Sei sulla pagina 1di 7

Impero Austro-Ungarico

LAustria e lUngheria sono due stati sovrani governati da


un solo sovrano che era Francesco Giuseppe. Limpero
Asburgico era uno stato multinazionale , indebolito da
divisioni etniche e sociali. Limpero era costituito dalla
monarchia austriaca di cui facevano parte Boemia, la
Galizia, la Slovenia, il Trentino e la Venezia Giulia; e dalla
monarchia ungherese di cui facevano parte Slovacchia,
Croazia e Transilvania.
Motivi di debolezza
Tra Austria e Ungheria vi erano forti tensioni, specialmente a causa della grande
aggressivit del partito che lottava per lindipendenza nazionale ungherese.
In Austria prevaleva letnia tedesca ma gli altri Stati appartenenti allimpero
austriaco avevano diritto al bilinguismo e varie altre forme di autonomia. In
Ungheria invece i diritti delle minoranze erano ignorate dalla maggioranza
magiara.
Anche la societ mostrava grandi disuguaglianze: lindustria ebbe un notevole
sviluppo in Austria e in Boemia mentre leconomia dellUngheria e della
Transilvania continu a basarsi su un agricoltura arretrata e povera.
Punti di forza
Un punto di forza restava la sua antica tradizione imperiale. La figura
dellimperatore costituiva nellimpero un simbolo unificatore molto potente,
che si collocava al di sopra delle nazionalit e delle loro diversit.
Un altro elemento di forza era un esercito ben fedele e addestrato , poi una
burocrazia onesta e efficiente inoltre la dinastia regnante, gli Asburgo, rimasta
fedele al cattolicesimo poteva fare affidamento sullappoggio della chiesa
cattolica.
BUON FUNZIONAMENTO
DISUGUAGLIANZE DELLAMMINISTRAZIONE
SOCIALI PUBBLICA

TENSIONI FRA AUSTRIA E


BUROCRAZIA EFFICIENTE
UNGHERIA
MOTIVI DI LIMPERO DI
DEBOLEZZA FRANCESCO GIUSEPPE PUNTI DI FORZA

IMPERATORE
SQUILIBRI ECONOMICI SIMBOLO DI UNITA

ESERCITO FEDELE E BEN


ADDESTRATO
Impero Ottomano
Cause della debolezza dellimpero ottomano

Lautorit religiosa del sultano era messa in discussione da cospicue minoranze


religiose e da movimenti cosiddetti di rinascita islamica, che predicavano il ritorno
dellislam delle origini che consisteva nel purificare la religione dalle
contaminazioni che essa aveva subito a causa dei contatti con i pagani politeisti e
soprattutto con gli stranieri occidentali. Questa purificazione comport lostilit
verso qualsiasi innovazione moderna, sia tecnologica che politica. La colpa pi
grave era il contatto con gli infedeli. Da questi bisognava fuggire, come un tempo
aveva fatto Maometto dalla Mecca, e dichiarare contro di loro la guerra santa.
Dalle difficolt del sultano di Costantinopoli cercavano di trarre vantaggio
le potenze europee: la Russia, occup alcune regioni caucasiche; la
Francia, lInghilterra e lItalia , conquistarono numerose regioni in Africa.

Accanto alloccupazione politica e militare proseguiva anche la penetrazione


economica dellEuropa. Nei paesi arabi soggetti allimpero e nella Turchia le
industrie europee trovavano sia vasti mercati dove vendere i loro prodotti, sia
molte delle materie prime di cui le loro fabbriche avevano bisogno.

MALCONTEBNTO DELLE
MINORANZE RELIGIOSE APPOGGIO EUROPEO ALLE
OCCUPAZIONE STRANIERA DI
POPOLAZIONI BALCANICHE IN
TERRITORI STRANIERI
RIVOLTA

CAUSA DELLA DEBOLEZZA


DELLIMPERO OTTOMANO
ASPIRAZIONE
INVADENZA ECONOMICA
ALLINDIPENDENZA DI POPOLI
DELLA GERMANIA
SOGGETTI
Riformatori e nazionalisti turchi
Gli europei insieme alle armi e al denaro portarono nel mondo islamico anche i
loro modelli di vita politica e sociale. Rispetto al dispotismo dei sultani, la
democrazia e le riforme permettevano alle societ occidentali di progredire su una
via di libert e benessere sempre maggiori per questo dovevano essere imitati. Cos
nel corso dellottocento fu fatta qualche tentativo di riforma. Venne proclamata
luguaglianza di tutti i sudditi ottomani, senza distinzione di fede e di razza; furono
stabiliti tribunali statali laici, fu promulgata una legge che introduceva la propriet
privata della terra, ma queste leggi contrastavano con la tradizione islamica e gli
stessi sultani che le proclamavano spesso non avevano la volont di farle applicare.
La repressione sfoci in un colpo si stato.
I Giovani Turchi

Nel 1908 un gruppo di ufficiali detti Giovani Turchi si impadron del potere. Si
differenziavano dagli altri gruppi di riformatori perch anche se ritenevano urgente
modernizzare lo stato ottomano allo stesso tempo erano nemici del domino
straniero. Il primo passo da fare per diventare uno stato nazionale sarebbe stato
concedere alle molte nazionalit che coesistevano al suo interno un ampia
autonomia. Questo passo i Giovani Turchi non vollero farlo anzi , il regime da loro
instaurato fu oppressivo altrettanto come quello dei sultani. Inoltre i Giovani Turchi
volevano affermare la supremazia turca sugli altri popoli ma trovarono
lopposizione degli arabi , in quanto larabo era la lingua del corano e il passato degli
arabi non era di certo meno glorioso di quello dei turchi.