Sei sulla pagina 1di 50

Corso di Geomorfologia: Lezione 1

Geomorfologia
strutturale
(parte II)
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

SUPERFICIE DI SPIANAMENTO: corrisponde in generale ad una forma generata in


completa assenza di controllo sia tettonico che strutturale sulla morfologia.
Si trovano in letteratura diversi termini associati:

\7
PENEPIANO: termine coniato da DAVIS (1889) che lo inserì nel suo “Ciclo d’erosione”; indica una pianura
d’erosione quale stadio finale dell’evoluzione del paesaggio da morfologie “giovani” aspre a morfologie “vecchie”
e più dolci. E’ il risultato dell’azione combinata di vari agenti morfogenetici (fiumi, clima, vento ecc.)

PEDIMENT E PALEOSUPERFICIE: sono ambedue termini che indicano una superficie di spianamento in
senso lato, generatasi per meccanismi di erosione areale e non lineare (concetti associati di BIOSTASIA e
RESISTASIA). Tali condizioni sono generalmente associate a condizioni climatiche di tipo arido-caldo e
solitamente in condizioni di relativa stabilità tettonica. Esempi classici sono quelli dell’Africa australe, del Sud
America, dell’India e dell’Australia centrale, quindi di molte aree cratoniche tropicali. Ove queste morfologie si
sono formate in fasi differenti, spesso alternate a periodi di sollevamento tettonico generalizzato, si parla di
RILIEVO POLICICLICO
Soprattutto nei testi anglosassoni, la superficie di spianamento viene indicata con il termine BEVEL o
BEVELLED CUESTA (cuesta troncata)
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Pediment formation and pluvial morphogenesis in the Mojave Desert, California


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Penepiano fossilizzato dalle Arenarie di Adigrat, Etiopia settentrionale. Foto Ugo Sauro
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Superficie a debole energia del rilievo fossilizzata da una crosta lateritica.


Valle Tekezé, Eritrea meridionale. Foto Ugo Sauro.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Il penepiano paleozoico del New South Wales e la "Great Escarpment”


presso Armidale (Australia). Foto Clifford Ollier.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Il bevel della Croda del Becco negli altopiani ampezzani. Foto Ugo Sauro
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Le morfologie associate alle faglie sono generalmente forme tettoniche, sebbene spesso abbiano un carattere più
localizzato e ancor più spesso si combinino con altri agenti morfogenetici per generare forme più complesse

FAGLIE A RIGETTO VERTICALE

FAGLIA A RIGETTO OBLIQUO


Tipologia
delle faglie.

faglia normale faglia inversa

FAGLIE A RIGETTO ORIZZONTALE

trascorrente destra trascorrente sinistra


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Le principali forme tettoniche associate alle faglie sono:


HORST E GRABEN: termine

SCARPATE DI FAGLIA: termine

FACCETTE TRIANGOLARI O TRAPEZOIDALI: termine

FAGLIAZIONI DI SUPERFICIE: termine

Le principali forme di erosione selettiva associate alle faglie sono:

SCARPATE DI LINEA DI FAGLIA: termine VERSANTE DI FAGLIA:

termine
RETICOLO IDROGRAFICO NEI SISTEMI DI FAGLIA: termine
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

L’azione della tettonica distensiva dà luogo alla formazione di rilievi e


depressioni

Inversione del rilievo in un Graben. Da D.


Johnson, ridisegnato.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Graben (Nazareth, Ethiopian Rift)


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Esempio di morfologia legata ai sovrascorrimenti; l’esempio del sovrascorrimento dei Mti Sibillini. In primo piano il
Monte Vettore (panoramica da SSE) ed il contatto tra i calcari mesozoici e la formazione terrigena della Laga.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Scarpata di faglia (A) e scarpata di faglia


degradata (B). Da Miller e Westerback,
ridisegnato.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Huge scarp along the Bogd left-lateral fault system, Gobi desert
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Aerial view of Holocene fault scarp on the Wasatch fault, near American Fork Canyon, Utah
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Aerial view toward the NE of the Pu'u Kapukapu fault scarp (maximum height about 320 m) in the
Hilina fault system, south flank of Kilauea Volcano, Hawaii islands.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Scarpata di faglia cosismica (1872) di Lone Pine, Owens Valley, California, che disloca un conoide attivo.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Scarpata di faglia (Gariboldi complex, Ethiopian Rift)


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Scarpata di faglia (Nazareth, Ethiopian Rift)


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Hanaupah fault scarp - Death Valley


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Fault scarp of the Lost River normal fault above Mackay, Idaho, in 1987
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Free-face su piano di faglia, sviluppatasi in occasione del terremoto umbro-marchigiano del 26


settembre 1997 (Costa, MC)
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Porzione dello specchio di faglia del M. Parasano, in Abruzzo, localmente messo in luce per erosione selettiva
dei depositi di versante.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Esumazione di una scarpata di faglia.


L’attività della faglia si conclude nella
fase A. I lembi residui della copertura
alluvionale, preservati all’interno delle
valli (fase C), consentono il
riconoscimento della genesi di questa
morfostruttura. Le frecce indicano in
quale fase la faglia è stata attiva. Da D.
Johnson, modificato.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Scarpata esumata, Massiccio del Marguareis (CN).


