Sei sulla pagina 1di 18

Il Governo

prof.maurizio citarda 1
iiss gandhii merano
Caratteri generali
 È un organo costituzionale, complesso, di parte.
 Esercita il potere esecutivo
 Concorre con il parlamento a definire l’indirizzo
politico
 Esercita la funzione esecutiva attuando le scelte
politiche adottate insieme al parlamento
 I “poteri “ del governo: capo della P.A.; comando di
polizia ed esercito; amministra le finanze pubbliche;
nomina i più alti funzionari pubblici e i dirigenti degli
enti pubblici; emana regolamenti e decreti leggi.
 Il principio di legalità.

prof.maurizio citarda 2
iiss gandhii merano
Rapporti del governo con gli
altri organi costituzionali
 Voto di fiducia
 I decreti legge
 Il bilancio preventivo
 Le interrogazioni ( domanda generica )
 Le interpellanze ( domanda specifica sull’operato
del governo)
 Le mozioni (richiesta di discutere e votare su una
questione )
 Controllo subito dal governo da parte del presidente
della Repubblica

prof.maurizio citarda 3
iiss gandhii merano
Articolo 92 della Costituzione
«Il Governo della Repubblica è composto del
Presidente del Consiglio e dei Ministri, che
costituiscono insieme il Consiglio dei Ministri.
Il Presidente della Repubblica nomina il
Presidente del Consiglio dei Ministri e, su
proposta di questo, i Ministri.»

prof.maurizio citarda 4
iiss gandhii merano
Articoli 93 della Costituzione
«Il Presidente del Consiglio dei Ministri e i
Ministri, prima di assumere le funzioni,
prestano giuramento nelle mani del Presidente
della Repubblica.»

prof.maurizio citarda 5
iiss gandhii merano
Articolo 94 della Costituzione
«Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere.
Ciascuna Camera accorda o revoca la fiducia mediante mozione motivata e
votata per appello nominale.
Entro dieci giorni dalla sua formazione il Governo si presenta alle Camere per
ottenerne la fiducia.
Il voto contrario di una o d'entrambe le Camere su una proposta del Governo
non importa obbligo di dimissioni.
La mozione di sfiducia deve essere firmata da almeno un decimo dei
componenti della Camera e non può essere messa in discussione prima di tre
giorni dalla sua presentazione.»

prof.maurizio citarda 6
iiss gandhii merano
L’istituto della fiducia

prof.maurizio citarda 7
iiss gandhii merano
La composizione del Governo
Il consiglio dei ministri è un organo collegiale
formato da tutti i ministri e presieduto dal
Presidente del Consiglio
1. Ministri

2. Presidente del Consiglio

3. Il Consiglio dei ministri

prof.maurizio citarda 8
iiss gandhii merano
La formazione del governo
 Il presidente della repubblica apre le consultazioni con i diversi
gruppi parlamentari, e gli ex presidenti della repubblica
 Conferisce l’incarico di formare il governo al presidente del
consiglio che accetta con riserva
 Si aprono le consultazioni del presidente del consiglio con le
forze politiche
 In caso positivo si scioglie la riserva
 Giuramento dal capo dello stato
 Voto di fiducia in parlamento (appello nominale)
 Durata del governo
 La crisi di governo
 La questione di fiducia

prof.maurizio citarda 9
iiss gandhii merano
La formazione del Governo

prof.maurizio citarda 10
iiss gandhii merano
Articolo 95 della Costituzione
 Il Presidente del Consiglio dei Ministri dirige la politica
generale del Governo e ne è responsabile. Mantiene
l'unità di indirizzo politico ed amministrativo,
promuovendo e coordinando l'attività dei Ministri.
 I Ministri sono responsabili collegialmente degli atti del
Consiglio dei Ministri, e individualmente degli atti dei loro
dicasteri.
 La legge provvede all'ordinamento della Presidenza del
Consiglio e determina il numero, le attribuzioni e
l'organizzazione dei Ministeri

prof.maurizio citarda 11
iiss gandhii merano
Competenze del Presidente del
Consiglio
 Dirige la politica generale del governo
 Mantiene l’unità di indirizzo politico e
amministrativo
 Promuove e coordina l’attività dei Ministri
 Convoca il cdm
 Stabilisce l’ordine del giorno
 Trae le conclusioni

prof.maurizio citarda 12
iiss gandhii merano
Competenze del Consiglio dei
Ministri
 Determinare la politica generale del governo
 Deliberare i disegni di legge, i decreti legge, i
decreti legislativi, i regolamenti;
 Attuare la politica estera e comunitaria;
 Nominare i gradi più alti delle gerarchie
amministrative e pubbliche.

prof.maurizio citarda 13
iiss gandhii merano
Competenze dei Ministri
 Politica : partecipano alle scelte del governo
di carattere generale
 Amministrativa: vertice di un settore della p.a.

prof.maurizio citarda 14
iiss gandhii merano
Articolo 96 della Costituzione
«Il Presidente del Consiglio dei Ministri ed i
Ministri, anche se cessati dalla carica, sono
sottoposti, per i reati commessi nell'esercizio
delle loro funzioni, alla giurisdizione ordinaria,
previa autorizzazione del Senato della
Repubblica o della Camera dei deputati,
secondo le norme stabilite con legge
costituzionale.»

prof.maurizio citarda 15
iiss gandhii merano
Responsabilità penale del
governo
 I membri del governo sono sottoposti per i
reati commessi nell’esercizio delle loro
funzioni, alla giurisdizione ordinaria, previa
autorizzazione di una delle camere.
 Riforma del 1989, vecchia disciplina :
commissione inquirente, corte costituzionale.

prof.maurizio citarda 16
iiss gandhii merano
Potere normativo del governo
 I decreti legge
 I decreti legislativi
 I regolamenti governativi e ministeriali

prof.maurizio citarda 17
iiss gandhii merano
Articoli 76 e 77 della
Costituzione
 «L'esercizio della funzione legislativa non può essere delegato al Governo
se non con determinazione di principi e criteri direttivi e soltanto per tempo
limitato e per oggetti definiti.»

 «Il Governo non può, senza delegazione delle Camere , emanare decreti
che abbiano valore di legge ordinaria.
Quando, in casi straordinari di necessità e di urgenza, il Governo adotta,
sotto la sua responsabilità, provvedimenti provvisori con forza di legge,
deve il giorno stesso presentarli per la conversione alle Camere che, anche
se sciolte, sono appositamente convocate e si riuniscono entro cinque
giorni
I decreti perdono efficacia sin dall'inizio, se non sono convertiti in legge entro
sessanta giorni dalla loro pubblicazione. Le Camere possono tuttavia
regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non
convertiti.»
prof.maurizio citarda 18
iiss gandhii merano