Sei sulla pagina 1di 18

La “Grande guerra”

2. LA SVOLTA DEL 1917


E LA FINE DEL CONFLITTO
La svolta del 1917
Nel 1917 gli imperi centrali avanzano proposte di pace, respinte dall’Intesa.

L’appello di papa Benedetto XV (1914-22) a fermare l’ “inutile strage” resta


inascoltato.

Due fatti segnano la svolta del conflitto:


◦ L’intervento americano (6 aprile)
◦ La rivoluzione bolscevica in Russia (novembre)
L’intervento americano

I rifornimenti degli Imperi erano impediti dal blocco imposto dall’Inghilterra.

Non potendo prevalere sul piano navale i tedeschi rispondono con la guerra
sottomarina indiscriminata.

Gli USA scendono in campo in difesa della libertà di navigazione e per


difendere i loro interessi di finanziatori dei paesi dell’Intesa.
Carta

La rivoluzione bolscevica

…facilitata anche dai rovesci subiti dai Russi nel 1916-17, conduce alla pace
separata di Brest-Litovsk (3 marzo 1918).

Già da prima gli imperi centrali possono spostare le truppe sugli altri fronti.

Il 24 ottobre del 1917 gli austro-tedeschi sfondano le linee a Caporetto, e


avanzano fino al Piave.
Il Piave mormorava,
calmo e placido, al passaggio
dei primi fanti, il ventiquattro maggio;
l'esercito marciava
per raggiunger la frontiera
per far contro il nemico una barriera...
Muti passaron quella notte i fanti:
tacere bisognava, e andare avanti!
S'udiva intanto dalle amate sponde,
sommesso e lieve il tripudiar dell'onde.
Era un presagio dolce e lusinghiero,
il Piave mormorò:
«Non passa lo straniero!»
Carta

La fine della guerra


La disfatta di Caporetto resta un fatto isolato. Nell’autunno del 1918 le
potenze alleate di Germania e Austria sono costrette alla capitolazione:
◦ La Bulgaria si arrende il 30 settembre.
◦ La Turchia il 30 ottobre.
Il governo del Sultano sarà presto rovesciato dal nazionalista Mustafà Kemal
“Ataturk” che instaurerà la repubblica (1923).
Il Genocidio Armeno
Dopo il Congresso di
Berlino inizia la
persecuzione turca della
minoranza cristiana
armena

che culmina nel massacro


del 1915 e degli anni
seguenti (1 o 2 milioni di
vittime)
Il crollo dell’Austria

Le nazionalità dell’Impero, fomentate dall’Intesa e dal presidente USA Wilson,


premono per l’indipendenza.
Carlo I (1916-18) tenta senza successo di trasformare l’Austria in una
federazione (ottobre 1918).
La controffensiva italiana sul Piave ha successo (Vittorio Veneto). Gli austriaci
sono costretti all’armistizio (3 novembre).
Armando Diaz (1861-
1928) comandante
dell’esercito italiano
dopo la destituzione
di Cadorna nel 1917
Carta

Il crollo della Germania


Le offensive della primavera-estate del 1918 non sono decisive.
All’interno crescono le forze contrarie al conflitto, mentre l’esempio
bolscevico comincia a trovare consensi anche tra le file dell’esercito.
Una rivoluzione socialista costringe Guglielmo II ad abdicare. Il nuovo governo
ottiene l’armistizio (11 novembre).
10 milioni di morti
Nazione Caduti Nazione Caduti
Russia 1.700.000 Germania 1.773.700
Francia 1.357.800
Austria-
Inghilterra 908.371 1.200.000
Ungheria
Italia 680.000 Turchia 325.000
Stati Uniti 126.300
Bulgaria 87.500
Giappone 300
Totale Imperi
Romania 335.000 3.386.200
centrali
Serbia 45.000
Belgio 13.716
TOTALE 8.567.609
Grecia 5.000
Portogallo 7.222
Montenegro 3.000
Totale Intesa 5.181.409
La Conferenza di Parigi (1919)

La pace fu decisa dai vincitori e imposta ai vinti che non furono consultati.
Vi ebbe un notevole peso il presidente statunitense Wilson, le cui posizioni
determinarono contrasti tra gli alleati.
Il tentativo di applicare il principio di nazionalità produsse spesso esiti infelici
(Cecoslovacchia, Jugoslavia).
Carta

Le decisioni
Umiliazione della Germania, considerata responsabile della guerra.
Smembramento dell’impero asburgico.
“Cordone sanitario” attorno alla Russia.
Spartizione delle colonie tedesche e di parte dell’Impero Ottomano.
Nascita della Società delle Nazioni (proposta da Wilson; però gli USA non ne
fecero parte).
c

Otto Dix, Triptychon Der Krieg (1929-32)


Otto Dix, Die Skatspieler (1920)