Sei sulla pagina 1di 30

Iglesias

città fortificata

Le mura e il castello
Non esistono documenti che permettano di
sapere chi ha provveduto a cingere di
mura Villa di Chiesa, come anticamente
era chiamata Iglesias.
Le prime notizie sulle fortificazioni sono
contenute in un documento del 12 giugno
1323.
Villa di Chiesa, dominata dai pisani, è sotto
assedio da parte delle truppe aragonesi.
Viene fatto prigioniero un messo che doveva
chiamare rinforzi e viene sottoposto ad
interrogatorio.
 Guiccio da Fabriano (questo è il nome del
prigioniero), rende noto agli assedianti
aragonesi che Villa di Chiesa ha una cinta
muraria media (quindi non troppo alta) e
venti torri, un castello con una torre
murata ed una solo con le fondamenta. Sia
la Villa che il castello hanno un fossato ed
uno steccato.
 Dalla mappa del 1794 possiamo vedere lo
sviluppo della cinta muraria quasi
completa.
 Maina d’Asti 1794

Ingegnere
Maina d’Asti
1794
 A Villa di Chiesa di accedeva per quatto
porte: Porta Castello da est; Porta
Maestra (detta anche Porta San
Sebastiano) da sud; Porta Barlao (poi
diventata Porta Nuova) da ovest, e Porta
S. Antonio (detta anche Porta Fontana) da
nord.
La cinta
muraria nel
1794
 A Barcellona, nell’Archivio della Corona
Aragonese, si trova un disegno del 1328
del castello di San Guantino, chiamato
anche Castello Salvaterra. Ha tre torri,
una centrale alta con una porta e due torri
laterali basse
 Il castello in un
disegno del
1328
 Dell’ antico castello, che fu completato dagli
aragonesi, non abbiamo alcuna traccia; quello
che oggi vediamo sono una casa e una vetreria
costruite alla fine del 1800 sulle fondamenta del
vecchio maniero. Sono rimasti invece lunghi
tratti di mura e diverse torri, anche se
incomplete. Impropriamente vengono chiamate
mura pisane, mentre sarebbe giusto
 chiamarle aragonesi. Infatti, nel 1353, un
incendio distrusse Villa di Chiesa, le mura
e le torri. Il Re Pietro, aragonese, nel
1355, diede ordine di ricostruirle a difesa
della Villa. Ricostruzione che venne fatta
con una minore cerchia rispetto a quelle
precedenti, delle quali non conosciamo il
tracciato.
 Il Castello attuale
Arco di porta
residuo con tre
scudi araldici e
lo stemma di
Iglesias
Aragonese
 Arco di porta nord ovest con ponte levatoio
Residuo di porta nord ovest
 del
Cerniera
ponte
levatoio
 Particolare della cerniera della porta
i tre scudi araldici
Lo stemma di Iglesias
con i pali aragonesi
 Lo stemma di Iglesias nella Cattedrale
Stemma della città a S. Francesco
 Le mura viste dal castello
 Le mura dal lato ovest verso nord
 Le due torri lato ovest verso porta S.
 Torre merlata ghibellina verso ovest
 Torre merlata
guelfa con arco di
porta
 Arco di porta nella torre merlata guelfa
 La torre guelfa e la torre ghibellina
 La torre che
affiancava la
Porta Castello

Potrebbero piacerti anche