Sei sulla pagina 1di 11

Albrecht

Durer Cavalieri Martina


Ortiz Nicole Victoria
Lopez Mariano Martin Domenico
Daniele Canfora
VITA
 Nasce il 21 maggio 1471 a Norimberga
da padre orefice unghero.
 Nel 1484 dipinge il primo autoritratto autoritratto
della storia dell’arte europea che da inizio
alla grande attività ritrattistica
dell’autore.
 A 16 anni incomincia a lavorare in bottega
 Dal 1489 al 1490 intraprende viaggi che lo
portano a Colmar; qui viene indirizzato
dagli orefici Schongauer a Basilea, dove
lavora come illustratore. Inizia la sua
produzione di xilografie.
 Nel 1494 lavora in una bottega di
Strasburgo, quando il padre lo richiama a
Norimberga per fargli sposare Agnes Frey,
nei mesi estivi successivi dipinse i
panorami di Norimberga.
VITA: primo viaggio in Italia
 A Basilea Durer sente il clima culturale del rinascimento
italiano che anni dopo riconosce con il termine
Wiederervachsung, ciò conferma che egli fosse a
conoscenza del processo storico.
 1494 scoppia la peste a Norimberga, per scappare dal
contagio si rifugia a Venezia dove apprende i principi
della prospettiva. Qui si ispira agli abiti e ai paesaggi
veneziani e viene influenzato dalla pittura di Gentile e di
Bellini.
prime incisioni
Uomini al bagno Donne al bagno  Durer ritorna a Norimberga
dove apre la propria bottega e si
dedica totalmente alla grafica.
 Inizia a percorrere nuove vie
sulla tecnica della xilografia. In
“uomini al bagno” e ”donne al
bagno” (di cui è rimasto solo il
disegno preparatorio), Durer
applica una serie di innovazioni
riguardanti l’anatomia dei
corpi seguendo le indicazioni di
Vitruvio.
 Ignora il metodo della
costruzione umana di De
Barbari.
OPERE: fine del XV secolo
Opere più importanti

autoritratto con guanti Stagno in un bosco Altare a sportelli

Utilizza i propri studi ad Commissionato nel 1498


All’epoca l’autore era acquerello dalla famiglia Paumagartner
molto rinomato nelle incisioni per ottenere per la Katharinenkirche
sfumature cromatiche Di Norimberga
Inizi del XVI secolo
Madonna con la scimmia
 Durer, ormai conosciuto in tutta
Europa, affrontò il problema della
prospettiva e delle proporzioni del
corpo umano di cui si occupavano gli
artisti italiani.
 Ebbe un periodo di devozione per la
Madonna dove dipinse “la Madonna
con gli animali” e “la Madonna con la
scimmia”

madonna con gli animali


Dopo il secondo viaggio in
Italia Festa del rosario

 Autunno 1505 torna a Venezia


 Durante il viaggio di andata riceve l’incarico di dipingere un altare per la comunità
tedesca di Venezia per la chiesa di San Bartolomeo.
 Con l’intenzione di apprendere lezioni sulla prospettiva si reca a Bologna dove però
non trova Luca Cacioli, colui che avrebbe dovuto dargli lezioni.
 Durante il viaggio in Italia raggiunge, come ritrattista, il suo apice nei disegni a
carboncino di grosso formato.
 Si impegna a fondo riguardo ai problemi teorici e la prospettiva dell’uomo e del
cavallo cercando di padroneggiarla.
La semplicità della natura
 nel 1528 scrive quattro libri sulle
proporzioni del corpo umano dove dice che
un artista eccezionale sa mostrare le sue ritratto della madre
capacità anche attraverso figure rozze.
Sostiene anche la necessità dell’assoluta
fedeltà naturalistica.
 Per un periodo realizzò xilografie di scienze
naturali.
 È perfettamente cosciente del suo
mutamento stilistico quando, negli ultimi
anni, dichiara che mentre nella sua
gioventù aveva amato i colori vivi, in età
avanzata cercava di eguagliare la semplicità
della natura

la lepre

xilografia rinoceronte
Gli ultimi anni
Quattro apostoli

 Trascorre un anno in Olanda, dove i colleghi


olandesi cercano di fare la sua conoscenza;
intrattiene amichevoli rapporti con agiati
mercanti italiani e portoghesi.
 In questo periodo disegna molti ritratti che dona
ai suoi conoscenti.
 Per il “San Gerolamo” si ispira ai suoi colleghi
olandesi che accentuano la caratterizzazione dei
personaggi con l’aggiunta di natura morta.
 Dopo il ritorno a Norimberga riceve dal
consiglio della sua città l’incarico di preparare
alcuni progetti decorativi.
 La sua gioia creativa fu ridotta dalla riforma
Luterana che lui aveva accolto con favore inoltre
contrae la malaria.
 Muore il 6 Aprile 1528 malato già da tempo.
il ciclo dell’apocalisse
Giovanni divora il libro i 4 cavalieri dell’apocalisse

L'Apocalisse è una serie di


quindici xilografie di
Albrecht Dürer, databile
1496-1498 circa e
conservata nella Staatliche
Kunsthalle di Karlsruhe.

Prostituta di Babilonia
Autoritratto con guanti
Titolo: Autoritratto con guanti
Autore: Durer Albercht
Datazione:1498
Collocazione: Museo Nazionale del Prado, Madrid
Tecnica: olio su tavola
Formato: 52x41 cm
Iconografia: è rappresentato Durer a ¾ con lunghi
capelli castani, i cui riccioli creano suggestivi
riflessi mielati. Dalla finestra si intravede un
paesaggio.
Iconologia:l’artista si è rappresentato all’età di
ventisette anni, dando a sé un’interpretazione
nobile e fiera. La rotazione del busto a ¾ conferisce
al soggetto un forte rilievo volumetrico,
dimostrando la conoscenza di Durer dei modelli
rinascimentali italiani. Il paesaggio oltre la finestra
rimanda a panorami toscani. Questo dipinto è uno
dei tanti esempi della produzione ritrattistica di
Durer.