Sei sulla pagina 1di 126

A.

Martini
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Quando l’onda raggiunge lo specchio vi si
“appiattisce” contro, poi viene riflessa capovolta
mentre allo specchio continua ad arrivare Specchio
l’onda proveniente dal generatore.

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Da questo momento in poi la zona tra la
sorgente e lo spechio sarà interessata da una
perturbazione di questo tipo Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda
Si possono individuare delle zone particolari che chiameremo:

Specchio

Generatore
d’onda
Si possono individuare delle zone particolari che chiameremo:
NODI
Specchio

Generatore
d’onda
Si possono individuare delle zone particolari che chiameremo:
NODI
Specchio

Generatore
d’onda
Si possono individuare delle zone particolari che chiameremo:
NODI
Specchio

Generatore
d’onda

VENTRI
Si possono individuare delle zone particolari che chiameremo:
NODI
Specchio

Generatore
d’onda

VENTRI
NODI
in questi punti non vi è energia!!!!! Specchio

Generatore
d’onda

VENTRI
in queste zone c’è energia!!!!!
Specchio

Generatore
d’onda
Questa onda si chiama: STAZIONARIA
Specchio

Generatore
d’onda
POSSIAMO SCRIVERE L’EQUAZIONE DELL’ONDA
STAZIONARIA
Specchio

Generatore
d’onda
POSSIAMO SCRIVERE L’EQUAZIONE DELL’ONDA
STAZIONARIA
Specchio
TRADUCENDO IN FORMULE QUESTA
AFFERMAZIONE:

Generatore
d’onda
POSSIAMO SCRIVERE L’EQUAZIONE DELL’ONDA
STAZIONARIA
Specchio
TRADUCENDO IN FORMULE QUESTA
AFFERMAZIONE:

Generatore
d’onda

L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,


ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T
Stessa AMPIEZZA

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T
Stessa lunghezza d’onda

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T
Stesso periodo (quindi: stessa frequenza)

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T

Di conseguenza: stessa velocità! (V=/T =.f)


L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T
Onda che avanza

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T
Onda che avanza

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T

Onda che torna indietro


L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T

Le due onde hanno fase opposta


L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T

Per scrivere l’equazione dell’onda risultante occorre


SOMMARE le due equazioni precedenti
L’onda stazionaria è la sovrapposizione di due onde identiche,
ma aventi velocità opposte e sfasate tra loro di , dato che sono
in opposizione di fase

Y1(x,t) = A sen 2 ( x - t )+


 T

Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t ) - 
 T
Y1(x,t) =A sen 2 ( x -
t )+ Y2(x,t) = A sen 2 ( x +
t )- 
 T  T
Y1(x,t) =A sen 2 ( x -
t )+ Y2(x,t) = A sen 2 ( x +
t )- 
 T  T
Y (x,t) = Y1 (x,t) + Y2 (x,t)
Y1(x,t) =A sen 2 ( x -
t )+ Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t )- 
 T  T
Y (x,t) = Y1 (x,t) + Y2 (x,t)

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + A sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T
Y1(x,t) =A sen 2 ( x -
t )+ Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t )- 
 T  T
Y (x,t) = Y1 (x,t) + Y2 (x,t)

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + A sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T
Y1(x,t) =A sen 2 ( x -
t )+ Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t )- 
 T  T
Y (x,t) = Y1 (x,t) + Y2 (x,t)

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + A sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T
Y1(x,t) =A sen 2 ( x -
t )+ Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t )- 
 T  T
Y (x,t) = Y1 (x,t) + Y2 (x,t)

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + A sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T
Raccogliamo A a fattor comune
Y1(x,t) =A sen 2 ( x -
t )+ Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t )- 
 T  T
Y (x,t) = Y1 (x,t) + Y2 (x,t)

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + A sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T
Y1(x,t) =A sen 2 ( x -
t )+ Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t )- 
 T  T
Y (x,t) = Y1 (x,t) + Y2 (x,t)

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + A sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T

