Sei sulla pagina 1di 11

L’ ACQUA CHE MODELLA

Una presentazione di: Bianca Ambanelli, Antonio Alessandri, Adam Padova, Irene Russo,
Laura Nechita, Amin Akermi.
IL CARSISMO:
Il termine carsismo indica l'attività chimica esercitata dall'acqua
dove vi è una massiccia presenza di rocce calcaree, che si
erodono facilmente.

L’ acqua piovana corrode le rocce calcaree in superficie, creando


delle fessure e penetrando in profondità fino a quando non incontra
uno strato di roccia impermeabile. A questo punto l’acqua, non
potendo più scorrere in profondità, continua a scavare, erodendo e
creando delle grotte che sono dette carsiche.

Il processo rientra nel grande insieme delle azioni di disgregazione


compiute dagli agenti esogeni a spese delle rocce affioranti sulla
crosta terrestre.

Si formano inoltre, poiché l’acqua evapora e allo stesso tempo


rilascia anidride carbonica, stalattiti e stalagmiti, a seconda che
l’acqua evapori prima di gocciolare al suolo o dopo.
PIANURE FORMATE DALL’ACQUA:
I fenomeni naturali che danno origine alle pianure sono l’erosione, la
sedimentazione e il sollevamento di porzioni di crosta terrestre.

1. La pianura alluvionale è un ambiente sedimentario in cui la


sedimentazione è controllata dalle correnti fluviali.

Le pianure alluvionali si sviluppano in valli e bacini intra-continentali. I


corsi d’acqua, scendendo dalla montagna, erodono le rocce e il
terreno su cui scorrono e trasportano verso valle una gran massa di
detriti detti materiali alluvionali. I detriti più pesanti si depositano e si
sedimentano nei tratti in cui la corrente è più debole, formando una
pianura alluvionale.

Classico esempio di pianura alluvionale italiana è la Pianura Padana, Pianure alluvionali italiane.
formata dai depositi del Po e dei suoi affluenti.
PIANURE FORMATE DALL’ ACQUA:
2. Le pianure costiere si formano se i detriti si accumulano vicino
alla foce del fiume, quindi vicino al mare.

3. Le pianure da erosione sono il risultato dell’erosione di


antichissime montagne: gli agenti atmosferici e i corsi d’acqua
“consumano” gradualmente le rocce, abbassando i rilievi. si
formano per eliminazione nel corso di milioni di anni.
pianura costiera

pianura da erosione
L’EROSIONE DELLE CASCATE DEL NIAGARA
Le cascate del Niagara (Niagara Falls), situate a nord-est dell'America del
nord, tra gli USA e il Canada, sono tra i più famosi salti d'acqua del
mondo.

Sono 52m di salto e le radici storiche risiedono nella glaciazione del


Wisconsin terminata circa 10.000 anni fa.
cascate canadesi
Il ghiacciaio si è mosso in quest'area come un gigantesco bulldozer
spostando rocce e terra e trasformando dei fiumi in laghi, creando
sbarramenti con i suoi detriti.

Le cascate originariamente erano situate nei pressi di Lewiston (New


York) e Queenston (Ontario), ma l'erosione delle acque le ha fatte arretrare
visione
fino al lago Erie (fra America e Canada). Si dividono in cascate americane satellitare
(a velo nunziale) e cascate canadesi (forma di ferro di cavallo). spostamento
cascate
Gli ingegneri idraulici sono al lavoro per ridurre la velocità di erosione.
L’ AZIONE EROSIVA DEL MARE
Le acque marine esercitano la loro azione modellatrice lungo
i litorali attraverso processi di erosione, trasporto e
sedimentazione.

L'azione erosiva del mare, detta abrasione, è provocata dalle


correnti, dalle maree e soprattutto dal moto ondoso e dai
detriti che le onde trasportano e che scagliano contro la
costa.
Essa si manifesta soprattutto lungo le coste alte e rocciose,
dove, l'azione dell'onda crea un solco, detto solco di battigia ,
che va progressivamente approfondendosi; mancandole il
sostegno, la parete rocciosa crolla: il fenomeno è tipico delle
falesie, coste alte e rocciose, a volte a strapiombo sul mare,
che nel tempo arretrano.
LE VALLI A “U” E A “V”
Le valli sono state scavate dalla forza erosiva
dell’acqua in particolare dai ghiacciai e dai fiumi.

Quelle scavate dai ghiacciai hanno la forma a U. La


valle a U ha un fondovalle* largo dove c’è spazio per la
costruzione di una strada, una ferrovia, un paese. Valle a U

Le valli a V invece sono scavate dai fiumi, che erodono


la roccia dei versanti*. La valle a v ha un fondovalle
stretto e tortuoso, dove può scorrere solo il fiume. In
questi tipi di valli, un paese può essere costruito solo
più in alto, scavando nella montagna.

*Versanti: fianchi di un monte o colle.


*Fondovalle: è la parte più bassa della valle.
Valle a V
LE MONTAGNE
Le montagne sono soggette a continui ma lenti
cambiamenti che sono causati attraverso due fenomeni:
accrescimento ed erosione.

I corsi d’acqua (torrenti e fiumi) scendendo dalla cima di


una montagna, erodono, cioè scavano in profondità, le
rocce e il terreno su cui scorrono.

I ghiacciai, con la loro massa pesante, mentre scivolano


lentamente verso il basso, “schiacciano” ed erodono
porzioni molto estese di terreno .

Gli agenti atmosferici che erodono le montagne sono il


vento, la pioggia e le variazioni di temperatura.
IL GRAND CANYON
Il Grand Canyon è un'immensa gola creata dal fiume Colorado nell'Arizona
settentrionale e sono visibili strati del Proterozoico e del Paleozoico.

È lungo 446Km circa, profondo fino a 1.857m e con una larghezza variabile dai
500 m ai 29Km. Per la maggior parte è incluso nel Parco nazionale del Grand
Canyon, uno dei primi degli Stati Uniti d'America.

Il sollevamento della montagna (orogenesi) creò la zona degli Altipiani del Grand Canyon
Colorado, provocando anche un aumento delle precipitazioni atmosferiche.
Le frane ed altri smottamenti causarono poi uno sprofondamento del letto del
fiume e la conseguente deviazione del corso d’acqua, che aumentarono la
profondità e la larghezza del canyon, nonché la grande aridità dell'ambiente.

Il Grand Canyon ha probabilmente meno di 5 o 6 milioni di anni. Il risultato di


questo fenomeno erosivo è una delle più complete colonne geologiche del
pianeta.
RIASSUNTO SULL’ EROSIONE
Fino ad ora abbiamo osservato come l’ azione erosiva dell’acqua sia
determinante soprattutto in campo geologico. Questo fenomeno può
infatti deformare le rocce e creare caverne, valli a “u” e a “v”, pianure,
spostare intere porzioni di territorio…

Il fenomeno dell’ erosione avviene a causa dell’azione di acque


correnti o ghiacciai che nel tempo, sottraggono materia alle rocce.
Qualche volta, l’erosione può essere rapida e si definisce “accelerata”:
piogge intense possono, per esempio, far franare pendii composti da
rocce poco resistenti.

Lungo le coste, l’azione del vento accompagna quella del mare, cioè l’
“abrasione”; ne è un tipico esempio il cosiddetto “Orso di Palau”, in
Sardegna. Il risultato quasi scultoreo di questo tipo di erosione è stato
comportato dall’umidità dell’aria che ha alterato la superficie della
roccia di granito.