Sei sulla pagina 1di 26

1

H. Curtis, N. S. Barnes, A. Schnek, G. Flores

Invito alla
biologia.blu
B – Biologia molecolare, genetica
ed evoluzione

2
Le basi chimiche
dell’ereditarietà

3
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
Il codice della vita
Il DNA, o acido desossiribonucleico, è costituito da lunghe
catene di nucleotidi;

ogni nucleotide è composto da uno zucchero (deossiribosio), un


gruppo fosfato, una base azotata purinica o pirimidinica.

4
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
Il codice della vita
Purine: adenina (A) e
gunina (G);

pirimidine: citosina (C) e


timina (T).

5
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
Informazione genetica

Nel 1952 gli scienziati Hershey e Chase dimostrarono che il DNA


contiene l‘informazione genetica.
6
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
La struttura del DNA
Watson e Crick nel
1953 dedussero, anche
grazie al lavoro di
Rosalind Franklin e
Maurice Wilkins, che il
DNA è una doppia elica
lunga e spiralizzata.

7
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
La struttura del DNA

 Le purine si appaiano con le pirimidine;


 tra adenina e timina ci sono due legami a
idrogeno; tra citosina e guanina ce ne
sono tre;
 i filamenti sono antiparalleli: hanno due
direzioni opposte indicate per
convenzione 5’- 3’ e 3’- 5’.

8
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
La duplicazione del DNA

 La molecola di DNA si apre e


ciascun filamento funziona
da stampo per la sintesi di un
nuovo filamento;
 la duplicazione è
semiconservativa perché le
due nuove molecole hanno
ciascuna un filamento
vecchio (stampo) e uno
nuovo.

9
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
Meccanismo della duplicazione

 È catalizzata dalla DNA polimerasi;


 inizia da una sequenza di nucleotidi detta origine della
duplicazione;
 il DNA forma la bolla di duplicazione alle cui estremità
troviamo le forcelle di duplicazione (a Y);
 è bidirezionale.
10
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
Gli enzimi della duplicazione

11
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
La DNA polimerasi

 Non può innescare la sintesi ma utilizza un primer (o


innesco) a RNA;
 aggiunge nucleotidi in direzione 5’- 3’;
 si autocorregge (proofreading).
12
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
La DNA polimerasi

L’enzima spezza il legame tra primo e secondo


gruppo fosfato ottenendo l’energia necessaria per
creare un legame forte tra nucleotidi adiacenti.
13
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
La duplicazione è asimmetrica
La DNA polimerasi aggiunge nucleotidi in direzione 5’- 3’:

 Il filamento guida 5’- 3’ è sintetizzato in modo continuo;


 il filamento in ritardo 3’- 5’ sintetizzato in brevi tronconi
(frammenti di Okazaki) in direzione 5’- 3’.
14
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
La duplicazione
è asimmetrica
 La Dna primasi sintetizza i
primer e torna indietro verso
la forcella per creare altri
primer sul filamento in
ritardo;
 i primer vengono rimossi e
sostituiti con DNA;
 la ligasi interviene per legare i
frammenti di Okazaki.

15
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
Il proofreading
 La DNA polimerasi compie «solo» un errore ogni 108
coppie di nucleotidi perché si autocorregge
(proofreading);

 la DNA polimerasi controlla l’appaiamento


precedente prima di aggiungere un nuovo
nucleotide e, se è scorretto, lo rimuove inserendo
quello giusto;

 ha attività nucleasica, ossia degradativa, in


direzione opposta a quella di sintesi.

16
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
I danni al DNA
 Errori non corretti possono portare a variazioni
permanenti nella sequenza del DNA;

 queste mutazioni sono dovute sia a errori nella


duplicazione sia a danni causati da radiazioni, sostanze
chimiche e raggi UV;

 il cancro, ossia la proliferazione incontrollata delle


cellule, è una delle possibili conseguenze;

 esistono enzimi deputati al continuo controllo e


riparazione del DNA.

17
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
La riparazione per escissione

 Vengono eliminati un certo numero di nucleotidi nella zona in


cui è avvenuta una mutazione, il filamento corretto viene
usato come stampo;
 le proteine coinvolte si chiamano Uvr.
18
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
PCR (Polymerase Chain Reaction)
La reazione a catena della polimerasi è un metodo
inventato nel 1986 da Kary B.Mullis per duplicare piccoli
campioni di DNA in laboratorio;

si devono conoscere brevi sequenze alle estremità del


frammento per fornire i primer corretti (20 nucleotidi);

la si utilizza per la diagnosi prenatale, per cercare


infezioni di virus e per avere a disposizione grandi quantità
di sequenze precise di DNA in poco tempo.

19
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
La PCR

20
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2011
I cromosomi
 I procarioti hanno un
unico cromosoma
circolare costituito da una
sola molecola di DNA.

 Gli eucarioti hanno più


cromosomi nei quali l’unica
molecola di DNA lineare è
associata alle proteine,
hanno sequenze ripetute
con funzione sconosciuta.

21
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
La cromatina

È l’insieme di DNA e proteine e ne esistono due tipi:

eterocromatica più condensata e compatta;

eucromatina più dispersa per consentire la trasmissione


di informazioni durante l’interfase.

22
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
Il nucleosoma
 La cromatina è formata da
istoni carichi positivamente e
perciò attratti dal DNA;
 ci sono 5 tipi di istoni sui
quali si avvolge il DNA
formando il nucleosoma;
 ogni nucleosoma è costituito
da 8 molecole di istoni (due
per tipo), l’istone H1 si trova
lungo il DNA.

23
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
Stati di ripiegamento
I nucleosomi si uniscono in una struttura a collana di perle che
si avvolge in anse e quindi in spirali condensate fino a formare
il cromosoma.

24
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
Caratteristiche del DNA

 Negli eucarioti non tutte le funzioni di alcune sequenze sono


conosciute, mentre nei procarioti viene espresso tutto il DNA;
 nelle cellule umane è codificante solo l’1,5-2% dell’intero
genoma.
25
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012
Le sequenze ripetitive
 Circa ¾ del genoma è costituito da sequenze intergeniche;

 ci sono sequenze ripetitive molto corte e disposte in


tandem chiamate DNA microsatellite;

 alcune sono moderatamente ripetitive e possono


codificare per gli istoni e per gli RNA ribosomiali;

 le sequenze altamente ripetitive sono più lunghe e sono


sparse in tutto il genoma di cui rappresentano circa il 40%.

26
Curtis et al. Invito alla biologia.blu © Zanichelli editore 2012