Sei sulla pagina 1di 14

IL PRINCIPE

Nicola Gallucci
LE VICENDE COMPOSITIVE

 Nel 1513 Machiavelli annuncia il primo nucleo


del Principe con un epistole al suo amico
Francesco Vettori
 Nel 1514 l’opera si trasformò da un’opera
scientifica ad una politica.
 L’opera non fu presa in considerazione né da
Lorenzo il Magnifico né da Leone X
 Nel 1532, a Roma e a Firenze, fu pubblicata la
prima edizione di stampa, dopo la morte
dell’autore
 Successivamente l’opera ebbe dei cambiamenti
lessicali, sintattici e anche nel titolo
STRUTTURA E CONTENUTI

STRUTTURA CONTENUT
LA PRIMA PARTE I
o Il principe è costituito da 26 capitoli più  Comprende i SECONDA PARTE
capitoli I-XI
una dedica iniziale rivolta a Lorenzo II  Comprende i
de’ Medici.  Riflessione sulla capitoli XII-XXVI
o L’intero poema è diviso in due parti con natura del potere  Alla scienza della
temi diversi, accomunati dal tema della principesco
politica si aggiunge
formazione di un principato equilibrato  Classificazione tipi un testo militante
o L’opera si conclude con un auspicio in e dinamiche di  Tema delle armi,
cui l’autore auspica l’avvento di un conservazione dei
del comportamento
principe rifondatore principati
del principe e della
situazione politico-
militare italiana
PRIMA PARTE: LA NATURA DEI
PRINCIPATI
TEMI - PRIMA  Illustrazione vari tipologie di principati e per

PARTE
ciascuno individua delle regole da seguire per
conservare il governo.
 Distinzione fra etica e politica
 Distinzione fra condottieri che arrivano al governo
per le proprie virtù e chi utilizza armi altrui o la
fortuna
 Analisi delle garanzie per la vita di uno stato
 Analisi principati ecclesiastici
 Azioni dell’ideale «principe vecchio» (già detiene
il potere) e quelle del principe «nuovo»
TEMI PER CAPITOLI - PRIMA PARTE

CAPITOLO TEMA
I Dedica
II-V Illustrazione tipologie di principati e regole da seguire per ottenere e conservare il governo.
VI Analisi dei condottieri che con forza e virtù raggiungono il potere (Mosé, Romolo).
Analisi di principi arrivato al potere per fortuna o per appoggio delle armi altrui (duca Cesare
VII
Borgia).
VIII Uso della crudeltà e della scelleratezza per il controllo del potere
Principati civili, il principe è eletto dal popolo
IX-X Analisi delle tre garanzie per la vita di uno stato: esercito adeguato alla difesa, fortificazioni della
città e fedeltà dei cittadini.
XI Analisi dei principati ecclesiastici
IL METODO METODO E
 Machiavelli, nella sua opera, si basa sulla realtà dei
fatti osservando, con l’occhio da scienziato, tutte le
azioni dei principi del passato e le conseguenti
DEDICA
reazioni della massa e della storia. Quindi, l’autore
si impernia sulla verità osservabile per LA DEDICA
argomentare la sua tesi usando, inoltre, i metodi
induttivi (dall’astrazione alla dimostrazione reale)  All’inizio dell’opera, Machiavelli introduce una
e deduttivi (dall’esperienza alle norme generali). dedica a Lorenzo II. La dedica alla famiglia dei
Medici è un tentativo dell’autore per avvicinarsi
 Machiavelli si allontana dagli «specula principis»
al governo in auge e alla città fiorentina, a
medievali, ovvero il modello delle virtù ideali,
seguito del suo esilio.
quindi irreali, di un principe.
 Nella lettera a Vettori, Machiavelli esprime il
volere di dedicare l’opera a Giuliano de’ Medici,
ma improvvisamente cambia il destinatario. Il
motivo non è ancora conosciuto
 Giuliano era un uomo con alcuna esperienza
politica e più interessato alle arti che alle armi e
quindi incarnava il ruolo del «principe nuovo».
Invece, Lorenzo II era la vera carica politica
fiorentina e incarna
LA SECONDA PARTE: L’ARTE DELLA GUERRA
E L’ETICA DEL PRINCIPE
 L’arte della guerra – critica agli eserciti
mercenari
TEMI - SECONDA
 Analisi della condotta dell’uomo di governo –
distinzione fra etica ideale ed etica effettuale
PARTE
 Metodo per farsi stimare dal popolo
 Pessimismo antropologico: gli uomini sono
naturalmente malvagi
 Esame della situazione italiana
 Rapporto tra virtù e fortuna
 Auspicio finale: avvento di un principe
rifondatore
TEMI PER CAPITOLO – SECONDA
PARTE

CAPITOLI TEMI
XII-XIV L’arte militare e la guerra (le milizie mercenarie, ausiliarie, miste e proprie)
XV-XIX Etica del principe e le sue qualità
XX-XXI Come essere stimato e tenere al sicuro uno stato
XXII-XXIII I consiglieri e gli adulatori (il diritto e il dovere della verità)
XXIV Virtù e fortuna in politica
XXV Auspicio finale ai medici
IL PESSIMISMO AUSPICIO E
L’intero «Principe» è dominato da una cupa
PESSIMISMO

e sconsolata tristezza antropologica. Gli
uomini sono malvagi per natura e, proprio
per natura, sono spinti nell’atto di compiere
azioni malevoli. L’AUSPICIO
 Governare vuol dire impedire che la
malvagità umana si scateni logorando e
 L’auspicio finale è collegato al capitolo
distruggendo lo stato. A tal proposito, al XXVI, in cui si tratta della difficile
principe è ammesso usare atti violenti e situazione italiana. Nel capitolo XVI, lo
feroci per reprimere la malvagità scrittore auspica l’avvento di un principe
rifondatore che riesca a riportare l’Italia,
 Le relazioni fra uomini sono conflittuali e unendola, di nuovo al vertice dell’Europa.
dettate dall’utilitarismo. Il compito del
Principe è quello di trovare la via migliore
 Il destinatario è Lorenzo de’ Medici che è
per il proprio stato. invitato a farsi capo dell’Italia intera per
unificarla ed eliminare gli stranieri.
STILE E LINGUA

 Originalità stilistica: stile persuasivo,


penetrante, rapido e risolutivo
 Uso di sintesi e scrittura concentrata in
contesti diversi  Sfruttamento di espressioni eleganti,
formalismi e latinismi
 Utilizzo di argomentazioni salde legate fra
loro con un procedimento dilemmatico che fa  Grande impiego di similitudini e simbolismi
uso delle antitesi come snodo di riflessione per la trasmissione degli elementi
fondamentali
 Impiego del «principio della sottrazione»:
focus sugli elementi chiave del discorso ed  Vari registri linguistici
eliminazioni parti superflue
GRAZIE PER L’ATTENZIONE
NICCOLO’ MACHIAVELLI
IL PRINCIPE

GALLUCCI NICOLA