Sei sulla pagina 1di 20

La Riforma Del Diritto Fallimentare

Gli indicatori di rischio: ipotesi applicative

Dott. Avv. Silvia Zenati

CONFINDUSTRIA Verona 08 03 2006


1
Analisi delle perdite
Analisi delle cause
1. Generali (variazione tassi interesse, variazioni del mercato e
delle scelte del consumatore)
2. Settoriali (grado di maturità del prodotto, esistenza di
importazioni a prezzi non fronteggiabili…)
3. Specifiche (carenza di mezzi propri, fedeltà al marchio,
inadeguatezza del management…)

Analisi storica
 Andamento storico (…esiste un trend?)
 Grado di intensità (…quale l’incidenza sul fatturato?)
 Profilo economico (…le perdite intaccano il MOL?)
 Profilo finanziario (…esistono flussi di cassa negativi ?)

Analisi del piano di recupero


Va verificata, caso per caso, la fattibilità e l’attendibilità dei piani di recupero.
2
Gli indici di bilancio quali indicatori di rischio

Premesse

L’impresa è in funzionamento o in liquidazione?


Qual è l’informativa disponibile?
L’impresa ha subito operazioni straordinarie?
Qual è il settore di appartenenza?

DEBITO FINANZIARIO / M.O.L. DEBITO FINANZIARIO / RICAVI

Valore < 3 normalità Valore < 0,02 l’impresa è solvibile


Valore > 5 segnali di crisi Valore > 0,02 segnali di crisi

DEBITO FINANZIARIO / P.N.

Valore < 0,33 normalità


Valore < 0,33 segnali di crisi 3
Il modello Z-score di Altman (1968)
Z = X1A1 + X2A2 + …+ XnAn

VARIABILI DISCRIMINANTI

X1 = CAPITALE CIRCOLANTE / ATTIVITA’


X2 = UTILI NON DISTRIBUITI / ATTIVITA’
X3 = RISULTATO ANTE IMPOSTE / ATTIVITA’
X4= VALORE DI MERCATO DEL CAPITALE PROPRIO / VALORE CONTABILE
DEI DEBITI TOTALI
X5 = RICAVI NETTI D’ESERCIZIO / TOTALE PASSIVITA’

COEFFICIENTI DISCRIMINANTI
A1 = 1,2
A2 = 1,4
A3 = 3,3 Z = (1,2 X1 ) + (1,4 X2 ) + (3,3 X3 ) + (0,6 X4 ) + (0.99 X5 )
A4 = 0,6
A5 = 0,99
4
Ipotesi, limiti, pregi del modello di Altman

- IPOTESI DEL MODELLO


Osservazione della correlazione tra le singole variabili e
l’insolvenza di 33 imprese americane, scelte tra un gruppo di 66
operanti nel settore manifatturiero
- LIMITI
- Settore specifico (manifatturiero degli anni Sessanta in U.S.A.)
- Per imprese quotate
- PREGI
- Modello di riferimento per ulteriori analisi
- Strumento di monitoraggio (rilevatore di segnali d’allarme per
potenziali imprese in crisi)
5
Il modello Z-score di Altman (1968)

VALORI DELL’INDICATORE DELLO STATO


DI CRISI

Z<1,8 Alto rischio di insolvenza


1,8 < Z < 3 Posizione incerta
Z>3 Solidità

6
La versione italiana del Modello di Altman
applicabile alle PMI quotate e non
VARIABILI E COEFFICIENTI DISCRIMINANTI
Y1 = 1,5 (CAPITALE CIRCOLANTE / DEBITI A BREVE) x
1 (DEBITI A BREVE / CAPITALE INVESTITO)
Y2 = 1,2 (UTILE NON DISTRIBUITO / REDDITO OPERATIVO) x
1,2 (REDDITO OPERATIVO / CAPITALE INVESTITO)
Y3 = 1,4 (REDDITO OPERATIVO / FATTURATO) x
2,6 (FATTURATO / CAPITALE INVESTITO)
Y4 = 0,7 (CAPITALE PROPRIO / CAPITALE INVESTITO) x
1 (CAPITALE INVESTITO / DEBITI TOTALI)
Y5 = 0,8 (REDDITO OPERATIVO / CAPITALE INVESTITO) x
0,8 (VENDITE / REDDITO OPERATIVO)

Variabili già presenti nel modello di Altman

Z = Y 1 + Y2 + Y3 + Y4 + Y5 7
ALFA SPA

Impresa in crisi non quotata


Settore lavorazione metalli
Domanda di ammissione al concordato preventivo nel 2003

