterazione ----> aggiunta di un valore valutativo, tramite
suffissi, alla base lessicale (es. gattino, finestrella)
 Conversione ----> coppie di parole aventi la stessa radice
lessicale ed entrambe prive di suffisso fra le quali, in termini
meramente derivazionali, non è possibile stabilire quale sia la
parola primitiva e quale la derivata (es. giocare, gioco)

© 2011 De Agostini Scuola


Categorie grammaticali
Morfologia nominale:
• genere
• numero
• caso
• grado
• definitezza
• possesso
• ecc.

© 2011 De Agostini Scuola


Categorie grammaticali
Morfologia verbale:
• modo
• tempo
• aspetto
• diatesi
• persona

© 2011 De Agostini Scuola


Categorie lessicali o parti del
discorso
• nome, o sostantivo
• aggettivo
• verbo
• pronome
• articolo
• preposizione
• congiunzione
• avverbio
• interiezione

© 2011 De Agostini Scuola


Due diversi modi di funzionamento della morfologia flessionale:

La flessione inerente riguarda la marcatura a cui viene


assoggettata una parola in isolamento, a seconda della classe di
appartenenza, per il solo fatto di essere selezionata nel lessico e
comparire in un messaggio.

La flessione contestuale è quella che dipende, appunto, dal


contesto: specifica una forma e seleziona i relativi morfemi
flessionali in relazione al contesto in cui la parola viene usata,
dipendendo quindi dai rapporti gerarchici che si instaurano fra le
parole all’interno della frase.

© 2011 De Agostini Scuola