Sei sulla pagina 1di 40

Comunicazione Non Verbale

“Un Gesto vale più di mille Parole”


Definizione:
La comunicazione non verbale è quella parte
della comunicazione che comprende tutti gli aspetti di
uno scambio comunicativo che non riguardano il
livello puramente semantico del messaggio, ossia
il significato letterale delle parole che compongono il
messaggio stesso, ma che riguardano
il linguaggio del corpo, ossia la comunicazione non
parlata tra persone. Inoltre importantissimi sono i
tanti codici della cultura comune i quali ci aiutano a
capire i vari messaggi che le parole, i toni e i
movimenti del corpo, esprimono solo parzialmente.
Elementi del L.N.V.
• Sistema PARALINGUISTICO: (Tono, Frequenza,
Ritmo, Silenzio)

• Sistema CINESICO: (movimenti del corpo)


Contatto visivo, Mimica facciale, Postura del corpo,
Gesti.

• PROSSEMICA: disposizione e distanza tra persone

• APTICA: Tatto
La comunicazione avviene per
l’80 % attraverso canali Non
Verbali.
La C.N.V. è una esteriorizzazione
della nostra Dimensione Emotiva/
Inconscio.
Questa può essere COERENTE o in
DISACCORDO con la nostra dimensione
LOGICO/RAZIONALE.
Sigmund Freud
Per quanto crediamo di prendere decisioni attraverso la sfera
Logico/Razionale, È in realtà spesso la nostra dimensione Emotiva
che ci condiziona a nostra insaputa.
Psicosintesi.
Modello secondo
Roberto Assagioli
Inconscio/Sfera Emotiva:
• Si Nutre di Emozioni. Non importa se siano
Positive o Negative.
• Procede per Simboli ed Analogie
• Segue abitudini e “Modelli Affettivi” appresi
nell’infanzia/adolescenza.
• E’ sovente Occultata e Censurata dalla Sfera
Logico-Razionale.
• Sensibile a: Ipnosi, Meditazione, Musica, Arte,
Subliminale, Simboli, Colori, Profumi, L.N.V.
ecc
Sfera Logico Razionale:

• Giudica e filtra.
• Segue i condizionamenti culturali e
personali e la morale comune.
L.N.V - PRECAUZIONI:

• Troppa MENTE, troppa ANALISI…


A discapito di altre dimensioni

• Scoprire cose che possono dare fastidio

..Non esagerare. Prenderla come un gioco e ironia.


Le Dimensioni Emozionali delle varie persone
dialogano tra di loro a loro insaputa.

Ad ogni AZIONE corrisponde una REAZIONE.

..Due diversi modi di procedere:

- Osservare
- Produrre una stimolazione e osservare la risposta
emotiva.
I principali Segnali:

• SCARICHI TENSIONALE

• Segnali di GRADIMENTO

• Segnali di CHIUSURA - RIFIUTO


Segnali di Scarico Tensionale
• Guardare l’Orologio – Cellulare
• Guardare le unghie, dita della propria mano
• Ridere nervosamente
• Bere frequentemente e a piccoli sorsi
• Fumare, Mangiare una caramella
• Grattarsi (fronte, testa, corpo)
• Giocare con oggetti (penna, tovagliolo, ecc..)
• Interessarsi ad Animali da compagnia
• Tic nervosi
• Andare in bagno
Tutto cio che fa passare il tempo e tiene occupate le
mani.
Segnali di RIFIUTO e di
CHIUSURA EMOTIVA

Sono tutti quei gesti che rappresentano una


BARRIERA attorno a noi, oppure un
azione di ALLONTANAMENTO da noi
oppure di PULIZIA o PRURITO.
CHIUSURA EMOTIVA:
- Braccia o Gambe incrociate (barriera)
- Oggetti intorno a noi per occupare spazio
- Spalle leggermente alzate (paura)
Segnali di RIFIUTO:
- Micro movimenti all’indietro (Allontanarsi)
- Tappare o Strisciare Naso con le dita
- Togliersi sporcizia di dosso (capello sulla maglia)
- Coprirsi (chiudere la giacca, sistemare la gonna..)
- Scalciare coi piedi
- Allontanare oggetti
- Deglutire, muscoli Mascellari rigidi
- Raschiamento con la Gola
- Guardare altrove, Piedi o Corpo posizionato in
diversa direzione (“Voglio andare via!”)
Segnali di GRADIMENTO

Aprirsi – Accarezzarsi – Movimenti Bocca e Labbra - Avvicinarsi


- Avvicinarsi, Sporgersi in Avanti
- Bacio Analogico
- Linguino (labbro sup.->Affetto/Labbro Inf.->Eros)
- Dito in bocca (oppure: Penna, Asta degli Occhiali)
- Accarezzarsi: Testa, Viso, Petto, Gambe, ecc
- Scoprirsi (sbottonarsi, rimboocare le maniche,
accorciare la gonna)
- Giocare con i Capelli (x le donne)
- Giocare con la scarpa
- Tutti i gesti di SCORRIMENTO (Giocare con
Cerniere, Anello, Braccialetto, Braccia, Penna,
Bicchiere, Oggetti.)
Oggetti:
Sono come Parte di Noi. Ci rappresentano.
E’ molto indicativo come vengono trattati
(avvinati, allontanati, indossati, ecc).