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Il pendio di faglia dei Monti della Duchessa-Monte Velino da M. S. Mauro


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Versante di faglia del Monte Vettore (Marche, Italia)


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

UPTHFIOWN FAULT BLOCK

ViliIey floora fiMed with BedrocK


Telon Tault Zone Steep sedimenta of cocuies, Q Sedirnentery r0CK layett nm worn ffwpy
gravai. artd flanrt
eiiElerf tace Ge il e
1 Ihfeafe rnafijhed '^verR 5
Q Sòdtmentary ■ od- lavora
^Hhttirn s-apt:
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Figure 4.12 Erosion of fault scarps. A. Faulting produces a fault scarp. B. Erosion of valleys in the
fault scarp produces flatirons. C. Erosion wears away the thin resistant layer in the
topographically high footwall block and levels the topography. D. Erosion reaches the level of the
resistant layer in the hanging wall block. More rapid erosion in the less resistant layers in the
footwall block leaves a topographic step, a fault line scarp.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Ari ,-i‘ >

Scffi
Faccette triangolari nella valle dell’Amo fra Le Sieci e Rosano, a monte di Firenze
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Sviluppo, per erosione selettiva di una gradinata di faglia, di una scarpata di linea di faglia resequente (cioè congruente
rispetto alla struttura tettonica, a sinistra) e di una scarpata di linea di faglia obsequente (incongrua, speculare rispetto
alla struttura, a destra). È opportuno evidenziare che, in questo schema, l’attività delle faglie precede il modellamento
erosivo. Da Miller & Westerback, ridisegnato.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Scarpata di linea di faglia al contatto fra i calcari del Lias e gli erodibili sedimenti neogenici. Plakias Isola
di Creta.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Rete idrografica e struttura geologica


Si definisce PATTERN IDROGRAFICO una configurazione delle linee di impluvio (e quindi dell’idrografia superficiale) che tiene conto del loro
“disegno”, della densità e del tipo di confluenza. Esistono diversi tipi:

DENDRITICO: tipico di terreni omogenei, impermeabili e a limitata acclività


(rocce magmatiche e metamorfiche solitamente senza un preciso controllo
tettonico)
SUBDENDRITICO: come il precedente ma caratterizzato da un certo
controllo tettonico
PINNATO: differente dal primo per l’esigua lunghezza dei collettori
v Dendritico Subdendrltico
secondari; tipico di terreni omogenei, impermeabili a morfologia pianeggiante
DIVERGENTE: caratterizza i delta e le conoidi
CONVERGENTE: terreni poco permeabili a sensibile acclività
PARALLELO: terreni impermeabili, sensibile acclività e controllo da parte di
fratture sub-parallele
Divergente Convergente Parallelo ANGOLATO: controllo struttrale di due fasci di faglie, fratture o discontinuità
litologiche
RADIALE CENTRIFUGO: tipico dei coni vulcanici, domi tettonici, diapiri,
inselberg ecc.
RADIALE CENTRIPETO: tipico delle depressioni (vulcaniche, carsiche,
tettoniche ecc.)
Radiale centrifugo Radiale centripeto ANULARE: tipico di rilievi pseudo-conici a gradinata con alternanze di
litotipi a diversa erodibilità
MEANDRIFORME: caratteristico delle pianure alluvionali
ANASTOMIZZATO: tipico di aree a notevole sedimentazione come zone
pedemontane o proglaciali

Anu are MeancirifDrm Anastomlzzata


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Varie tipologie di
reticoli dendritici.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Dendritic
Fractures
Ridge

Radial Trellis
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

r<.
C-K 2 km
r— / * l
v
. MILANO
,' ^9 I
V TORINO

GENOVAXÌ
F RENZE

Valle Mosso
T. Patitone

© Strona

O erosa

Valdengo

Esempio di reticolo rettangolare. I segmenti ad andamento WSW-ENE sono impostati lungo il Sistema della Cremosina. I
segmenti ortogonali a questi seguono per lo più il pendio regionale, talora in presenza di un controllo strutturale
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Rapporti fra reticolo


idrografico e strutture a
pieghe in un settore
dell’Appennino umbro.
Foglio Cagli 290 - 1:50.000
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Esempio di reticolo rettangolare (scudo canadese)


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Il fenomeno dell'antecedenza e
della sovrimiiosizione
Sono ambedue termini che servono per spiegare l’apparente incongruenza fra struttura geologica ed
idrografia superficiale

ANTECEDENZA: fenomeno
nel quale un corso d’acqua (più
antico quindi antecedente )
mantiene il suo tracciato attraverso
una struttura tettonica attiva

Schema classico di antecedenza. Da Lobeck, ridisegnato


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

SOVRIMPOSIZIONE: detto anche EPIGENESI, è il fenomeno che indica “la permanenza del tracciato di un corso
d’acqua durante l’incisione quando esso incontra in profondità condizioni litostrutturali diverse da quelle che avevano
determinato il tracciato stesso” (Castiglioni, 1986)

Schema classico di sovrimposizione. Da Lobeck, ridisegnato.


Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Reticolo idrografico e morfostrutture


dell’Appennino umbro-marchigiano; il
tracciato fluviale si è qui impostato per il
fenomeno dell’antecedenza e si è poi
approfondito per sovrimposizione.
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)
Materazzi M. - Corso di Geomorfologia: Lezione 1 - Geomorfologia strutturale (parte II)

Fault scarp (bright yellowish line at base of mountains), which formed in association with the
1915 Pleasant Valley earthquake