Sei sulla pagina 1di 11

La guerra dei 6 giorni

5-10 giugno 1967


La crisi pre-guerra:

Aprile 1967: attacchi aerei israeliani intorno a


Damasco (ritorsione sostegno siriano ad
attacchi fedayin palestinesi contro Israele); la
Siria chiede aiuto allEgitto.
Maggio 1967: Nasser mobilita le truppe nel
Sinai, chiede il ritiro dei caschi blu Onu dalle
frontiere con Israele, impone il blocco egiziano
dello stretto di Tiran per le navi israeliane;
Egitto e Giordania firmano un trattato di mutua
difesa.
I territori occupati da Israele
Con la guerra del 1967,
Israele controlla un territorio
3 volte maggiore di quello
ante-guerra:
Tutti i territori palestinesi
assegnati dallONU allo stato
arabo-palestinese nel 1947 e
non ancora sotto il suo
controllo: Gerusalemme Est,
Cisgiordania e Striscia di
Gaza.
Il Sinai egiziano e le alture del
Golan siriane
Il rifiuto arabo:

Al vertice della Lega Araba di Khartum


(settembre 67) i paesi arabi decidono la
strategia politica del post-guerra:
Fronte unito contro Israele (senza
riconoscimento, negoziati o paci separate
con Israele)
Assistenza economica ai paesi della linea
del fronte
Fine della guerra in Yemen
La Risoluzione ONU 242
del 22 novembre 1967
Afferma che il compimento dei principi della Carta dellONU richiede
l'instaurarsi di una pace giusta e duratura in Medio Oriente che
dovrebbe comprendere l'applicazione dei due seguenti principi:
Ritiro delle forze israeliane da(i) territori occupati nel corso del recente
conflitto;
Cessazione di ogni dichiarazione di belligeranza, e rispetto e
riconoscimento della sovranit, dell'integrit territoriale e
dell'indipendenza politica di ogni Stato della regione e del loro diritto a
vivere in pace all'interno di frontiere sicure e riconosciute, al riparo da
minacce o atti di forza.
Afferma inoltre la necessit:
Di garantire la libert di navigazione sulle vie d'acqua internazionali della
regione;
Di arrivare a una equa regolamentazione del problema dei profughi;
Di garantire l'inviolabilit territoriale e l'indipendenza politica di ogni Stato
della regione, attraverso misure comprendenti la formazione di zone
smilitarizzate.
Le conseguenze della guerra dei 6
giorni sui palestinesi:
I profughi: Nella guerra del 1948-49 pi di 700.000
palestinesi si sono rifugiati in Cisgiordania, Gaza e nei
paesi arabi confinanti; La guerra del 1967 ha creato una
seconda ondata di profughi (15.000 dalla Cisgiordania,
38.000 da Gaza, 16.000 dal Golan).
Dal 1967 i palestinesi vivono tutti nella diaspora o
sotto occupazione militare israeliana. Il diritto al
ritorno dei profughi (ris Onu 194/1948), il ritiro israeliano
dai territori occupati nella guerra del 67 (ris Onu
242/1967) e lautodeterminazione sono per i palestinesi
le condizioni irrinunciabili per una soluzione del conflitto
giusta e duratura (ris Onu 338/1973).
Rifugiati palestinesi oggi
Fonte: UNRWA
Field of Official Registered Registered
Operations camps refugees refugees
in camps
Jordan 10 350,899 1,999,466
Lebanon 12 227,718 455,373
Syria 9 149,822 495,970
West Bank 19 206,123 848,494
Gaza Strip 8 518,147 1,167,361
Agency
58 1,452,709 4,966,664
total
Figures as of 1 January 2011
Le conseguenze per
il mondo arabo
La schiacciante sconfitta militare subita dai
paesi arabi provoca una profonda crisi
politica in tutto il mondo arabo
I paesi pi colpiti sono le repubbliche
progressiste e l'ideologia del nazionalismo
panarabo: sia in Egitto che in Siria dal 1970 si
avranno cambiamenti di regime.
Egitto: il 9 giugno 1967 Nasser da le dimissioni
dalla carica di presidente: le manifestazioni
popolari lo richiamano alla guida del paese a
furor di popolo, ma il nasserismo non
sopravviver alla sconfitta.
Guerra di attrito (69-70), settembre nero e
morte di Nasser

nel periodo marzo-aprile 69 - agosto 70 si assiste ad una


recrudescenza di scontri israelo-egiziani sul confine sul Canale di
Suez, questa nuova "guerra d'attrito" tra Egitto e Israele termina
con una tregua negoziata dagli Usa, che nel dic. '69 presentano il
loro primo piano di pace (il Piano Rogers che prevedeva un
negoziato basato sulla risol. 242 e veniva rifiutato prima da Israele e
poi dagli Arabi);
nello stesso periodo i guerriglieri palestinesi compiono attacchi
contro Israele partendo dal territorio siriano e giordano;
questo porta in Giordania, dove sono basate tutte le principali
organizzazioni della guerriglia palestinese "confederate"
nell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (Olp, fondata
nel 1964 e dal 1969 guidata da Arafat) ad uno scontro armato
monarchia-Olp, perso con molte vittime dai Palestinesi (settembre
nero);
il giorno dopo aver mediato un accordo di cessate il fuoco tra re
Hussein-Arafat, Nasser muore dinfarto (28 sett. 1970).