Sei sulla pagina 1di 40

STORIA DELLA

MUSICA II
Introduzione: musica per muovere
gli affetti
Nel passaggio da Rinascimento a Unaltra esigenza quella di
Barocco lideale dell armonia soppiantare il precedente stile
e della perfezione viene polifonico con la MONODIA CON
progressivamente meno. Dal BASSO CONTINUO: pi adatta
punto di vista musicale si va a ad esprimere il contenuto
frantumare lideale sonoro di emozionale del testo poetico a
unitariet e compattezza cui si asserviva
timbrica in favore di una nuova Gli accordi del basso continuo
estetica che ricerca contrasti pi
venivano realizzati da strumenti
accesi e vari. Nasce lo STILE a suono fisso come il cembalo,
CONCERTANTE: si uniscono violoncello, viola da gamba e
elementi eterogenei come voci- organo
strumenti, gruppi di voci, gruppi
di strumenti.
Unaltra tendenza quella della rappresentativit in musica: tendenza ad
essere spettatori di vicende teatrali rappresentate in musica sotto i propri
occhi. Questo fatto va correlato alla nascita della categoria di pubblico
Alla interscambiabilit di ruoli tra spettatore ed esecutore, caratteristica del
500, si sostituisce una netta separazione e una dimensione decisamente
professionale dellesecutore

Il fine della nuova musica seicentesca, MONODICA, CONCERTANTE E


RAPPRESENTATIVA, quello di MUOVERE GLI AFFETTI degli
ascoltatori
Teoria degli AFFETTI Teoria del
SENTIMENTO
Deriva dalla dottrina dellethos,
Nasce con Mozart che introduce

secondo la quale con la musica il concetto di sentimento come lo
gli dei si facevano presenti, intendiamo noi. E costituito da
entravano nelle cose pi affetti, eterogeneo, ha
diverse sfumature psicologiche
Concetto di passivit. Laffetto
non dipende da noi. E qualcosa Il sentimento sfumatura e
di statico, che il soggetto patisce contraddizione
La teoria degli affetti consiste nel Non ci sono schemi fissi ma
far corrispondere un modello ambiguit, chiaroscuro
poetico al tessuto musicale Non c passivit

-1600-
-fine 1700-
La seconda prattica di
Monteverdi
Mentre la prima prattica
considerava larmonia signora
delloratione con la seconda
invece la situazione si
completamente rovesciata:
larmonia diventa signora al
oratione, e loratione
padrona dellarmonia
Nuovo bisogno di assoggettarsi
al testo per renderne pi
compiutamente il senso e con
esso poter MUOVERE GLI AFFETTI
DEGLI ASCOLTATORI
Emblema della teoria degli affetti In che modo?
lOttavo libro di Madrigali,
Madrigali guerrieri et amorosi.
Il pi celebre sicuramente il
Stesse note
Combattimento di Tancredi e Clorinda,
ribattute per
il cui testo tratto dalla
Gerusalemme liberata di Torquato molte battute
Parole
Tasso. La novit sconvolgente consiste
nellespediente tecnico escogitato da esprimenti
Monteverdi: se fino a quel momento gli sdegno e ira
unici affetti rappresentati erano quelli Monodia con
della temperanza e dellumilt, con il basso
Combattimento di Tancredi e Clorinda continuo, stile
si introduce lo stile concitato. concertante
Questo riesce a rendere in modo
appropriato la passione bellica dellIRA.