Risolviamo la parentesi
Y1(x,t) =A sen 2 ( x -
t )+ Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t )- 
 T  T
Y (x,t) = Y1 (x,t) + Y2 (x,t)

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + A sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T
Y1(x,t) =A sen 2 ( x -
t )+ Y2(x,t) = A sen 2 ( x + t )- 
 T  T
Y (x,t) = Y1 (x,t) + Y2 (x,t)

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + A sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T

Y (x,t) =A sen 2 ( x- t ) +  + sen 2 ( x+ t ) - 


 T  T

Y (x,t) =A sen 2 x - 2 t +  + sen 2 x + 2 t - 


   
Dalla trigonometria sappiamo che:

   
sen  sen  2 sen cos
2 2
Applichiamola alla formula appena calcolata:

   
sen  sen  2 sen cos
2 2
Applichiamola alla formula appena calcolata:

   
sen  sen  2 sen cos
2 2

Y (x,t) =A sen 2 x - 2 t +  + sen 2 x + 2 t - 


   
Applichiamola alla formula appena calcolata:

   
sen  sen  2 sen cos
2 2

Y (x,t) =A sen 2 x - 2 t +  + sen 2 x + 2 t - 


   
Applichiamola alla formula appena calcolata:

   
sen  sen  2 sen cos
2 2

Y (x,t) =A sen 2 x - 2 t +  + sen 2 x + 2 t - 


   
2 x 2 x 2 t 2 x 2 x 2 t
2 t +  + 2 t +  - -
-   +

-

-   +


Y (x,t) =2A sen cos
2 2

   
sen  sen  2 sen cos
2 2

Y (x,t) =A sen 2 x - 2 t +  + sen 2 x + 2 t - 


   
2 x 2 x 2 t 2 x 2 x 2 t
2 t +  + 2 t +  - -
-   +

-

-   +


Y (x,t) =2A sen cos
2 2

2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t
         
di
YY (x,t)
x ,t  2 Asen
 T
2
 T
cos
 T
2
 T
2 x 2 x 2 t 2 x 2 x 2 t
2 t +  + 2 t +  - -
-   +

-

-   +


Y (x,t) =2A sen cos
2 2

2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t
         
di
YY (x,t)
x ,t  2 Asen
 T
2
 T
cos
 T
2
 T
2 x 2 x 2 t 2 x 2 x 2 t
2 t +  + 2 t +  - -
-   +

-

-   +


Y (x,t) =2A sen cos
2 2

2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t
         
di
YY (x,t)
x ,t  2 Asen
 T
2
 T
cos
 T
2
 T
2 x 2 x 2 t 2 x 2 x 2 t
2 t +  + 2 t +  - -
-   +

-

-   +


Y (x,t) =2A sen cos
2 2

2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t
         
di
YY (x,t)
x ,t  2 Asen
 T
2
 T
cos
 T
2
 T
2 x 2 x 2 t 2 x 2 x 2 t
2 t +  + 2 t +  - -
-   +

-

-   +


Y (x,t) =2A sen cos
2 2

2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t
         
di
YY (x,t)
x ,t  2 Asen
 T
2
 T
cos
 T
2
 T

4 X 4t
  2
bg
, t  2 Asen
YY x(x,t)= 
2
cos T
2
2 x 2 x 2 t 2 x 2 x 2 t
2 t +  + 2 t +  - -
-   +

-

-   +


Y (x,t) =2A sen cos
2 2

2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t 2 X 2 t
         
di
YY (x,t)
x ,t  2 Asen
 T
2
 T
cos
 T
2
 T

4 X 4t
  2
bg
, t  2 Asen
YY x(x,t)= 
2
cos T
2

2 X  2 t  2 
bg
x , t  2Asen
YY (x,t)=

cos
T
2 X 2 t
Y (x , t)  2Asen cos  
 T
2 X 2 t
Y (x , t)  2Asen cos  
 T
Questo significa che, per qualunque valore di t,
2 X 2 t
Y (x , t)  2Asen cos  
 T
Questo significa che, per qualunque valore di t,
(Cioè: SEMPRE)
2 X 2 t
Y (x , t)  2Asen cos  
 T
Questo significa che, per qualunque valore di t,
(Cioè: SEMPRE)
CI SONO DEI PUNTI CHE HANNO AMPIEZZA
ZERO
2 X 2 t
Y (x , t)  2Asen cos  
 T
Questo significa che, per qualunque valore di t,
(Cioè: SEMPRE)
CI SONO DEI PUNTI CHE HANNO AMPIEZZA
ZERO

