Sei sulla pagina 1di 28

Introduzione all’algebra

lineare

Marco Casarotti
(Università di Padova)

Paolo Bouquet
(Università di Trento)
Algebra lineare
indici
Definizione di Matrice:
Tabella di numeri – detti
coefficienti – disposti in
righe e colonne:
 a11 a12 a13 
 
a
 21 a22 a23 
a 
 31 a32 a33 
Esempi:
 a11 a12   3   4 14 1 3 6 
   
A    13  6 2 1 74 3
 a21 a22   
 67 32 1 3 99 
 
 3 76 
 b11 b12   
55 32
B   
 21 22 
b b 4 3 n
 
 56 1   a11 a1n 
 a11 a12 a13   
 
m

 a21 a22 a23   


a a33 
a 
 31 a32  m1 amn 
Matrici quadrate

Matrici quadrate:
Il numero di righe è uguale al numero di
colonne: A m x m
m è chiamato ordine della matrice
 23 9 79 5
Esempio di matrice  
 2 10 1 66 
avente ordine 4  54 1 43 32 
 
 6 121 1000 5 
Definizioni

Diagonale principale:
Insieme dei coefficienti
con indice (i, i) con
1≤i≤m
 23 9 79 5 
 
 2 10 1 66 
 54 1 43 32 
 
 6 121 10 5 
Definizioni

Diagonale secondaria:
Insieme dei coefficienti
con indice (i, m-i+1)
con 1≤i≤m
 23 9 79 5 
 
 2 10 1 66 
 54 1 43 32 
 
 6 121 10 5 
Definizioni

Matrici diagonali:
Sono matrici quadrate i cui coefficienti NON
diagonali sono uguali a 0.
3 0 0 0
Esempi: 3 0 0   
 0 2 0 0
 
1 0  0 3 0  0 0 3 0
   0 0 43   
0 2   0 0 0 2
Definizioni

Matrici scalari: matrici diagonali in cui tutti i


coefficienti sono tra loro uguali

5 0 0 0
 
 0 5 0 0
0 0 5 0
 
0 0 0 5
Vettori
T
Matrice 1xn: vettore riga ( v )

vT  12 3  121  12 
 
Matrice mx1: vettore colonna ( u ) 3
u  
  
 
121
Prodotto scalare

Prodotto scalare: data una matrice A ed uno


scalare α,si definisce prodotto scalare la
matrice αA tale che:

 A   a mn

 2 4 2  2*3 4*3 2*3 
   
 3 A  2 6 5  A   2*3 6*3 5*3 
8 4 8  8*3 4*3 8*3 
   
Definizioni

Si definisce –A, la matrice OPPOSTA di A:

 A   amn 

Proprietà del prodotto scalare:


• 1A=A

• 0A=0

• (xy)A=x(yA)
Somma di matrici (per componenti)

Date due matrici A e B delle medesime


dimensioni, si definisce come loro somma la
matrice A+B tale che:
(a  b)mn   amn  bmn 

La somma di matrici aventi diverse dimensioni


NON è definita.
1 12 4 
 
A  2 3 3
9 6 9 

4 1 1
 
B  6 3 2
2 4 8 

 1  4 12  1 4  1 
 
A  B   2  6 3 3 3 2
9  2 6  4 9  8
 
Prodotto per componenti

Date due matrici A e B delle medesime


dimensioni, si definisce come loro
prodotto per componenti la matrice C
tale che:

(c)mn   amn * bmn 


1 12 4 
 
A  2 3 3
9 6 9 

4 1 1
 
B  6 3 2
2 4 8 

 1* 4 12*1 4*1 
 
A.* B   2*6 3*3 3* 2 
 9* 2 6* 4 9*8 
 
Prodotto di un vettore riga per un vettore
colonna

T
Dati un vettore riga v ed un vettore colonna u
con lo stesso numero di elementi, ovvero
rispettivamente 1xn e nx1, si definisce
prodotto riga per colonna il valore (o matrice
1x1):

v u  v1u1  ...  vnun


T
Esempio di prodotto riga

v  1 2 3 4 
T

 3
 
5
u  
7
 
1
v u  1*3  2*5  3*7  4*1
T
Prodotto di matrici righe per colonne

Siano A e B due matrici tali che il numero di


colonne di A sia uguale al numero di righe di
B. Definiamo il prodotto di A e B righe per
colonne come la matrice C ottenuta
eseguendo il prodotto di vettore riga per
vettore colonna tra tutte le righe di A e tutte le
colonne di B. La matrice C avrà lo stesso
numero di righe di A e lo stesso numero di
colonne di B.
4 3 1
1 2 3 4   
  5 9 7
 5 6 7 8 * 7 4 5
 9 10 11 12   
 
8 9 1  a11 a12 a13 
 4  
   a21 a22 a23 
 5
1 2 3 4  *    a11 a a33 
7  31 a32
 
8
4 3 1
1 2 3 4   
  5 9 7
 5 6 7 8 * 7 4 5
 9 10 11 12   
 
8 9 1  a11 a12 a13 
 4  
   a21 a22 a23 
 5
 5 6 7 8  *    a21 a a33 
7  31 a32
 
8
4 3 1
1 2 3 4   
  5 9 7
 5 6 7 8 * 7 4 5
 9 10 11 12   
 
8 9 1  a11 a12 a13 
 4  
   a21 a22 a23 
 5
 9 10 11 12  *    a21 a 
7  31 a32 a33 
 
8
4 3 1
1 2 3 4   
  5 9 7
 5 6 7 8 * 7 4 5
 9 10 11 12   
 
8 9 1  a11 a12 a13 
 3  
   a21 a22 a23 
 9
1 2 3 4  *    a12 a a33 
4  31 a32
 
9
4 3 1
1 2 3 4   
  5 9 7
 5 6 7 8 * 7 4 5
 9 10 11 12   
 
8 9 1  a11 a12 a13 
 3  
   a21 a22 a23 
 9
 5 6 7 8  *    a22 a a33 
4  31 a32
 
9
4 3 1
1 2 3 4   
  5 9 7
 5 6 7 8 * 7 4 5
 9 10 11 12   
 
8 9 1  a11 a12 a13 
 3  
   a21 a22 a23 
 9
 9 10 11 12  *    a32 a a33 
4  31 a32
 
9
Prodotto di un vettore colonna per un
vettore riga
T
Il prodotto di un vettore colonna u per un vettore riga v
è una matrice C ottenuta calcolando il prodotto per
componenti di una matrice A avente tante colonne,
T
tutte uguali ad u, quante sono le righe di v e di
T
una matrice B avente tante righe, tutte uguali ad v
quante sono le righe di u.
Esempio di prodotto di vettore colonna
per vettore riga
1
   T   6 7 8 9
u   2
 3
 

1 1 1 1 6 7 8 9  1*6 1*7 1*8 1*9 


     
 2 2 2 2  6 7 8 9 2*6 2*7 2*8 2*9
.*   =  
 3 3 3 3 6 7 8 9  3*6 3*7 3*8 3*9 
     
Esempio rete neurale con due insiemi di pesi

 y1 y2 y3 
Y
 m11 m12 
 
m
 21 m22 
m 
 31 m32 
M

 h1 h2  H

 w11 w12 w13 w14  W


 
 w21 w22 w23 w24 

 x1 x2 x3 x4  X
 w11 w12 w13 w14  *  x1 x2 x3 x4 
 
 w21 w22 w23 w24 

 m11 m12  *  h1 h2 
 
m
 21 m22 
m
 31 m 
32 

 y1 y2 y3 