Sei sulla pagina 1di 33

ICT e Societá dell’Informazione

2/ed

Capitolo 1 - Tecnologie dell’informazione e della


comunicazione e sistemi informativi

Lo sviluppo dei sistemi informativi

Maurizio Fabbro
Facoltà di Scienze Linguistiche e A.A. 2017-2018
Letterature Straniere
1

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Il sistema informativo

Un insieme di persone, apparecchiature,


applicazioni e procedure che permettono a
un’organizzazione di disporre delle informazioni
necessarie nel posto giusto e al momento giusto

 sistema informativo vs sistema informatico


 finalità: supportare la raccolta, l’analisi,
l’elaborazione, la memorizzazione e la diffusione
delle informazioni

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Definizioni

SISTEMA
Insieme di componenti correlati che interagiscono per
raggiungere un obiettivo

PROCESSO
Insieme di attività fra loro interrelate e finalizzate alla
realizzazione di un risultato

PROCEDURE

Modalità definite per l’esecuzione di una o più attività

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
La disciplina Sistemi Informativi

 Si interessa dello studio dell’informazione come fattore di


produzione (società dell’informazione);
 Area interdisciplinare principalmente risultante
dall’intersezione dell’Economia Aziendale e della
Scienza dell’Informazione con richiami anche ad altre
scienze sociali tra le quali il Diritto e la Psicologia;
 Interazione fra tecnologia e organizzazione: rilevante
non solo come ambito di ricerca a causa dell’avvento
delle “tecnologie di organizzazione”;
 Relazione tra tecnologia e organizzazione: influenza
reciproca
4

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Lo sviluppo dei sistemi

 Esistono diverse metodologie finalizzate a


strutturare e migliorare la progettazione e lo
sviluppo del software e, più in generale, dei
sistemi informativi.
 I partecipanti a tale progetto sono:
 Utenti
 Management
 Analisti di sistema
 Staff tecnico
5

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Software engineering

 Software engineering
(o ingegneria del software):
settore dell’informatica, e più in generale della
disciplina dei sistemi informativi, dedicato allo
studio delle metodologie, delle tecniche e degli
strumenti utilizzati nella produzione industriale del
software.

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Definizione di un SI
Analisi dei processi

Identificazione delle procedure


automatizzabili

Risorse necessarie (dati e persone)

Scelta delle tecnologie

Scelta della metodologia di sviluppo


7

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Ciclo di vita del software

 Ciclo di vita del software: processo di analisi e


progettazione del software.

 Principali tipi:
 A cascata;
 Prototipale.

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Analisi e progettazione dei sistemi:
6 fasi principali

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase I. Studio di fattibilità

Obiettivi principali:
 condurre l’analisi preliminare;
 proporre soluzioni alternative;
 descrivere costi e benefici;
 produrre un piano completo di raccomandazioni.

10

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase I. Studio di fattibilità

Condurre l’analisi preliminare:

 Determinare gli obiettivi dell’organizzazione

 Determinare la natura e l’ampiezza del


problema

11

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase I. Studio di fattibilità

Proporre soluzioni alternative:


 Studiare gli obiettivi dell’organizzazione

 Consultazione del personale (clienti, fornitori o


consulenti)

 Osservare i concorrenti

Alla fine si decide se: lasciare il sistema così com’è,


migliorarlo, o sviluppare un sistema interamente nuovo 12

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase I. Studio di fattibilità

Costi: Benefici:
1. Denaro 1. Accelerare un’operazione
2. Tempo 2. Semplificare un’operazione
3. Risorse 3. Combinare un’operazione con un’altra
4. ……….. 4. ……

13

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase I. Studio di fattibilità

Produrre un piano completo di


raccomandazioni

Raccogliere in un rapporto scritto le idee e gli elementi


individuati. I lettori di questo rapporto (Top management)
decideranno il percorso da intraprendere:
 non cambiare nulla
 cambiare poco
 cambiare molto
 quanto denaro dedicare a questo progetto 14

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase II. Analisi del sistema

Obiettivi principali:
 raccogliere i dati;

 analizzare i dati;

 redigere un rapporto.

In questa fase si segue la strada scelta sulla


base dello studio di fattibilità.

15

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase II. Analisi del sistema

 Raccogliere i dati significa:


 Compilare documenti scritti

 Consultare dipendenti e manager

 Compilare questionari

 Osservare il funzionamento dei processi

 Osservare il lavoro delle persone


16

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase II. Analisi del sistema

Strumenti analitici

Analizzare i dati

Strumenti di modellazione

Diagrammi a griglia
Tabelle di decisione
Diagrammi di flusso
Flow - Chart
17

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase II. Analisi del sistema

Redigere un rapporto

Questo rapporto consente al top management di effettuare una


stima degli investimenti necessari per passare al nuovo sistema

18

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase III. Progettazione del sistema

Obiettivi principali:
 creazione di un progetto preliminare;

 esecuzione di un progetto dettagliato;

19

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase III. Progettazione del sistema

Creazione di un progetto preliminare

Questo progetto descrive le funzionalità generali del sistema proposto.


