Sei sulla pagina 1di 16

Il Mondo Diviso

1953-1964
la “coesistenza pacifica”e le sue crisi
In questi anni si verifica un allentamento della tensione tra i
due blocchi.
URSS: Nikita Krusciov (sostituito nel 1964)
USA: John Fitzerald Kennedy (assassinato nel 1963)

Momenti di crisi internazionali:


1961 Germania: costruzione del muro
1962 Cuba: basi missilistiche sovietiche e rischio di una
guerra atomica

Il Mondo Diviso
U.R.S.S.

Dopo la morte di Stalin sale al potere Nikita Krusciov.


Al XX congresso del Partito comunista denuncia i crimini di
Stalin e annuncia la “destalinizzazione”: fine dello
stalinismo in politica interna e miglioramento delle
relazioni con l'Occidente (fase di “disgelo” o “distensione”).

Il Mondo Diviso
Kruscëv al potere in URSS
Nel 1953, alla morte di Stalin Nikita Kruscëv gli succede alla guida del Partito e
della Russia.

Nel 1956, durante il XX Congresso


del PCUS, Kruscëv:

» condanna i crimini staliniani;

» denuncia il “culto della personalità”


tributato al dittatore;

» decreta la fine del sistema delle


“grandi purghe”.

Il processo rimane però incompiuto:


non mette in discussione il sistema
economico-politico e non elimina i gulag,
in cui continuano ad essere rinchiusi i dissidenti
Il Mondo Diviso
U.S.A.
Kennedy e la “nuova frontiera”(1960-1963)
Negli USA gli anni Sessanta si aprono con
la presidenza di John Fitzgerald Kennedy.
Con il programma di impegno sociale detto
“nuova frontiera” il giovane presidente vuole
rafforzare la democrazia e rilanciare il sogno
americano di pace, prosperità e libertà.

Politica interna: impegno nei settori


dell'occupazione, dell'assistenza agli anziani,
dell'istruzione; in particolare il suo governo
appoggia la lotta per i diritti civili delle minoranze
e la lotta contro la discriminazione razziale.

Programma spaziale: obiettivo è mettere piede sulla


Luna
Il Mondo Diviso
La politica estera degli USA
In politica estera, Kennedy si oppone a ogni
tentativo di espansione dell’area di influenza
sovietica.

Durante la sua presidenza si verificano crisi


internazionali:

» la crisi dei missili di Cuba;

» la costruzione del muro di Berlino.

Kennedy sostiene poi, tramite l’invio


di consiglieri militari e aiuti economici, il
Vietnam del Sud in Indocina.

Nel novembre del 1963 Kennedy viene


assassinato a Dallas
Il Mondo Diviso
Dopo Kennedy e dopo Krusciov

Scenari di crisi dell'assetto


bipolare

Il sistema bipolare, costruito sullo scontro


USA-URSS manifesta i primi segnali di crisi
tra gli anni Sessanta e Settanta

Il Mondo Diviso
URSS
Leonid Breznev (1964 - 1982)
Politica della “sovranità limitata”: autorità dell'Unione
Sovietica nei paesi satelliti, per arginare qualunque
tentativo di dissidenza.
Es. 1968 intervento armato in Cecoslovacchia per
reprimere la “Primavera di Praga” :tentativo di
democratizzazione compiuto da Aleksander Dubcek
per instaurare un “socialismo dal volto umano”.
La dura repressione, attuata dai carri armati sovietici e
da quelli del Patto di Varsavia, è condannata da tutto
il mondo occidentale.
Il Mondo Diviso
La “primavera di Praga”
I Paesi satelliti dell’URSS iniziano
a cercare delle “vie nazionali”
al socialismo.

In Cecoslovacchia il primo ministro Dubcek


nel 1968:

» vara riforme economiche;

» concede una maggiore libertà di


discussione politica.

Il suo scopo è realizzare un “socialismo dal


volto umano”:

» ha inizio la cosiddetta “primavera di

Praga”.

Il Mondo Diviso
La dottrina della “sovranità limitata”
In risposta alle aperture di Dubcek, Breznev
espone la dottrina della “sovranità limitata”.

L’URSS ha infatti il dovere


di intervenire quando in uno Stato “fratello”
viene messo in dubbio
il ruolo guida del Partito comunista russo.

In agosto i carri armati del Patto


di Varsavia invadono la Cecoslovacchia: è la
fine della “primavera di Praga”.

Il Mondo Diviso
USA : Lyndon Johnson (1963-1969) :
guerra del Vietnam
Richard Nixon (1969-1974) :
fine guerra del Vietnam

Il Mondo Diviso
L’intervento in Vietnam
Nel novembre del 1963 Kennedy viene
assassinato a Dallas e gli succede Lyndon
Johnson:

» il nuovo governo continua la politica

a sostegno della lotta per i diritti

civili dei neri;

» gli USA intervengono direttamente

nella guerra in Vietnam ,in cui gli USA


sono coinvolti dal 1962 (J.F.K.)

Ma l’opinione pubblica protesta, perché vede


negli Usa una potenza che mira solo a
tutelare i propri interessi.

Il Mondo Diviso
Nixon presidente
Le elezioni presidenziali del 1968
si svolgono in un clima molto acceso
per le proteste contro la guerra
in Vietnam.

Durante la campagna elettorale vengono


uccisi:

» Martin Luther King;

Robert Kennedy,fratello del defunto


presidente, candidato alle presidenziali.

Il nuovo presidente Richard Nixon riallaccia i


rapporti con i Paesi comunisti (Russia e
Cina) e pone fine alla guerra del Vietnam
(1973)

Il Mondo Diviso
L’Europa occidentale
In Europa occidentale, la Francia,
la Gran Bretagna e la Germania completano la
ricostruzione postbellica.(v.Piano Marshall)

In questi Paesi, la popolazione raggiunge livelli


di benessere mai ottenuti in precedenza.

Lo sviluppo industriale e la diffusione del


benessere sono favoriti anche dalla solidità
delle istituzioni democratiche.

Il Mondo Diviso
Il Sessantotto
Prime manifestazioni negli USA nel 1964. I
giovani:

* protestano contro l’intervento americano in


Vietnam;

* contestano le gerarchie, gli stili di vita e i

valori etico-politici della società borghese


* contestano il conservatorismo delle istituzioni
universitarie.

A ciò si aggiunge la lotta per i diritti civil dei neri


(Martin Luther King, Malcom X)

Nella primavera del 1968 la contestazione giovanile


esplode in tutti i maggiori Paesi occidentali.
In Francia e in Italia il movimento giovanile si salda
alle lotte operaie.
Il Mondo Diviso
Gorbaciov e la
democratizzazione dei paesi
dell'Est
L'URSS vede intaccata la solidità del proprio
modello politico e ideologico in seguito a
vari fattori, tra i quali l'intervento militare in
Afghanistan,la repressione nei confronti
degli intellettuali dissidenti (es. fisico Andreji
Sacharov,confinato a Gorkij) e la crisi
economica.

Il Mondo Diviso