PROSPETTO SINTETICO DATI


2000 2001 2002 2003
CONTABILI

FATTURATO 12.693.253 14.968.467 14.923.720 1


EBITDA 513.582 488.489 441.352 1
EBIT 384.644 314.765 262.141 1
UTILE NETTO 83.917 27.097 36.761 -5.697.339

ATTIVO FISSO NETTO 1.176.531 1.262.538 965.273 894.470


ATTIVO CIRCOLANTE 7.706.473 8.830.919 10.473.992 6.491.228
TOTALE ATTIVO 8.883.004 10.093.457 11.439.265 7.385.698

EQUITY 499.015 526.112 562.873 -5.134.466


DEBITI A BT 7.512.113 9.053.994 10.378.102 5.636.038
DEBITI A ML 871.877 513.351 498.290 6.884.126
TOTALE PASSIVITA' 8.383.990 9.567.345 10.876.392 12.520.164
TOTALE PASSIVO 8.883.005 10.093.457 11.439.265 7.385.698

8
ALFA SPA
15.000.000
13.000.000

11.000.000

9.000.000
7.000.000

5.000.000
2000
3.000.000 2001
1.000.000 2002

-1.000.000 2003

-3.000.000
-5.000.000
UTILE NETTO
EBIT
FATTURATO

ATTIVO

PASSIVO

P. N.
9
ALFA SPA
MODELLO Z-SCORE ALTMAN Coeff. 2000 2001 2002 2003

CAP. CIRC. / TOT. ATTIVITA' 1,20 0,022 -0,022 0,008 0,116


X1= 0,026 -0,027 0,010 0,139
UTILE NON DISTR. / TOT. ATTIVITA' 1,40 0,009 0,003 0,003 -0,771
X2= 0,013 0,004 0,004 -1,080
UTILE OPERATIVO / TOT. ATTIVO 3,30 0,043 0,031 0,023 0,000
X3= 0,143 0,103 0,076 0,000
CAP. PROPRIO / DEB TOTALI 0,60 0,060 0,055 0,052 -0,410
X4= 0,036 0,033 0,031 -0,246
FATT / TOT ATTIVO 0,99 1,429 1,483 1,305 0,000
X5= 1,415 1,468 1,292 0,000

Z-SCORE 1,633 1,581 1,413 -1,187

Z - Score
3
2,5
2
1,633 1,581
1,5 1,413
1
0,5
0
-0,5 2000 2001 2002 2003

-1
-1,187 10
-1,5
ALFA SPA
MODELLO Z-SCORE PMI Coeff. 2000 2001 2002 2003

CAP CIRC / DEBITI A BREVE 1,5 0,026 -0,025 0,009 0,152


DEBITI A BREVE / CAP. INV. 1 0,846 0,897 0,907 0,763
Y1= 0,033 -0,033 0,013 0,174

UTILE NON DISTR. / REDD. OPERATIVO 1,2 0,218 0,086 0,140 -5.697.339
REDD. OPERATIVO/ CAP. INVESTITO 1,2 0,043 0,031 0,023 0,000
Y2= 0,014 0,004 0,005 -0,002

REDD. OPERATIVO / FATTURATO 1,4 0,030 0,021 0,018 1,000


FATT. / CAP. INVESTITO 2,6 1,429 1,483 1,305 0,000
Y3= 0,158 0,114 0,083 0,000

CAP. PROPRIO / CAP. INVESTITO 0,7 0,056 0,052 0,049 -0,695


CAP. INVESTITO / DEBITI TOTALI 1 1,060 1,055 1,052 0,590
Y4= 0,042 0,038 0,036 -0,287

REDD. OPERATIVO / CAP. INV. 0,8 0,043 0,031 0,023 0,000


VENDITE / CAP. INV 0,8 1,429 1,483 1,305 0,000
Y5= 0,040 0,030 0,019 0,000

Z-SCORE PMI 0,285 0,152 0,156 -0,115


Z - Score PMI
3
2,5
2
1,5
1
0,5
0,285 0,156
0,152
0 -0,115
2000

2001

2002

2003
-0,5
-1
-1,5
11
-2
ALFA SPA – Confronto tra gli z-scores

Z - Score Z - Score PMI


3 3

2,5 2,5

2 2
1,633 1,581 1,5
1,5 1,413
1 1

0,5 0,5
0,285
0,152 0,156
0 0 -0,115

2000

2001

2002

2003
2000

2001

2002

2003

-0,5 -0,5

-1 -1
-1,187
-1,5 -1,5

Area di rischio insolvenza


12
BETA SPA

Impresa quotata
Settore industriale (produttore di connettori elettrici a compressione)

PROSPETTO SINTETICO DATI


2002 2003 2004
CONTABILI

FATTURATO 45.639.963 47.414.236 51.231.448


EBITDA 8.820.273 9.484.949 10.628.668
EBIT 6.318.095 7.168.255 7.424.275
UTILE NETTO 2.692.631 2.448.336 5.931.357

ATTIVO FISSO NETTO 20.223.041 19.430.884 22.560.841


ATTIVO CIRCOLANTE 37.376.245 35.710.582 38.032.538
TOTALE ATTIVO 57.599.286 55.141.466 60.593.379

EQUITY 34.602.062 35.709.839 40.417.935


VALORE DI MERCATO DEL CAP.
30.600.000 42.372.500 50.575.000
PROPRIO (n. azioni x prezzo)
DEBITI A BT 15.747.371 14.544.587 13.740.431
DEBITI A ML 7.249.853 4.887.040 6.435.013
TOTALE PASSIVITA' 22.997.224 19.431.627 20.175.444
TOTALE PASSIVO 57.599.286 55.141.466 60.593.379
13
BETA SPA