Claudio Monteverdi-Il Combattimento di


Tancredi e Clorinda
Girolamo Frescobaldi
1 FASE
Libro di Madrigali polifonici a stampa
Perizia contrappuntistica
Primo libro di madrigali nel 1608, Fiandre
Es. 12 Fantasie a 4 soggetti, 1608, genere razionale e
intellettuale diverso dalla fantasia romantica
2 FASE
Toccate e partite di intavolatura di cimbalo
Progetto: ricrea con uno strumento a tastiera i
molteplici AFFETTI; introduce la rivoluzione
monterverdiana della seconda prattica nella musica
strumentale
Toccate e partite permettono di realizzare uno stile
parlante libero. Vengono definiti generi idiomatici e
discendono dalla prassi della musica improvvisata su
un canovaccio armonico tradizionale
Es. Fiori musicali, 1635, raccolta di toccate e partite
TOCCATA
Nasce come forma preludiante al
canto dei salmi nella Scuola PARTITA
Veneziana Dalle variazioni su basso ostinato in
Il termine toccata allude al gesto di cui si utilizzavano moduli
toccare la tastiera e rinvia alle tradizionali o popolari destinati ad
pratiche improvvisative essere utilizzate per le danze di
societ, nascono le PARTITE
Le PARTITE sono musiche
strumentali destinate al semplice
ascolto. Ciascuna variazione prende
il nome di parte, lintera
composizione, partita.
Oratorio
Genere che nasce con Filippo Filippo Neri ricorre alla Lauda
Neri, grazie al quale si verifica un polifonica in volgare, semplice e a tre
ravvicinamento alla pratica voci
religiosa Alcune di queste laudi sono
Istituisce un ritrovo di laici per dialogiche, drammatiche e strofiche.
discutere in modo informale di Aumentano di numero col crescere
problemi spirituali e pregare dellesigenza di rappresentativit.
insieme. Queste adunanze Opere principali sono:
trovano coinvolto un numero Nove libri di laudi in volgare di Filippo
sempre maggiore di fedeli presso neri
le sedi Teatro armonico spirituale , 1619 di
Filippo Neri ORATORIO DELLA PIETA Giovanni Francesco Anerio. Raccolta
di 100 bassi spirituali con basso
SANTA MARIA IN VALLICELLA continuo su organo, grande presenza
di laudi dialogiche
Una volta che il genere delloratorio diventa sempre pi
formale, influenzato dalla ingerenze delle cariche
ecclesiastiche, assume caratteristiche pi rigorose:
diventano opere in miniatura di argomento sacro senza
scenografie costumi o movimento scenico.
Cantanti solisti
Piccolo coro
Due violini e basso continuo o solo basso continuo
Historicus, narratore
Altri cantanti, personaggi della vicenda
Coro, collettivit/folla
Principali autori delloratorio seicentesco sono Mazzocchi, Virgilio Mazzocchi
Rossi e GIACOMO CARISSIMI
GIACOMO CARISSIMI
Il merito di questo autore quello di
aver prodotto numerosi oratori in
latino, tra cui Jephte e Judicium
Salomonis
Lavora presso lOratorio del SS
Crocifisso dove si svolgono riunioni
della aristocrazia laica ed ecclesiastica
per la quale pi adatta una lingua
aulica come il latino e una forma
musica alta come il mottetto
Altri compositori che si cimentano
nelloratorio sono: Stradella,Scarlatti
Sedecia, Handel, Bach Passioni di
Matteo, Berlioz Enfance du
Christe, Mendelssohn, Vivaldi La
Giuditta Triumphans, Stravinskij
Oedipus Rex
JEPHTE
Soggetto: sacrificio della figlia di
Jephte
Sezioni in modo minore. Opera
che pu essere considerata
punto di partenza per
laffermarsi dei due modi
maggiore e minore
Opera in cui Carissimi da prova
di essere un vero RETORE
MUSICALE: esempio tra i pi
intensi e drammatici della storia
della musica

Pagina originale dello


Jephte di Carissimi
Generi della musica barocca
Introduzione : Con il Seicento si
impone una pluralit di generi
diversi. Il compositore deve
tenere conto delle esigenze della
committenza
Nascono i generi musicali
determinati dalla specifica
funzione sociali che sono
chiamati a svolgere, funzione che
detta le caratteristiche stilistiche
a cui essi devono sottostare

