Sei sulla pagina 1di 20

UNIVERSITÀ DI PISA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E INDUSTRIALE (DICI)


PERCORSI ABILITANTI SPECIALI (PAS) - A.A. 2013 - 2014

CORSO DI
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO

LEZIONE 6
GOOGLE SKETCHUP
ESERCITAZIONE
1
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 ESERCITAZIONE CON SKETCHUP

Progettare una stanza con Google SketchUp

2
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 COSTRUZIONE DEL SOLAIO 1

Partiamo dalla costruzione del solaio.


1) Selezionare lo strumento Linea e posizionare la
punta della matita sull’origine degli assi.
2) Individuare il primo punto sull’origine tenendo
premuto il pulsante sinistro del mouse e tracciare
la linea muovendosi lungo l’asse verde: un
secondo clic del mouse disegnerà un segmento
di linea. Prima, però, bisogna specificare la
lunghezza del segmento che SketchUp dovrà
tracciare.
3) Per specificare una ben precisa lunghezza non è
necessario attivare la VCB (“Visual Control Box”)
perché il programma lo fa automaticamente: è
sufficiente digitare direttamente sulla tastiera il
valore della lunghezza in metri (4 nel nostro caso)
che SketchUp interpreterà di default come 4 m.

3
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 COSTRUZIONE DEL SOLAIO 2
Adesso bisogna costruire gli altri 3 lati.

Partendo da una delle stremità del


segmento tracciato si disegna
un’altra linea di 5,5 metri.

Il terzo lato, ovviamente sarà parallelo all’asse verde


e la misura sarà determinata automaticamente dal
programma dai riferimenti fornitigli con le linee già
disegnate. L’ultimo lato terminerà nell’origine dove
inizia il primo e appena premuto invio darà un
rettangolo come risultato.

4
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 COSTRUZIONE DEL SOLAIO 3
SketchUp, ovviamente, permette anche di disegnare subito un
rettangolo premendo l’apposito simbolo sul menù «Grandi
strumenti» ed inserendo le rispettive lunghezze sulla barra VCB che
comparirà appena selezionato il comando.

A questo punto dobbiamo dare lo spessore al nostro rettangolo per


realizzare il solaio. L’operazione si effettua con lo strumento
Spingi/tira posizionato direttamente sul nostro rettangolo, che
cambierà leggermente colore, cliccandovi sopra e muovendosi
leggermente verso l’alto . Prima di rilasciare il tasto del mouse è
5
necessario digitare lo spessore 0,3.
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 PLANIMETRIA DELLA STANZA 1

Disegniamo due pareti coincidenti con la muratura perimetrale


esterna dell’appartamento con uno spessore di 30 cm.
Selezioniamo lo strumento Misura e posizioniamoci sul bordo
posteriore sinistro della faccia: facendo clic e muovendo il mouse
verso destra apparirà una retta a tratteggio, parallela al bordo del
solaio, che si può spostare a piacere con il mouse.
Queste particolari rette si chiamano guide.
Ora inseriamo il valore 0,3 e il programma disegnerà una “retta di
costruzione” parallela al bordo e distante da esso 30 cm.
6
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 PLANIMETRIA DELLA STANZA 2

Adesso dobbiamo “ripassare” con lo strumento Linea partendo


dall’intersezione ed arrivando fino all’estremità per entrambe le
pareti.

Solaio con pareti perimetrali 7


FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 PLANIMETRIA DELLA STANZA 3

Il passaggio successivo è disegnare il profilo delle pareti interne


della camera, che avranno uno spessore di 10 cm.
Il procedimento sarà un po’ più lungo, ma la logica è analoga a
quella seguita per disegnare i muri esterni.

8
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 PLANIMETRIA DELLA STANZA 4
1) Cominciamo dalla parete che
separa la camera dal corridoio.
Con lo strumento Misura troviamo un
punto di costruzione a 1,3 m dal punto
estremo a sinistra del solaio.
A partire da questo punto con lo
strumento Linea disegneremo il bordo
esterno della parete composta da 3
segmenti consecutivi di 1,5 m- 0,6 m-
3,7 m
2) Il secondo passaggio riguarda il
disegno del bordo interno.
Selezioniamo le tre linee del bordo
esterno e con lo strumento Offset
facciamo clic su un punto
qualunque della nostra selezione
trascinando poi il mouse verso
l’interno della camera. Digitiamo il 9
valore di 0,1 per l’offset.
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 PLANIMETRIA DELLA STANZA 5
3) Costruiamo la parete che separa la camera
dal bagno.
Con lo strumento Misura disegniamo un primo
punto di costruzione a 0,8 m dall’estremità
destra del solaio ed un secondo distante 0,1 m
dal primo (spessore della parete). A questo
punto possiamo tracciare con lo strumento
Linea i due bordi della parete che partiranno
dai punti appena disegnati.