(Cioè: ci sono dei punti che stanno SEMPRE FERMI:


I NODI!)
2 X 2 t
Y (x , t)  2Asen cos  
 T
Questo significa che, per qualunque valore di t,
(Cioè: SEMPRE)
CI SONO DEI PUNTI CHE HANNO AMPIEZZA
ZERO

(Cioè: ci sono dei punti che stanno SEMPRE FERMI:


I NODI!)
Sono quelli per i quali vale la relazione:
2 X 2 t
Y (x , t)  2Asen cos  
 T

2X
sen 0

(Cioè: ci sono dei punti che stanno SEMPRE FERMI:


I NODI!)
Sono quelli per i quali vale la relazione:
2 X 2 t
Y (x , t)  2Asen cos  
 T

2X
sen 0

(Cioè:
Infatti
ci sono
quando
dei punti
si verifica
che stanno
questa
SEMPRE
condizione,
FERMI:
I NODI!)
Y(x,t) risulta uguale a zero
Sono quelli per i quali vale la relazione:
2 X 2 t
Y (x , t)  2Asen cos  
 T

2X
sen 0

(Cioè: ci sono dei punti che stanno SEMPRE FERMI:


I NODI!)
Sono quelli per i quali vale la relazione:
2X
sen 0

Questo si ha quando:

2X
 n

2X
sen 0

Questo si ha quando:

2X
 n


X n n  1, 2 , 3, ...
2
2X
sen 0

Questo si ha quando:

2X
 n


X n n  1, 2 , 3, ...
2
Vediamo alcuni esempi
Specchio

Generatore
d’onda

n=1

X 
2 Specchio

Generatore
d’onda

n=1

X 
2 Specchio

Generatore
d’onda

n=1

X 
2 Specchio

Generatore
d’onda

n=1

X 
2 Specchio

Generatore NODI
d’onda

n=1

X 
2 Specchio

VENTRE

Generatore
d’onda

n=1

X 
2 Specchio

VENTRE

Generatore
d’onda

1 VENTRE

n=1
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda

n=2

X 2 
2 Specchio

Generatore
d’onda

n=2

X 2 
2 Specchio

Generatore
d’onda

n=2

X 2 
2 Specchio

Generatore
d’onda

n=2

X 2 
2 Specchio

Generatore NODI
d’onda

n=2

X 2 
2 Specchio

VENTRE VENTRE

Generatore
d’onda

n=2

X 2 
2 Specchio

VENTRE VENTRE

Generatore
d’onda

2 VENTRI

n=2
Specchio

Generatore
d’onda
Specchio

Generatore
d’onda

n=3
 3
X  3  
2 2 Specchio

Generatore
d’onda

n=3
 3
X  3  
2 2 Specchio

Generatore
d’onda

n=3
 3
X  3  
2 2 Specchio

Generatore
d’onda

n=3
 3
X  3  
2 2 Specchio

Generatore
d’onda

NODI

n=3
 3
X  3  
2 2 Specchio

VENTRE VENTRE VENTRE

Generatore
d’onda

n=3
 3
X  3  
2 2 Specchio

VENTRE VENTRE VENTRE

Generatore
d’onda

n=3 3 VENTRI
eccetera...
Un’applicazione molto nota ai musicisti è questa:

Se questo è il
suono di una
corda quando
non è premuta

Sfiorando la corda con


un dito, senza premerla,
si ottiene l’armonica
superiore