Analogie degli Oggetti:

Simboli fallici: Cravatta, Penna, Asta degli


occhiali, Posate da cucina.
Simboli Vaginali: Borsa, Zaino, Portafoglio,
Scarpe.
Tra queste tre persone, Chi è il Capo Ufficio?
Eco Posturale
In quanto Esseri Umani abbiamo la tendenza naturale ad
entrare in Empatia.
Sovente Assumiamo le Stesse Posizioni del nostro
interlocutore.
Può essere una tecnica per entrare in relazione e migliorare
la comunicazione.

GESTICOLARE:
Potenzia la comunicazione. Esprime il L.N.V.

CONSIGLI:
- Evitare di farlo troppo Velocemente
- Evitare di gesticolare Davanti al Viso
Superare Timidezze e Paure
• Timore reverenziale  Gli altri sono esseri umani con i
loro problemi, come noi.
• Paura di Essere giudicati o di dire stupidagini.. (troppa
attenzione su di se, troppa autocritica)
• Paura del Contatto Fisico  Non c’è niente di male

CONSIGLI:
- Quando non sai cosa dire  Salutare, commento
Situazionale
- Cercare i punti in comune e non le differenze
- Accettare completamente Se stessi e gli Altri
- Comportarsi da essere umano
Canali Comunicativi
ABBIGLIAMENTO e COLORI
“L’Abito ..fa il Monaco!”

VERDE: necessità di rifugiarsi in un colore


rassicurante/materno.
AZZURRO: persona introversa, molto mentale
ROSSO: Stimolante.Voglia di reagire a
depressione, desideio erotico (rossetto)
NERO: negazione
ARANCIONE: Molto adatto alla comunicazione,
Non esagerare.
Mimica Facciale
Occhi Molto Aperti: Tensione, Ipercognitivismo.
Occhi Socchiusi: Rilassamento psicofisico, Piacere.
Sopracciglia sollevate: Interesse, Ammiccamento,
Annuire.
Sopracciglia Aggrottate: Troppo pensare, Rabbia.
Labbro superiore sollevato/arricciato: Sdegno
Sorriso: guardare gli occhi (zampe di gallina)
Sorriso Asimmetrico: Imbarazzo, Falsità.

INCONGRUENZE -- BUGIA


W. Reich (1897-1957)
Armatura, Corazze Caratteriali
• Il blocco Oculare
Capacità di vedere la realtà globale.
Tendenza al contatto parziale. Comportamenti
di fuga ed evitamento. Iperproduzione
immaginativa. Fantasticherie. Competitività
repressa.
Comportamento: sguardo circospetto, paura e timidezza nel confronto, sguardo
sfuggente o Autosqualifica, squalifica o ipervalutazione degli altri.
• Il blocco Orale
Capacità di contatto con i bisogni degli altri.scarsa
autonomia e ricerca della dipendenza.
Comportamenti di rifiuto o ansia nelle relazioni. Difficoltà a dire di si o no nelle
circostanze opportune.
• Il blocco cervicale
I muscoli del collo-viso-nuca tesi e contratti.
eccessi che vanno da una prodigalità sconsiderata ad
una avarizia altrettanto immotivata e una
ambivalenza molto forte tra un desiderio di potere e
un senso di impotenza con stati di frustrazione che
rigidità mentale e psichica; atteggiamenti molto
doveristici e moralistici. critiche,rifiuto
testardaggine. Il giudizio dell’altro ha un ruolo
importante. tendenza a non mostrare difetti e
mancanze. riduzione della spontaneità nel rapporto.
Valutazione iperrazionale con distacco emotivo.
costrizione alla libertà personale.
• Il blocco Toracico
Conflitto tra razionalità ed emotività. Senso
eccessivo di responsabilità. insoddisfazione. Dolore.
Emozioni represse.
• Il blocco Diaframmatico
respiro, difficoltà a connettere ed integrare le
emozioni viscerali con le emozione della regione del
cuore. Eccessiva tolleranza alla frustrazione.
Difficoltà ad abbandonarsi al piacere, alla
gioia, alla sessualità. Vulnerabilità all’ansia.
• Il blocco Addominale - Blocco Pelvico
Difficoltà di abbandonarsi alle emozioni che vengono
vissute come potenzialmente pericolose. difficoltà
nella sessualità e con contrazioni nella zona del
bacino.
Comunicazione ENERGETICA:

CAREZZE  prima di usare il Corpo ..si accarezza con

- Gli Occhi

- La Voce,

- Campo energ. Cuore


Distonie

ASTA TRIANGOLO CERCHIO


..FINE
CONTATTI:

Tiziano Petronio
Tel. 340-470.23.11
Mail: tiziano.petronio@libero.it

Fb: Naturopatia Tiziano Petronio


Pg Fb: Benessere Natura Torino