In particolare vengono ricapitolati:

 I requisiti del sistema

 Considerati i principali componenti del sistema

 Considerati più soluzioni alternative


 I costi e benefici di ogni soluzione
20

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase III. Progettazione del sistema

Esecuzione di un progetto dettagliato

 Requisiti di output

 Requisiti di input

 Requisiti di memorizzazione

 Requisiti di elaborazione

 Controlli e backup del sistema

21

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase IV. Sviluppo del sistema

Fasi principali:
 acquisizione del software;

 acquisizione dell’hardware;

 collaudo del sistema.

Alternativamente: programmazione

22

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase IV. Sviluppo del sistema

Sviluppo o acquisizione del software?

23

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase IV. Sviluppo del sistema
Il collaudo viene svolto in due fasi:
Vengono collaudate le singole parti
del programma utilizzando dati
campione. Se il programma è stato
Collaudo dell’unità
scritto da più programmatori, occorre
collaudare separatamente ogni parte
del programma

Le unità vengono integrate e vengono


utilizzati dati scelti appositamente per
il test per vedere se le varie parti del
Collaudo del sistema programma cooperano in modo
adeguato. A questo punto, si può
provare a collaudare il sistema
utilizzando i dati reali
24

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase V. Implementazione del
sistema
Fasi principali:
 Conversione nel nuovo sistema.

 Esistono 4 diverse strategie di implementazione.


 Implementazione diretta;
 Implementazione parallela;
 Implementazione a fasi;
 Implementazione pilota.

 Addestramento degli utenti.


25

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase V. Implementazione del sistema

Conversione nel nuovo sistema

Il processo di conversione da un vecchio sistema a uno nuovo prevede


la conversione di hardware, software e file

Conversione dell’hardware: Conversione del software:


Consiste nell’acquisto e consiste nell’assicurarsi che le
installazione di nuove vecchie applicazioni funzionino
apparecchiature anche con il nuovo sistema

Per gestire la conversione possono essere utilizzate quattro diverse


strategie di implementazione: 26

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase V. Implementazione del sistema

Implementazione diretta

Addestramento degli utenti.

l’utente smette di utilizzare i vecchio sistema e inizia a utilizzare


il nuovo . Il rischio insito in questo metodo è evidente:

•Cosa succede se il nuovo sistema non funziona a dovere?

Una discontinuità d’uso del vecchio sistema potrebbe impedire un


suo riutilizzo
27

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase V. Implementazione del sistema

Implementazione parallela

Il vecchio Addestramento degli utenti.


e il nuovo sistema vengono impiegati congiuntamente
finchè il nuovo sistema non si dimostra affidabile. A questo punto si
abbandona il vecchio sistema

Vantaggio Svantaggio
Se il nuovo sistema dovesse La difficoltà di questo approccio
manifestare dei problemi, consiste nel fatto che occorre
l’organizzazione potrà comunque prevedere risorse e personale
tornare a impiegare il doppio per l’utilizzo in parallelo
vecchio sistema dei due sistemi

ICT e società dell’informazione 2/ed


ICT e Società
Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola dell'Informazione
Fase V. Implementazione del sistema

Implementazione a fasi

Solo alcune parti del nuovo sistema sono implementate


in parallelo o in maniera diretta

29

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase V. Implementazione del sistema

Implementazione pilota

Addestramento degli utenti.


L’intero sistema viene provato solo da alcuni utenti
Una volta che se ne dimostrata l’affidabilità, il sistema viene
implementato per tutti gli utenti.

Tale approccio presenta dei pericoli, in quanto una parte


Rischi degli utenti viene rimossa dal vecchio sistema. (Tali rischi
sono limitati a una piccola parte dell’organizzazione)

30

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase V. Implementazione del sistema

Addestramento degli utenti:

 Documentazione cartacea
 Video
 Corsi con insegnanti
 I costi e benefici di ogni soluzione

31

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase VI. Manutenzione del sistema

Obiettivi principali:
 ottimizzazione e miglioramento del sistema,
attraverso indagini e valutazioni periodiche,
nonché modifiche sulla base di nuove
condizioni;
 continuo monitoraggio del sistema per
garantirne l’efficacia e l’efficienza.

32

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Fase VI. Manutenzione del sistema

Nella fase di manutenzione non basta assicurarsi che


le macchine siano funzionanti, ma bisogna anche
verificare che sia esse che il sistema stesso siano
costantemente aggiornati e al passo con i nuovi
prodotti, servizi, clienti, leggi e altri requisiti

33

ICT e società dell’informazione 2/ed


Copyright © 2010 – The McGraw-Hill Companies srl
Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola