Sei sulla pagina 1di 8

LA GRADUALE EMERSIONE

DELL’INTERESSE AMBIENTALE
NEL DIRITTO
Il tema dell’ambiente è affascinante
per chi voglia studiare lo studio del
diritto nella sua dinamicità
LA DIFFERENZA PROFONDA FRA
VALORI E INTERESSI

• Non si devono confondere i valori con gli


interessi giuridicamente rilevanti;
• Si ha un interesse giuridicamente rilevante solo
quando se ne può dare una tutela giuridica, a
quel punto quell’interesse diventa una situazione
giuridica soggettiva;
• Non è nuovo il valore ambientale:è nuova la sua
rilevanza giuridica.
GLI EFFETTI DELLA RILEVANZA
GIURIDICA DELL’INTERESSE
AMBIENTALE

• L’interesse ambientale si interseca con altri già


tutelati e incide sulle competenze delle
amministrazioni che li curano;
• Non vi è sempre corrispondenza fra il territorio in
cui si verificano i fenomeni e l’organizzazione che vi
provvede;
• Il notevole lasso di tempo in cui si verificano gli
eventi dannosi rende difficile individuare il nesso di
causalità.
LA MATERIALIZZAZIONE
DELL’INTERESSE AMBIENTALE

• L’ambiente è una materia in sé ovvero ha un oggetto


ben delimitabile o è una sintesi verbale in cui sono
ricompresi aspetti differenti?
• Un tempo si riteneva che l’ambiente fosse una
somma di una pluralità di profili giuridicamente
rilevanti: nozione intesa in senso naturalistico o
come insieme di aspetti relativi al fenomeno
dell’inquinamento o infine, in senso urbanistico,
come assetto del territorio;
LA RILEVANZA DELLA DISCIPLINA
ISTITUTIVA DEL MINISTERO
DELL’AMBIENTE

• La tesi dell’ambiente come mera sintesi verbale era


sostenibile quando fu elaborata perché non esisteva
un’amministrazione specifica che tutelasse
l’interesse ambientale;
• L’aumento qualitativo dell’inquinamento e il sorgere
di associazioni ambientaliste ha fatto emergere la
necessità di conferire una rilevanza istituzionale alla
tutela dell’interesse ambientale;
• L’istituzione del Ministero dell’ambiente (l. n.
349/1986);
L’AFFERMAZIONE DI UN DIRITTO
SOGGETTIVO ALL’AMBIENTE
• È stata la giurisprudenza a dedurre il diritto
soggettivo all’ambiente da altri diritti già protetti,
come quello della proprietà e della salute;
• Il riconoscimento dell’ambiente come “valore
costituzionale” consolidata dopo la Riforma del
Titolo V della Costituzione;
• Passaggio da una tutela conservativa, legata ad
un’accezione statica del fenomeno, ad una
propositiva, volta all’adozione di interventi di
valorizzazione;
LE DINAMICHE DELLE RELAZIONI CON
GLI ALTRI INTERESSI

• Rapporti oppositivi, di conflittualità o di


convergenza;
• Il concetto di sviluppo sostenibile: la sostenibilità è
intesa come un limite alla massimizzazione dello
sviluppo economico;
• La formula dello sviluppo sostenibile può assumere
anche un differente significato: non di limite fra
valori contrapposti ma di convergenza nell’obiettivo
e parametro di una migliore qualità della vita;
I SOGGETTI PORTATORI
DELL’INTERESSE AMBIENTALE
• Graduale riconoscimento della legittimazione delle
associazioni ambientaliste;
• Riconoscimento delle associazioni ambientaliste in
seno alla legge istitutiva del Ministero dell’ambiente;
• Riconoscimento alle associazioni della legittimazione
processuale e della partecipazione al procedimento e
al diritto d’accesso;
• Aperture della giurisprudenza nel senso di
riconoscere legittimazione non solo alle associazioni
riconosciute ma anche di quelle con requisiti
sufficienti;