Sei sulla pagina 1di 5

Relatività

2. La relatività ristretta
2.2 Lo spazio-tempo
 Un evento nello spazio-tempo è individuato
da quattro numeri (t, x, y, z) che forniscono
l’istante t in cui il fenomeno è avvenuto e le
tre coordinate spaziali del punto in cui esso
ha avuto luogo.
 Analogamente allo spazio ordinario, nello spazio-tempo esiste una
quantità, detta intervallo invariante, che dipende soltanto dai due
eventi e non dal particolare sistema di riferimento usato per
descriverli.

 Si chiama spazio-tempo (o spazio di Minkowski) lo spazio


quadridimensionale (t, x, y, z) nel quale l’intervallo invariante tra due
eventi è (Δσ)2 ≡ (c Δt)2 – (Δx)2 - (Δy)2 - (Δz)2
2.4 La composizione delle velocità
 Un punto materiale, che ha velocità u rispetto a un sistema di
riferimento S, quando è osservato in un sistema di riferimento S’,
che si muove rispetto a S con velocità v, risulta avere velocità
uv u 'v
u'  u formula
uv uv
1 2 1 2 inversa
c c
 Se il prodotto uv è piccolo rispetto a c2, il denominatore è
praticamente uguale a 1 e si ottiene la formula di Galileo.
 Sono compatibili con il
postulato di invarianza della
velocità della luce
(esempio 2 pag. 448)
2.5 L’equivalenza tra massa ed energia
 La massa è una forma di energia: trasformazioni di massa in
energia e di energia in massa.

 Relazione di Einstein
E = m c2

 Un corpo fermo e non soggetto a forze possiede una energia di


riposo E0 per il solo fatto di avere una massa (di riposo) m0
E0 = m0 c2

 Esperimenti sulle particelle elementari:


materializzazione di particelle a spese della scomparsa di energia
e, viceversa, annichilazione di due particelle con conseguente
emissione di energia
2.6 Dinamica relativistica
m0 c 2
Energia totale
E 2
  m0 c 2
v
relativistica 1  
c
la velocità della luce c risulta una velocità limite:
nessun corpo può raggiungerla né, tantomeno,
superarla (energia infinita)

Energia cinetica Massa relativistica Quantità di moto


relativistica è funzione della velocità relativistica

m0  m0 v 
m   m0  p  mv    m0 v
K r     1 m0c 2 2 2
v v
1   1  
c c

m0=massa di riposo (v=0)