Sei sulla pagina 1di 18

La biologia

è la scienza
della vita
1
La biologia e gli esseri viventi
Biologia: bios= “vita” +
logos= “discorso, studio”.
La biologia è la scienza che
studia gli esseri viventi.
Tutti gli esseri viventi
condividono caratteristiche
comuni che li distinguono
La diversità dei viventi
dal mondo inanimato.

2
La cellula
È la struttura più piccola
dell’organismo, capace di svolgere
tutte le funzioni vitali.
La scoperta della cellula risale al ‘600
ed è dovuta a Robert Hooke, che
osservando al microscopio ottico
fettine di sughero, osservò delle
piccole “celle” che definì “cellule”.

3
La cellula
Solo nel 1838, i biologi tedeschi Schleiden e Schwann,
scoprirono che gli elementi strutturali dei vegetali e degli
animali sono gli stessi: le cellule.

4
La teoria cellulare
1) Tutti gli organismi viventi sono costituiti da cellule;
2) Tutte le cellule provengono da cellule preesistenti;
3) Le cellule sono simili per composizione chimica e ospitano
molte delle reazioni del mondo vivente;
4) Tutte le cellule sono avvolte dalla membrana plasmatica, un
involucro che delimita la cellula e seleziona le sostanze che
entrano ed escono;
5) L’ambiente interno alla membrana è costituito da una miscela
di acqua e di altre sostanze chiamata citoplasma
6) Tutte le cellule posseggono un proprio materiale genetico,
che contiene le informazioni ereditarie necessarie alla cellula
per svilupparsi, accrescersi e riprodursi. 5
La cellula
Tutti gli organismi viventi sono costituiti da cellule;
Gli organismi viventi sono unicellulari se sono formati da
una sola cellula, pluricellulari se sono composti da più
cellule.

6
Le informazioni genetiche della cellula
Tutte le cellule provengono da cellule preesistenti

Tutte le cellule contengono


le informazioni ereditarie
(DNA) che tramandano alla
discendenza.

DNA=
acido desossiribonucleico
Le molecole di DNA, presenti
all’interno della cellula,
costituiscono il suo patrimonio
genetico o genoma.

Tratti specifici del DNA, chiamati


geni, contengono l’informazione
utilizzata dalla cellula per
fabbricare le proteine, che oltre a
costituire gran parte della
struttura dell’organismo, sono le
molecole che guidano le attività
cellulari.
8
Il cibo della cellula
La cellula ricava dall’ambiente l’energia e i nutrienti
necessari.

AUTOTROFI ETEROTROFI

9
Il metabolismo e l’omeostasi
I viventi rispondono ai cambiamenti dell’ambiente
esterno regolando il proprio ambiente interno.

La capacità di ogni cellula di adattarsi ai cambiamenti


dell’ambiente esterno grazie a reazioni chimiche che
modificano il suo ambiente interno (OMEOSTASI
CELLULARE).

Il complesso di queste reazioni chimiche viene


chiamato METABOLISMO CELLULARE.

10
Dalle molecole
agli ecosistemi
Il mondo dei viventi
è organizzato in livelli
gerarchici

11
L’interazione degli esseri viventi
Gli esseri viventi interagiscono gli uni con gli altri
Gli organismi della stessa specie,
che vivono nella stessa zona
geografica, formano una
popolazione.
Organismi territoriali (es. elefanti
marini)o cooperativi (es. suricati).
La comunità è l’interazione tra le
popolazioni, (es. organismi che
vivono in un prato).
L’interazione tra comunità e
ambiente esterno forma un
ecosistema.
La teoria dell’evoluzione
Tutti i viventi sono frutto dell’evoluzione a partire da un
antenato comune
Nell’800, Darwin pur non disponendo delle conoscenze sui
meccanismi dell’ereditarietà genetica, ne sospettò
l’esistenza osservando che la prole assomigliava ai
genitori.
Organismi che si somigliano e che possono accoppiarsi tra
loro generando una prole feconda appartengono alla
stessa specie.
MULO= asino+cavalla (Equus asinus+
Equus caballus)
13
BARDOTTO= asina+cavallo
La teoria dell’evoluzione
I figli non sono del tutto uguali tra loro e ai genitori.
Darwin stesso notò, allevando piccioni, che era possibile
selezionare caratteristiche particolari di piumaggio e
forma di becco.
Quindi si rese conto che se gli uomini riuscivano a
selezionare dei tratti particolari, lo stesso poteva anche
avvenire in natura, Selezione Naturale.
Gli individui dotati di caratteristiche più vantaggiose nella
lotta per l'esistenza (in sostanza, meglio adattati
all'ambiente) sopravvivono e si riproducono.

14
Gli adattamenti all’ambiente
Tutti gli organismi nel corso dell’evoluzione si sono adattati
all’ambiente in cui vivono dando luogo a una straordinaria
biodiversità.

15
I 3 domini degli esseri viventi
Gli esseri viventi si suddividono in tre domini:

 archeobatteri;
Procarioti
 batteri; (dal greco pro- «prima» e
karyon «nucleo»)

 eucarioti. (eu «vero»e káryon «nucleo»)

16
I 6 regni degli esseri viventi
Procarioti sono formati da una cellula, molto
1) archeobatteri; semplice, priva di organelli interni e il loro DNA
2) batteri; non è racchiuso in membrane.
Archei vivono spesso in situazioni
di temperatura e pH molto inospitali e
presentano processi metabolici differenti dai
batteri.
3) animali;
4) piante; Eucarioti, sono formati da una o più cellule più
grandi di quelle procariotiche, hanno organelli
5) funghi; interni e il DNA è racchiuso da membrane.

6) protisti.
I regni degli eucarioti

Animali (Organismi pluricellulari, Piante (Organismi pluricellulari, Autotrofi)


Eterotrofi)

Funghi (Organismi unicellulari Protista (Organismi prevalentemente unicellulari,


o pluricellulari, Eterotrofi) sia autotrofi che eterotrofi, es. Ameba o Alghe)