Rubens, Le conseguenze della guerra


La Cantata da camera
Nel Seicento assistiamo al passaggio dal genere del madrigale polifonico a
quello della cantata
Cause:
1. Imporsi della seconda prattica
2. Divisione netta tra esecutori ed aristocratici fruitori
3. Non viene pi considerata adeguata una esecuzione musicale ricca di parti
dialoganti e paritarie
Alessandro Grandi
La Sonata barocca
Caratteri generali: SONATA A TRE
Deriva dalla canzone da sonar Due strumenti monodici +
cinquecentesca basso continuo (numero di
esecutori variabile)
Allinizio del Seicento un fattore di
ordine sociologico inizia a dividere Genere che prevale nella
questi due generi , canzoni seconda met del Seicento
strumentali eseguite da organisti,
sonate eseguite da violinisti. SONATA A DUE /SONATA SOLISTICA
Questa differenza ha fatto si che
la sonate esaltassero sempre di Strumento monodico + basso
pi il virtuosismo e le capacit continuo
individuali dellesecutore Diffuso nel Settecento
Scrittura pi virtuosistica, diventa uno
dei trampolini di lancio per
compositori-violinisti del secolo
(Vivaldi)
Genere che conduce il violino ad un
ruolo egemone
Distinzione tra sonata da chiesa
(quattro movimenti nella stessa
tonalit, stile contrappuntistico)
e sonata da camera
(indipendente dallo stile
contrappuntistico), determinata
dal luogo di esecuzione e dalla
committenza
La sonata da camera trae origine
dalla musica per danza. Influenza Johann Jakob Froberger
anche il genere della SUITE:
successione di danze lente e
veloci nella medesima tonalit FONDATORE DELLA SUITE NELLA SUA FORMA PIU
CLASSICA: successione delle quattro principali danze del
Seicento
Allemanda
Corrente
Sarabanda
Giga
Alessandro Stradella
CONCERTO GROSSO-RIPIENO :
1. Quattro parti eseguite da violino, viola contralto ,
viola tenore, basso continuo
2. Tradizionale struttura soprano, contralto, tenore e
basso , di ascendenza rinascimentale
3. Le singole parti potevano essere eseguite da pi
esecutori
4. Ambito fastoso, adatto alle esigenze di un ceto
sociale pi alto
Scrive sei oratori tra cui il
CONCERTINO- SOLI O TUTTI :
San Giovanni Battista, in
cui lorchestra divisa in due 5. Medesimi strumenti della sonata a tre
parti, concertino e ripieno, che
6. Ambito pi modesto
sar modello di Corelli.
Questultimo muta lorganico
del ripieno, sostituendo una
viola con un violino
Elemento di novit introdotto da Vivaldi
Movimenti si riducono a 3 (Allegro, Adagio, Allegro)
Accentuazione della dimensione solistica
Fonda lo schema che sta alla base del CONCERTO
CLASSICO:
1.Tutti- tonica
2. Solista- dominante
3.Tutti- sviluppo della dominante
4.Solista- relativa minore
5.Tutti- relativa minore
6.Solista-tonica OPERE:
7.Tutti- tonica Estro armonico
Cimento dellArmonia e dellInventione
DAL PUNTO DI VISTA ARMONICO LORCHESTRA SEGUE
SEMPRE IL SOLISTA allinterno del quale vi sono Le quattro
stagioni
Concezione della musica per elementi, non esiste ancora
il concetto di TEMA
Vivaldi crea degli allontanamenti dalla
tonica che definisce estro o cimento.
Scrittura omofonica, naturale e libera
Le sue opere sono sperimentazioni e
DINAMICA, GOGICA, RITMO . Disinteresse per impegno (cimento) nellarmonia.
contrappunto, scolastica e canoni Con Vivaldi nasce il VIRTUOSISMO PER
VIOLINO
Il melodramma
Melodramma (dal greco = canto o
musica + = azione scenica o
recitazione) il termine usato per indicare
l'opera messa in musica. Si tratta di uno
spettacolo teatrale in cui l'azione espressa
attraverso la musica e il canto. Naturalmente
esistevano anche prima diversi spettacoli in
cui alcune parti erano accompagnate dalla
musica: dalla tragedia, che negli intervalli
inseriva intermedi (intermezzi) musicali, fino
alla favole pastorale e alla divertentissima
commedia dell'arte (dove a cantare erano gli
attori). Ma un intero spettacolo tutto musicato
era una
Una novit
delle assoluta. del melodramma la monodia: il cantante ha la parte pi
caratteristiche
importante, e gli strumenti hanno una funzione di semplice accompagnamento. Il
melodramma costituito dal susseguirsi di arie e recitativi
OPERA DEL 600
FIRENZE ROMA

SantAlessio di Stefano
Euridice 1600 di Peri e
Landi
Caccini
- Palazzo Barberini
-Palazzo Bardi
- Pubblico ad invito di
-Pubblico ristretto e
nobili ed ecclesiastici
limitato di intellettuali
- Scenografo: Bernini
-Centro neoplatonico
- Centro neoplatonico

ELEMENTO COMICO
-Rappresentato dai soldati
Curzio e Marzio, umili,
infantili, inferiori allo
spettatore
-meccanismo cinico,
basato sullimprevisto.
ALTRI ESEMPI
ELEMENTO COMICO

Rospigliosi scrive dei libretti sui santi ed


introduce lelemento comico nella
mitologia. MITOLOGIA E AGIOGRAFIA.
Perch viene introdotto lelemento comico?
In questi anni nasce il catechismo, il culto
dei santi e lopera metodo di trasmissione
di valori edificanti. La comicit serve per
andare contro tutto quello che mitologia e
paganesimo.
Serve per neutralizzare e decostruire il
senso religioso della mitologia pagana
Nellinvenzione dellelemento comico
bisogna ricordare lOrfeo di Luigi Rossi
del 1654 (Parigi).