65.000.000

55.000.000

45.000.000

35.000.000

25.000.000 2002

2003
15.000.000
2004
5.000.000

-5.000.000
UTILE NETTO
EBIT
FATTURATO

ATTIVO

PASSIVO

P. N.
14
BETA SPA
MODELLO Z-SCORE ALTMAN Coeff. 2002 2003 2004

CAP. CIRC. / TOT. ATTIVITA' 1,20 0,376 0,384 0,401


X1= 0,451 0,461 0,481
UTILE NON DISTR. / TOT. ATTIVITA' 1,40 0,047 0,044 0,098
X2= 0,065 0,062 0,137
UTILE OPERATIVO / TOT. ATTIVO 3,30 0,110 0,130 0,123
X3= 0,362 0,429 0,404
VAL. MERCATO CAP. PROPRIO / VAL. CONTABILE DEB TOTALI 0,60 1,3306 2,1806 2,5068
X4= 0,798 1,308 1,504
FATT / TOT ATTIVO 0,99 0,792 0,860 0,845
X5= 0,784 0,851 0,837

Z-SCORE 2,461 3,111 3,364

Z score
4
3,5 3,364
3 3,111
2,5 2,461
2
1,5
1
0,5
0
15
2002 2003 2004
BETA SPA
MODELLO Z-SCORE P M I Coeff. 2002 2003 2004

CAP CIRC / DEBITI A BREVE 1,5 1,373 1,455 1,768


DEBITI A BREVE / CAP. INV. 1 0,273 0,264 0,227
Y1= 0,563 0,576 0,601

UTILE NON DISTR. / REDD. OPERATIVO 1,2 0,305 0,258 0,558


REDD. OPERATIVO/ CAP. INVESTITO 1,2 0,153 0,172 0,175
Y2= 0,067 0,064 0,141

REDD. OPERATIVO / FATTURATO 1,4 0,193 0,200 0,207


FATT. / CAP. INVESTITO 2,6 0,792 0,860 0,845
Y3= 0,557 0,626 0,638

CAP. PROPRIO / CAP. INVESTITO 0,7 0,601 0,648 0,667


CAP. INVESTITO / DEBITI TOTALI 1 2,505 2,838 3,003
Y4= 1,053 1,286 1,402

REDD. OPERATIVO / CAP. INV. 0,8 0,153 0,172 0,175


VENDITE / CAP. INV 0,8 0,792 0,860 0,845
Y5= 0,078 0,095 0,095

Z-SCORE P M I 2,319 2,647 2,878

Z- score PMI
4
3,5
3 2,878
2,5 2,647
2,319
2
1,5
1
0,5
0
16
2002 2003 2004
BETA SPA – Confronto tra gli z-scores

Z score Z score PMI

4 4
3,5 3,364 3,5
3 3,111 3 2,878
2,5 2,461 2,5 2,647
2,319
2 2
1,5 1,5
1 1
0,5 0,5
0 0
2002 2003 2004 2002 2003 2004

Area solidità
Area rischio insolvenza
17
L’approccio secondo Basilea 2
Valutazione della banca sul prenditore
Capacità storica e futura di generare liquidità
Struttura patrimoniale / flessibilità finanziaria
Qualità ricavi
Qualità e tempestività delle informazioni
Management
Posizione nel settore e prospettive
Rischio paese
Valutazione dell’esposizione
Caratteristiche dell’operazione
Presenza di garanzie
Grado di liquidità delle garanzie
Tipo di procedura per la gestione del contenzioso (localizzazione geografica)
Costi del recupero (interni ed esterni)
Sistema giudiziario nella tutela del credito 18
L’approccio secondo Basilea 2

Definizione di default
Classi di esposizione

Componenti di rischio:
probabilità di insolvenza
tasso di perdita in caso di insolvenza
esposizione al rischio
scadenza (relazione positiva tra durata dei crediti e rischiosità)

Ponderazioni

19
Conclusioni

• Gli indicatori di rischio elaborati secondo la funzione di


Altman e secondo il modello delle PMI forniscono
indicazioni sullo stato di crisi basato sulla rappresentatività
e fedeltà dei dati contabili.
• Qualsiasi giudizio va integrato con l’osservazione delle
caratteristiche specifiche dell’impresa.
• Il rating (interno e/o esterno) è un utile strumento per le
imprese
• E’opportuno attivare un circuito del rating esterno
complementare a quello delle banche
• La Finanziaria 2006 promuove la creazione di ECAI
(External credit assessment institution) esterne per la
valutazione del merito creditizio 20