Sei sulla pagina 1di 16

DataBase

Gli archivi
• Un archivio è un insieme organizzato di
informazioni, legate da un nesso logico,
registrate su un supporto.
– Record: insieme di informazioni che si riferiscono
ad un soggetto.
– Campo: singola informazione che caratterizza il
record
– Tracciato record: Elenco dei campi
che formano il record.
Definizione e caratteristiche
• Un DB è un insieme di archivi di dati
organizzati e ben strutturati gestiti in modo
integrato a cui possono accedere utenti
diversi con programmi diversi.
• Un DBMS Data Base Management System è
un sistema software che permette la gestione
completa di un DB garantendo la consistenza
la sicurezza e l’integrità.
Caratteristiche di un DB
• Facilità di accesso
• Indipendenza fisica e logica dei dati
• Eliminazione della ridondanza
• Garanzia di integrità e sicurezza
• Utilizzo condiviso e concorrente dei dati
Funzioni del DBMS
• Implementazione del modello logico
• Manipolazione e interrogazione
• Controllo integrità
• Sicurezza e protezione
• Supporto alle transazioni
• Ottimizzazione delle prestazioni
Architetture a tre livelli
• Livello esterno
– Diverse viste parziali
del db da parte degli
utenti
• Livello logico
– Visione complessiva
del db dal punto di
vista logico
• Livello interno
– Rappresentazione
fisica del db nel
computer
Modello dei dati
• Livello concettuale
– Rappresenta la realtà dei dati
e le relazioni tra essi
• Livello logico
– Rappresenta la struttura
logica dei dati
• Livello fisico
– Rappresenta l’effettiva
memorizzazione degli archivi
sulle memorie di massa
Entità e associazioni
• Entità: oggetto reale o astratto di interesse per la
realtà che si vuole modellare
• Relationship: associazione/legame logico tra le
entità
– 1:1 1:N N:N
• Attributi: Proprietà delle entità e delle
associazioni
– Chiave primaria (pk) un insieme di uno o più attributi
che indentificano in maniera univoca un’istanza di una
entità.
Regole di derivazione nel modello
Relazionale(*)
• Ogni entità diventa una relazione
– Con attributi, caratteristiche, Chiave primaria.
• L’associazione 1 : 1 diventa un’unica tabella
• Nell’associazione 1 : N la chiave primaria
dell’entità di partenza (1) diventa chiave esterna
nell’altra entità (N)
• L’associazione N : N diventa una terza relazione
che contiene le chiavi primarie delle prime due
più eventuali attributi.
(*) (Relazione = Tabella)
La tabella dei metadati
Relazione Attributo Chiave Formato Dimensione
Studenti matricola PK numerico Intero
cognome testo 20
nome testo 20
Data_nascita Data/ora gg/mm/aaaa

• Chiave: PK primaria – FK esterna


• Formato:
– Testo: indicare la lunghezza
– Numerico:
• intero(byte, intero, intero lungo)
• reale(precisione singola, precisione doppia)
– Data/ora: data in cifre(gg/mm/aaaa) data breve (gg-mmm-aa)
– SI/NO : vero/falso (booleano)
L’integrità referenziale
L’integrità referenziale (referential integrity) è un insieme di regole del
modello relazionale che garantiscono l’integrità dei dati quando si
hanno relazioni associate tra loro attraverso la chiave esterna: queste
regole servono per rendere valide le associazioni tra le tabelle e per
eliminare gli errori di inserimento, cancellazione o modifica di dati
collegati tra loro.
Quando viene applicata l’integrità referenziale, è necessario osservare le
seguenti regole pratiche:
• Non è possibile immettere un valore nella chiave esterna della tabella
associata, se tale valore non esiste tra le chiavi della tabella primaria.
• Non è possibile eliminare una n-upla dalla tabella primaria, se esistono
righe legate ad essa attraverso la chiave esterna nella tabella correlata
• Non si può modificare, come è ovvio, il valore della chiave nella tabella
primaria, se ad essa corrispondono righe nella tabella correlata.
La Normalizzazione delle relazioni
• La normalizzazione è un processo formalizzato con il quale le
tabelle vengono trasformate in modo tale che ogni tabella
corrisponda a un singolo oggetto della realtà rappresentata
con il modello di database: le regole della normalizzazione
sono definite per evitare l’inconsistenza dei dati e le anomalie
nelle operazioni di aggiornamento.
– Prima forma normale: una relazione si dice in prima forma normale
quando rispetta i requisiti fondamentali del modello relazionale, in
particolare ogni attributo è elementare, non ci sono righe uguali e non
ci sono attributi ripetitivi.
– Seconda forma normale: quando è in prima forma normale e non ci
sono attributi non-chiave che dipendono parzialmente dalla chiave.
– Terza forma normale: quando è in seconda forma normale e non ci
sono attributi non-chiave che dipendono transitivamente dalla chiave
Operazioni relazionali
• La selezione: genera una relazione costituita dalle
righe della relazione di partenza che soddisfano le
condizioni richieste.
• La proiezione: genera una relazione estraendo
dalla tabella iniziale solo alcune colonne.
• La congiunzione combina due relazioni che
hanno almeno un attributo in comune,
generando una relazione contenete gli attributi
delle prime due e le righe che soddisfano la
condizione
Il linguaggio SQL
• DDL: Data Definition Language, permette la
creazione del DB e delle tabelle;
• DML: Data Manipolation Language, permette
agli utenti l’inserimento, la modifica e la
cancellazione dei dati all’interno delle tabelle;
• QL: Query Language, rende possibile
l’estrazione di informazioni mediante un
linguaggio di interrogazione.
Esercitazione
Modello E/R