4) Cancellazione delle guide e dei


segmenti di separazione delle pareti.
Con lo strumento Cancella eliminiamo i
piccoli segmenti di separazione delle
pareti avendo cura di eseguire prima
uno Zoom sull’area da cancellare.
Per cancellare invece le guide
selezioniamo la voce Elimina guide dal
menu Modifica. 10
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 RIVESTIMENTO DEL SOLAIO
Utilizzeremo lo strumento Riempi per applicare il parquet nella
camera e nel corridoio.
Si aprirà la finestra Materiali dalla quale
selezioneremo prima la voce «legno» e
successivamente «piastrelle» per il
bagno. Possiamo anche cambiare il
colore del materiale o la sua scala di
rappresentazione dalla scheda
«Modifica».

Pavimentazioni 11
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 INSERIMENTO DEI MOBILI
Cominciamo inserendo il letto per il quale abbiamo 2 possibilità:
farne il modello 3D o cercare un modello già fatto ed adattarlo al
nostro disegno. Infatti SketchUp offre un’ampia libreria on line di
materiali, strumenti e modelli già fatti da scaricare liberamente.

Optiamo per la seconda


soluzione utilizzando l’apposito
simbolo «Get Models» presente
sulla barra o cercando lo stesso
comando nel menù Finetra.
Selezionando dall’elenco il
modello prescelto si arriverà ad
una finestra che permette di
scaricarlo.

A questo punto è possibile caricare il modello direttamente nel


nostro file oppure salvarlo in una raccolta personale per poterlo
riutilizzare in seguito.
12
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 COLLOCAZIONE DEI MOBILI 1
Spesso la collocazione del componente
è casuale, quindi dovremo sistemarlo
nella posizione corretta.

Lo strumento Sposta si attiva


automaticamente inserendo un nuovo
componente all’interno del modello e
posizionando il cursore sulle facce del
nostro oggetto sarà anche possibile
ruotarle, come mostrato in figura.
Otterremo un mirino a forma di goniometro
che ci aiuterà a ruotare il letto, ma sarà
possibile digitare anche l’angolo tramite la
solita tastiera VCB.
13
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 COLLOCAZIONE DEI MOBILI 2
Lo strumento Scala co permetterà,
invece, di assegnare la giusta
dimensione al nostro oggetto ed
eventualmente di ribaltarlo tramite il
cubetto mediano colorato di rosso
nell’immagine.

Muovendo il mouse verso destra il letto si restringerà sempre più


finché, raggiunta una larghezza nulla, avverrà il ribaltamento.
Continuate a muovere il mouse verso destra fino a leggere nella
VCB “Scala rosso, blu” i valori “-1,00;1,00”, che vi indicheranno il
ritorno alle dimensioni iniziali, infatti il segno “-” rappresenta il
ribaltamento.

14
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 COLLOCAZIONE DEI MOBILI 3

A questo punto bisogna solo mettere il letto nella giusta posizione.


E’ sufficiente agganciare il nostro letto in un suo vertice una volta
attivato lo strumento Sposta e farlo combaciare con un punto di
costruzione precedentemente creato, con una parete o un altro
elemento del disegno.

15
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 COSTRUZIONE PARETI

Adesso dobbiamo costruire le


pareti, interne ed esterne, del
nostro modello.
I passaggi sono gli stessi già
visti durante la realizzazione del
solaio.

Passando il cursore sopra le pareti disegnate in pianta le potremo


attivare (cambierà leggermente il colore) e con lo strumento
Spingi/Tira potremo estruderle a nostro piacimento.
Come sempre possiamo guardare come cambiano i numeri mentre
spostiamo il mouse, oppure possiamo inserire direttamente
l’altezza desiderata.
16
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 ASPETTO FINALE

Questa è un’idea dell’aspetto finale che dovrebbe avere il nostro


modello. Ovviamente sono possibili numerose varianti a seconda
degli elementi che ho deciso di inserire e dei colori che ho scelto
per personalizzare gli ambienti.
17
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 ESEMPI

18
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 ESEMPI

19
FONDAMENTI DI DISEGNO TECNICO - LEZIONE 6 SKETCHUP

ING. VALENTINA PAOLINI

20