Sei sulla pagina 1di 10

percorso tematico

Davide e Golia

Emanuela Pulvirenti, Artemondo, Zanichelli editore 2018 1


L'episodio di Davide e Golia
La storia di Davide (o David) e Golia
è narrata nella Bibbia. Davide è un
coraggioso ragazzino ebreo che
riesce a sconfiggere il nemico Golia,
un gigantesco soldato filisteo molto
più forte di lui, usando l'astuzia: lo
uccide lanciandogli una pietra in
fronte e lo decapita poi con la sua
stessa spada.
Dunque l’intelligenza riesce a
vincere contro la forza bruta.

Gustav Dorè, 1866

Emanuela Pulvirenti, Artemondo, Zanichelli editore 2018 2


Arte medievale
Nei manoscritti medievali l'episodio è narrato spesso come in un fumetto attraverso le
varie fasi: prima il lancio della pietra con la frombola (un'antica fionda che si faceva
ruotare prima di rilasciare un'estremità e far partire il sasso) e poi la decapitazione con la
spada. Le Bibbie illustrate erano molto diffuse: chi non sapeva leggere poteva conoscere
i testi sacri guardando le figure.

Bibbia
Maciejowsk,
1250

Emanuela Pulvirenti, Artemondo, Zanichelli editore 2018 3


Rinascimento
Nel Rinascimento l'episodio di Davide e
Golia viene ripreso spesso perché
simboleggia la superiorità della ragione,
un tema molto caro agli umanisti.
Nel 1440 Donatello realizza un famoso
David in bronzo con la testa di Golia sotto
il piede. È completamente nudo come un
dio greco sebbene nella Bibbia si narri
che David abbia una corta tunica. Per
questo, secondo alcuni, non rappresenta
David ma il dio Mercurio con la testa
decapitata del gigante Argo. Si
spiegherebbero così il cappellino a punta
e i calzari che indossa, elementi tipici di
Mercurio.
La figura mostra un chiasmo perfetto,
quella postura delle statue greche che dà
al corpo un andamento a S molto
naturale ed equilibrato.

Emanuela Pulvirenti, Artemondo, Zanichelli editore 2018 4


Rinascimento

Il David più famoso della storia dell'arte è


quello scolpito da Michelangelo nel
1501-1504. A differenza di tutte le
raffigurazioni precedenti questo è colto
prima di sferrare l'attacco a Golia,
mentre tiene la fascia della frombola
lungo la schiena.
È concentrato e immobile. Ma la sua
apparente calma, sottolineata dal
chiasmo, è contraddetta dalla fronte
corrugata. David è nervoso, non
sappiamo ancora se riuscirà a
sconfiggere il suo nemico.

Emanuela Pulvirenti, Artemondo, Zanichelli editore 2018 5


Rinascimento maturo
Nel corso del Cinquecento lo
scontro tra David e Golia torna
drammatico e cruento: Tiziano
lo rappresenta nel 1542-1544 da
un punto vista molto basso in
modo da mostrare lo squarcio
luminoso tra le nubi verso cui
ringrazia il piccolo David. Non è
un gesto presente nel racconto
biblico ma riesce a rendere
l'episodio ancora più intenso.
Golia, muscoloso e imponente, è
disteso accanto alla sua testa
mozzata.

Emanuela Pulvirenti, Artemondo, Zanichelli editore 2018 6


Barocco
Nel Seicento la storia di David
e Golia viene rappresentata in
modo più teatrale e
drammatico.
Caravaggio riprende lo stesso
tema più volte scegliendo
sempre i momenti successivi
alla decapitazione. L'ultima tela
(del 1609) mostra il giovane
eroe con un'espressione
malinconica invece che
vittoriosa, nonostante tenga in
mano la testa del nemico come
un trofeo.
La testa potrebbe essere un
autoritratto dello stesso
Caravaggio, raffiguratosi nei
panni di Golia per mostrare il
proprio pentimento dopo la
condanna per aver commesso
un omicidio.

Emanuela Pulvirenti, Artemondo, Zanichelli editore 2018 7


Barocco
Gian Lorenzo Bernini
sceglie, come Michelangelo,
il momento precedente
allo scontro con una
scultura realizzata nel 1623.
Come Michelangelo
raffigura David con le
fattezze di un uomo adulto.
Stavolta però David non è
fermo e pensoso ma si
avvolge su se stesso in un
moto a spirale bloccato
dallo scatto veloce dello
sguardo in direzione
opposta, verso il nemico.
David è ancora più teso
della versione di
Michelangelo tanto da
mordersi violentemente le
labbra.

Emanuela Pulvirenti, Artemondo, Zanichelli editore 2018 8


Arte contemporanea
Tra Settecento e Ottocento David viene raffigurato sempre meno.
Nel Novecento è ripreso da Marc Chagall: tra il 1935 e il 1956 l'artista si dedica in modo
quasi esclusivo alle illustrazioni di scene bibliche. “La Bibbia è la fonte cui hanno attinto,
come in un alfabeto colorato, gli artisti di tutti i tempi”, amava dire.
E di questo alfabeto colorato Chagall ci racconta la decapitazione di Golia con immagini
lievi, disegni di bambini capaci di trasformare l’orrore di quella vecchia storia in una favola
della buonanotte.

Emanuela Pulvirenti, Artemondo, Zanichelli editore 2018 9


Prova tu!
Il David di Michelangelo è stato utilizzato spesso per campagne pubblicitarie di ogni tipo.
Prova a ideare anche tu una pubblicità usando in modo creativo la figura della statua.

Emanuela Pulvirenti, Artemondo, Zanichelli editore 2018 10