Sei sulla pagina 1di 6

BULLISMO

l bullismo è una forma di comportamento sociale di tipo violento e


intenzionale, di natura sia fisica che psicologica, oppressivo e vessatorio,
ripetuto nel corso del tempo e attuato nei confronti di persone
considerate dal soggetto che perpetra l'atto in questione come bersagli
facili e/o incapaci di difendersi.
L'accezione è principalmente utilizzata per riferirsi a fenomeni di
violenza tipici degli ambienti scolastici e più in generale di contesti
sociali riservati ai più giovani. Lo stesso comportamento, o
comportamenti simili, in altri contesti, sono identificati con altri termini,
come mobbing in ambito lavorativo o nonnismo nell'ambito delle forze
armate.
TIPI DI BULLISMO
• 1. Bullismo fisico
Questo è il tipo di bullismo più evidente, poiché il bullo utilizza la forza
fisica per spaventare la sua vittima. Con calci, schiaffi e qualsiasi altro
tipo di aggressione fisica, il bullo cerca di umiliare e sottomettere la
sua vittima.
• È importante ricordare che questo tipo di maltrattamento scolastico
di solito si produce in compagnia, vale a dire che il bullo viene
incitato a picchiare ulteriormente la sua vittima sotto richiesta di
altre persone. In questo modo, il bullo si sente potente, importante
e più forte.
BULLISMO VERBALE
Questo tipo di bullismo è molto frequente, poiché
si tratta di un maltrattamento verbale che molti
considerano “cose da bambini”. La cosa peggiore
è che non si tratta affatto di cose da bambini,
poiché la persona che riceve le prese in giro, gli
insulti, le parole di denigrazione soffre e la sua
autostima ne risente.
BULLISMO SOCIALE
È una delle forme di bullismo scolastico meno
conosciute e, forse, tra le più utilizzate. È una
sottile forma di bullismo, in cui non si può contare
su un compagno con cui passare il tempo e fare i
compiti. Alla vittima vengono voltate le spalle,
viene completamente esclusa. Il dolore emotivo
che può causare questo maltrattamento può
essere difficile da superare, poiché una delle nostre
più grandi paure è proprio il rifiuto.
CYBERBULLISMO
Questo tipo di bullismo è nato grazie ai social network. Questi sono
molto in voga tra i giovani, i quali li utilizzano per condividere le
loro esperienze, i loro sentimenti più intimi e tutto ciò che amano
o meno. Un esempio di cyberbullismo può essere quello di caricare
una foto che, improvvisamente, viene riempita di commenti
negativi, ad esempio “dimagrisci”, “fai schifo”. Tutto questo ferisce
la persona della foto, che si vergogna della stessa a causa di questi
commenti. Esistono anche casi in cui il bullo è in possesso di una
fotografia personale della vittima, in cui questa è venuta male o sta
compiendo un gesto che la fa vergognare, e la minaccia di
pubblicarla per poterla manipolare. Tutto questo avviene tramite
messaggi privati, che causano un terribile malessere alla persona
presa di mira.
BULLISMO CARNALE
Tra le condotte che rientrano nel bullismo carnale
ricordiamo i commenti maschilisti, sessisti e quelli
che si riferiscono a parti del corpo dell’altra
persona. Tuttavia, in molte situazioni, si arriva
anche a toccare la vittima in zone intime senza che
questa acconsenta, facendola sentire umiliata.