Sei sulla pagina 1di 46

I tumori vescicali

Epidemiologia del cancro vescicale

Introduzione
La maggior parte delle neoplasie vescicali è di origine
epiteliale
La maggior parte delle neoplasie epiteliali prende
origine dall’urotelio
La maggior parte degli uroteliomi ha potenzialità
maligne
Esistono uroteliomi benigni o a bassa potenzialità
maligna
Questi tuttavia possono recidivare od acquisire
caratteristiche di malignità
Epidemiologia del cancro vescicale

Generalità
4% circa di tutte le neoplasie solide

Età più colpite 55 – 70 anni

Ca. a cellule transizionali (TCC) circa 90%

Frequenza maggiore in paesi industrializzati

Sesso maschile più colpito rispetto al femminile

Prevalenza carcinoma a cellule squamose > in Medio


Oriente ed Egitto (schistosoma haematobium)
Epidemiologia del cancro vescicale

Carcinoma a cellule di transizione (TCC)

Incidenza

TCC 93,6 % DI TUTTI I CANCRI DELLA VESCICA

TCC / Ca. CELL. SQUAMOSE = 45/1


TCC / ADENOCARCINOMA = 67/1
Epidemiologia del cancro vescicale

Carcinoma a cellule di transizione


Incidenza

Italia  più elevata al Nord (34/100.000 ab.)*

Europa  Danimarca, Belgio, Italia, G.B.

America  U.S.A.: Maggiore nella popolazione bianca

Asia  più bassa (spt. India)

*Dato riferito alla provincia di Trieste


Epidemiologia del cancro vescicale

Incidenza in Italia
4° causa di morte per neoplasia nei maschi
Rapporto uomo donna 3/1

18.000 nuovi casi all’anno (età media 65 anni)


7000 decessi all’anno

Incremento annuale 0,7 %


Riduzione mortalità annuale 1,8%
Epidemiologia del cancro vescicale

Incidenza
Maschi / femmine da 2 a 4

Rischio più elevato per i maschi in diversi studi


europei

Significatività statistica della variazione del rischio


anche dopo adattamento per etnia, fumo,
occupazione, età

Verosimile influenza degli ormoni sessuali sulla


oncogenesi vescicale
Epidemiologia del cancro vescicale

Fattori di rischio

Ambientali Occupazionali Fisici Altri

Fumo di tabacco Coloranti Schistosomiasi Età > 50 anni

Alcool Metalli Calcolosi Sesso


maschile
Analgesici Gomma
Ciclofosfamide Cuoio
Epidemiologia del cancro vescicale

Fumo di sigaretta

Fumatori R.R. > 2 rispetto ai non fumatori di


ammalarsi di Ca. vescicale

Rischio di Ca. vescicale direttamente proporzionale


al n° di sigarette fumate

Fumatori di tabacco nero > rischio di ammalarsi di


Ca. vescicale rispetto ai fumatori di tabacco biondo
Epidemiologia del cancro vescicale

Fumo di sigaretta e genetica


Effetto significativo del fumo di sigaretta sulla
mutazione dei geni p17 e p53 nel Ca. vescicale

Correlazione tra iperespressione nucleare di p53 ed


aggressività

Rilevazione di p53 (Pab 1801) valore predittivo del


comportamento biologico
Epidemiologia del cancro vescicale

Fattori occupazionali
L’esposizione professionale è il 2° più importante
rischio per Ca. vescicale

I Ca. vescicali attribuibili a fattori professionali variano


tra il 16% ed il 24%
Epidemiologia del cancro vescicale

Fattori occupazionali
LAVORAZIONI A RISCHIO PER Ca. VESCICALE
Stampa Estrazione mineraria
Plastica Metalli
Materiali sintetici Coloranti
Gomma Diserbanti
ESPOSIZIONE A
Tinture Petrolio
Vernici a spruzzo Polvere di pietra
Polveri e fumi metallici Zinco
Lubrificanti
Epidemiologia del cancro vescicale

Fattori occupazionali
Agenti cancerogeni più comuni

Benzidina Diclorobenzidina

4 aminobifenile Ortodianisidina

2 naftilammina Ortotoluidina

Amminobifenile
Epidemiologia del cancro vescicale

Fattori fisici
Infezioni da Schistosoma haematobium e Bilharzia
fortemente correlate con lo sviluppo di Ca. vescicale a
cellule squamose

Non completamente risolta la natura di questo stretto


rapporto (irritazione da uova dei parassiti?)
Tumori vescicali - Classificazione

Forme maligne (97%)


Carcinoma a cellule di transizione (> 90%).

