Sei sulla pagina 1di 21

Il testo narrativo

Il testo narrativo
Il piacere di raccontare
Che cos un testo narrativo
Il testo narrativo un testo che racconta una storia
La voce che racconta quella del narratore

Il testo NARRATIVO LETTERARIO


mira soprattutto a intrattenere
persegue prevalentemente uno
o a trasmettere emozioni
scopo espressivo

Sono testi narrativi la fiaba


letterari: il poema il racconto

il romanzo la favola
Il testo narrativo
letterario pu essere
la novella in prosa o in versi
Gli elementi del testo narrativo
Lanalisi di un testo narrativo letterario riguarda due aspetti:

STORIA DISCORSO

Ci che viene raccontato Modo in cui si racconta

una sequenza di eventi legati da


rapporti logici e temporali che
avvengono in un determinato luogo
e coinvolgono dei personaggi Intreccio
Tempo del racconto
Fabula Tipologia di narratore
Tempo della storia Punto di vista
Sistema dei personaggi Stile
Le sequenze
Tutti i testi narrativi possono essere suddivisi in porzioni pi brevi che sviluppano
uno stesso argomento e sono autonome sintatticamente: le sequenze

In base alla modalit testuale prevalente, le sequenze possono essere di vari tipi:

NARRATIVE DINAMICHE: fanno


procedere lazione Nei testi pi lunghi
DESCRITTIVE si possono
individuare delle
INFORMATIVE STATICHE: non fanno MACROSEQUENZE
procedere lazione
RIFLESSIVE formate da sequenze minori di
vario tipo che sviluppano uno
STATICHE O stesso tema
DIALOGICHE
DINAMICHE
Fabula e intreccio
FABULA INTRECCIO
Successione degli avvenimenti Successione degli avvenimenti
secondo lordine logico e nellordine in cui vengono
cronologico presentati nel testo

la sequenza di eventi che la sequenza di eventi che


ricostruiamo in maniera astratta leggiamo
Riguarda il livello Riguarda il livello
della storia del discorso

Lintreccio spesso non


lineare: ci rende pi
interessante la narrazione
(creando suspense, ambiguit
ecc.)
La successione degli eventi
LORDINE degli avvenimenti della storia viene spesso alterato nella
costruzione dellintreccio

1 ANALESSI O FLASHBACK O
RETROSPEZIONE
Nella narrazione viene inserito
il racconto di un fatto passato 3
INIZIO IN MEDIAS RES
La storia non viene raccontata dallinizio, ma
2 da un punto avanzato del suo svolgimento
PROLESSI O FLASH FORWARD O
ANTICIPAZIONE
Nella narrazione viene anticipato il
4 MONTAGGIO INCROCIATO
racconto di un fatto che accadr
dopo Chi racconta passa da una scena allaltra,
facendo capire che le due o pi scene si
svolgono contemporaneamente
Il ritmo narrativo
TEMPO DELLA STORIA TS TEMPO DEL RACCONTO TR
Tempo e ordine reali degli eventi Spazio che il narratore dedica agli eventi

Anche la DURATA degli avvenimenti viene alterata nellintreccio, attraverso:

SOMMARI Il narratore sintetizza periodi di Effetto di


TR < TS
tempo anche molto lunghi accelerazione
rispetto al
ELLISSI Il narratore omette di raccontare TR < TS tempo della
un evento storia

SCENE Il narratore fa dialogare i Effetto di


personaggi TR = TS
rallentamento
rispetto al
PAUSE Il narratore riflette, descrive,
commenta
TR > TS tempo della
storia
Lo schema narrativo
La struttura della fabula presenta alcuni elementi ricorrenti
La storia segue in genere uno schema narrativo articolato in fasi riconoscibili:

0
PROLOGO O ANTEFATTO
1
SITUAZIONE INIZIALE
2
ROTTURA DELLEQUILIBRIO O CRISI
3
PERIPEZIE
Le fasi possono
4 CLIMAX O SPANNUNG O MOMENTO CULMINANTE essere organizzate
5 e sviluppate in vari
SCIOGLIMENTO modi, in base al
6 genere e al tipo di
CONCLUSIONE storia
I personaggi
PERSONAGGIO tutto ci che contribuisce con le sue azioni, le sue parole, i
suoi pensieri allo sviluppo della vicenda
un animale
spesso una persona, ma a rigore pu essere anche: una cosa

un concetto

Un personaggio pu essere presentato al lettore:

1. tramite un ritratto, del narratore o del personaggio stesso


2. in modo indiretto da un altro personaggio
3. nel corso della narrazione, tramite le sue azioni e le sue parole
Tipi e individui
I personaggi possono essere delineati secondo diversi gradi di
complessit:
tipo
Sancho Panza
3. A tutto tondo
complessi e non prevedibili

1. Piatti
pochi tratti, comportamento
prevedibile

2. A bassorilievo individuo
ben delineati, ma dal comportamento prevedibile

Statici, non cambiano nel corso della storia

Dinamici, si evolvono nel corso della storia


Gerarchia e ruoli dei personaggi
A seconda del loro RILIEVO allinterno della vicenda, i personaggi sono:

Protagonista Personaggi di secondo


Principali Secondari
Comprimari piano
Comparse

A seconda del RUOLO, si distinguono:

SISTEMA DEI
Mandante / Oggetto del PERSONAGGI
Destinatore desiderio insieme dei rapporti di
forza, di contrasto e di
solidariet tra i personaggi
Protagonista o eroe Antagonista

Aiutanti Avversari / Oppositori


Le parole dei personaggi
Per dar voce ai personaggi gli scrittori utilizzano diverse tecniche:

Discorso diretto (legato) Discorso indiretto (legato)

Discorso diretto libero Discorso indiretto libero


Soliloquio Discorso raccontato
Monologo interiore
Le parole e i pensieri
Flusso di coscienza
dei personaggi sono
Le parole e i pensieri rielaborati dal
dei personaggi sono narratore
riportati direttamente
Roy Liechtenstein,
M-Maybe (1965)
Autore, narratore, lettore

LETTORE Autore e lettore stringono un


patto narrativo: il lettore
accetta di credere a quanto
Fuori del testo AUTORE viene raccontato

! Attenzione
NARRATORE Autore e
Dentro il testo narratore non
vanno confusi
NARRATARIO
Colui al quale il narratore si rivolge
Il narratore
ESTERNO /
Non fa parte della storia
ETERODIEGETICO

Narratore Palese / Personale Interviene

Nascosto / Impersonale Non interviene

INTERNO /
OMODIEGETICO Fa parte della storia

Io narrante Il protagonista racconta la propria storia


Alessandro Milesi, Il racconto della nonna
(1879) Narratore testimone La storia del protagonista
raccontata da un altro personaggio
Il punto di vista
PUNTO DI VISTA O FOCALIZZAZIONE
il grado di conoscenza che il narratore
possiede e langolo visivo da cui racconta la
storia

Fissa: punto di vista FOCALIZZAZIONE ZERO


di un solo personaggio Il narratore onnisciente: sa e vede della storia pi dei personaggi

Variabile: punto di FOCALIZZAZIONE INTERNA


vista di diversi Il narratore vede i fatti con gli occhi del personaggio
personaggi
FOCALIZZAZIONE ESTERNA
Multipla: uno stesso Il narratore sa meno dei personaggi: si limita a registrare i fatti
evento narrato dal dallesterno
punto di vista di pi
personaggi
Lo spazio
La rappresentazione dello spazio riveste unimportanza notevole nei testi
narrativi

Spazio : Le tecniche descrittive


un luogo geografico
sono molteplici:
un ambiente socio-economico
Descrizioni basate sui sensi
un luogo simbolico
Descrizioni statiche o dinamiche

Descrizioni classiche o
impressionistiche

Descrizioni oggettive o
soggettive
Il tempo
Come quelle spaziali, anche le coordinate temporali non sempre sono
indicate esplicitamente: talvolta il lettore deve desumerle indirettamente

Lanalisi del tempo


riguarda 3 aspetti:

lepoca in cui ambientata la vicenda

la distanza temporale che separa lepoca in cui si svolgono i fatti


dallepoca in cui essi vengono narrati

la durata, il tempo che intercorre tra linizio e la fine della vicenda


Lo stile
Ogni scrittore ha un suo personale modo di raccontare

le soluzioni che egli adotta in fatto di lessico, sintassi e


figure retoriche definiscono il suo STILE

Lessico Quotidiano e colloquiale Specialistico Dialettale


Aulico e raffinato Ricercato Comune Gergale

Sintassi Paratassi
Punteggiatura Definisce il ritmo
Ipotassi

Figure retoriche Conferiscono al testo


Talvolta le scelte
espressivit
stilistiche riflettono una
visione del mondo
I registri linguistici
Il REGISTRO LINGUISTICO adottato da uno scrittore linsieme delle sue scelte
espressive, in merito a lessico e sintassi

Parole colte, ricercate o specialistiche; sintassi


REGISTRO ALTO
elegante, complessa, precisa
Parole precise, ma non particolarmente ricercate;
REGISTRO MEDIO sintassi corretta e scorrevole

REGISTRO COLLOQUIALE Parole comuni, tipiche della comunicazione orale;


sintassi disinvolta, non sempre corretta

REGISTRO BASSO-GERGALE Parole popolari o gergali; sintassi scorretta o


influenzata dalle regole del dialetto
Analizzare un testo narrativo
Lanalisi di un testo narrativo passa attraverso 3 momenti:

1. Comprensione 2. Analisi 3. Interpretazione


A quale genere appartiene Si analizzano: Qual il messaggio del
il testo? Chi lo ha scritto? 1. i personaggi testo?
Quando? 2. lambientazione Come si spiega il
3. il narratore e il punto di comportamento dei
Di che cosa parla il testo? vista personaggi?
Riassunto della trama 4. il rapporto tra fabula e Qual il mio giudizio sul
intreccio (sfasature testo?
temporali)
5. le tecniche narrative
(dialoghi) e lo stile
Riassunto
Leggere con attenzione; Abbreviare senza
selezionare e rielaborare le stravolgere il senso
informazioni pi importanti