Carcinoma a cellule squamose (6-8% circa)

Adenocarcinoma (2% circa)

Forme benigne (3%)


Cosiddetto Papilloma Benigno
Tumori vescicali - Classificazione

Papilloma benigno

Tumore papillifero costituito da un sottile asse fibro-


vascolare ricoperto da cellule di normale epitelio di
transizione costituito da meno di 6 strati ( G0 - O.M.S.)

Recidiva in oltre il 50% dei casi


Tumori vescicali - Classificazione

Carcinoma a cellule di transizione


Forma Papillomatosa
peduncolata.
Papillomatosa sessile.
Infiltrante.
Ulcerata.
Nodulare.
Mista
Sede più Trigono
frequente Pareti laterali
Tumori vescicali - Classificazione

Carcinoma a cellule squamose

Raro in Italia (Catetere a permanenza, Litiasi vescicale,


Diverticolosi vescicale).

75% dei Tumori vescicali in Egitto da Infezione Cronica


da Schistosoma Hematobium (Bilharziosi).
Tumori vescicali - Classificazione

Adenocarcinoma

Spesso associato
Primitivo: ad estrofia vescicale.
Perdita di muco e sangue
Dell’uraco: dall’ombelico e con le urine.
Metastatico
Secondario: (retto-prostata-utero-ovaio).
Tumori vescicali - Classificazione

Forme superficiali

Forme infiltranti
Tumori vescicali - Classificazione

Forme superficiali (Ta-T1)


Non coinvolgono la tonaca muscolare
(Patologia d’organo).

80% delle neoplasie vescicali.

Notevole tendenza alla recidiva locale (70%)

Tendenza a “progredire”.

Infiltrante nel 10-20% dei casi.


Tumori vescicali - Classificazione

Forme infiltranti (T2-T4)


Coinvolgono la tonaca muscolare (Patologia Sistemica).

20% delle neoplasie vescicali.

Il 5% presenta metastasi a distanza al momento della


diagnosi.
Classificazione TNM 1997

Tis

Ta

T1

T2a

T2b

T3a

T3b

T4a

T4b
Grading TCC vescicale
Classificazione UICC (1978)

G0 assenza di anaplasia.
Papilloma vero
G1 lieve anaplasia cellulare; basso grado
di malignità
G2 anaplasia cellulare intermedia; medio
grado di malignità
G3 anaplasia cellulare severa; alto grado
di malignità
Tumori vescicali - Sintomatologia

Ematuria 85%
(Macroematuria 75%, Microematuria 10-15%)

Disturbi irritativi 35%


(Pollachiuria 19%, Urgenza minzionale 10%, Disuria 4%,
Tenesmo e Bruciore minzionale 2%)

Ureteroidronefrosi 5%

Ritenzione acuta d’urine 2-3%

Sintomi generali: Anemia, Febbricola, Decadimento fisico.


Tumori vescicali - Diagnosi

Diagnosi per immagini


Ecografia (Sovrapubica, Transrettale, Transvaginale, Transuretrale)
Urografia
Uretrocistografia
T.C
R.M
Linfografia
Rx torace
Scintigrafia ossea
Tumori vescicali - Diagnosi

Ecografia
Tumori vescicali - Diagnosi

Ecografia
Tumori vescicali - Diagnosi

Ecografia
Tumori vescicali - Diagnosi

Ecografia
Tumori vescicali - Diagnosi

Urografia
Tumori vescicali - Diagnosi

Urografia
Tumori vescicali - Diagnosi

Urografia
Tumori vescicali - Diagnosi

TC
Tumori vescicali - Diagnosi

Uretrocistoscopia
Tumori vescicali - Diagnosi

Uretrocistoscopia
Tumori vescicali - Diagnosi

Uretrocistoscopia
Tumori vescicali - Diagnosi

Uretrocistoscopia
Tumori vescicali - Diagnosi

Uretrocistoscopia
Tumori vescicali - Diagnosi

Uretrocistoscopia
Tumori vescicali - Diagnosi

RX torace
Tumori vescicali - Terapia

Forme superficiali
T.U.R.B.

Forme infiltranti
Cistectomia Radicale
Derivazione Urinaria
Tumori vescicali - Terapia
Tumori vescicali - Terapia
Tumori vescicali - Terapia degli stadi iniziali

Chemioprofilassi endovescicale
Forme superficiali , Ta ad elevato grado
Forme T1
Carcinoma in situ

FARMACI: Mitomicina C, B.C.G., Doxorubicina,


Epirubicina.
Tumori vescicali - Terapia degli stadi avanzati

Chemioterapia
M-VAC
M-VEC
CMV
CISCA
GEMCITABINA & PLATINO