Giulio Rospigliosi- Clemente


IX
Venezia
Repubblica autonoma, oligarchica,
grande potenza
Fine 500 -> scuola veneziana,
musica strumentale, ambiente laico
grazie al quale si sviluppa il
melodramma
Momento di svolta nel 1637 con il
Teatro di San Cassiano
Le opere rappresentate mirano ad
esaltare la Repubblica di Venezia , la
musica ha funzione politica

Dipinto Venezia fine 1600- di Francesco


Guardi
Teatro San
Cassiano
Questo era un Teatro pubblico, non
ad invito. Il teatro era un fenomeno
di massa, di notevole accessibilit
Grande apertura sociologica
Nasce lopera impresariale: un
impresario affitta un palazzo
pagando una somma di denaro
al proprietario e diventa
direttore artistico allestendo le
varie stagioni
Non cerano inviti ma si
distribuivano biglietti di diversa
accessibilit. Nasce il cartellone
che illustrava la programmazione
precisa degli spettacoli della Calle del Teatro Vechio- Qui sorgeva il Teatro di
stagione. In questo modo si San Cassiano
regolarizzava la produzione
artistica
Come veniva attirato lo
spettatore?
SCENOGRAFIA e SCENOTECNICA
Burnacini -Torelli -FIRENZE sfondamento del fondale,
prospettiva illusoria, quinte scorrevoli
Andrea del Pozzo-ROMA prospettiva illusoria
Bibiena-MANTOVA rovescia la prospettiva crea lo spazio
convesso

1 2

Scena per Il Pomo dOro- Burnacini


STRUTTURA DEL MELODRAMMA

ARIA RECITATIVO

Declamato melodicamente e Rapida e semplice recitazione


armonicamente pi complesso e intonata dei versi, meno varia e
interessante del recitativo flessibile dellaria.
Esprime un affetto, molto recitato Descrive una vicenda
Sospende il tempo, un tempo figurato, Parte narrativa accompagnata da
desincronizzazione basso continuo semplice oppure
Struttura flessibile con archi (recitativo
Laria strofica. E in settenari o accompagnato)
endecasillabi e segue uno schema Riporta alla realt, tempo reale
metrico preciso che si adatta a conferire Il recitativo non segue uno
enfasi al discorso schema formale rigido. Versi
sciolti, liberi che conferiscono
maggior realismo
I due pi importanti autori di melodrammi sono Cavalli e Cesti

LOrnindo Struttura pi costruita


Giasone dellaria
Ercole Amante A B A1
Esempio Il pomo doro 1668
Esempio differenza tra recitativo e arioso

Distinzione scenica delle arie


Aria di Sortita: momento
in cui il personaggio si
presenta sul palcoscenico
ed esce dalle quinte

Aria di Entrata: momento


in cui il personaggio rientra
fra le quinte ed esce dalla
scena
TIPOLOGIE DI ARIE DEL 600
ARIA COMICA Elementi caratteristici sono lo staccato, i registri
medio alti, intervalli non estesi, canto sillabico e strofico
DUETTO AMOROSO Conciliazione di amanti, momento di armonia
melodica. Es. Don Giovanni e Zerlina
ARIA DEL LAMENTO Genere pi diffuso fino al 1800 . In queste
rappresentazioni il pubblico si identificava con i personaggi. Catarsi
drammaturgica, sublimazione estetica . In musica abbiamo
catabasi, tetracordi discendenti. Es . Giasone di Cavalli
ARIA DEL SONNO Visio in somnis. Lattore nel sonno racconta al
pubblico ci che vede , sia nel passato che nel futuro. Invita lo
spettatore ad entrare in un mondo parallelo. Si prende coscienza di
una situazione e della sua possibile soluzione. Es. La sonnambula di
Bellini
ARIA DI INCANTAMENTO E DI MAGIA Con lavvento dell Illuminismo questa
tipologia di aria tender a scomparire
ARIA DELLA FOLLIA Elemento irrazionale, il folle dice la verit.

La follia viene spesso associata alla donna perch


storicamente viene considerata pi debole e fragile, quindi
pi vicina allirrazionale. Quando la donna muore entra in
un mondo ultraterreno, di follia, di distacco dal mondo.
Ciascuna aria tramette un determinato affetto grazie allutilizzo di specifici
codici, ossia le FIGURE RETORICHE :
PALILOGIA , ripetizione

La ripetizione serve per


mettere in evidenza e per
sottolineare un aspetto.
In poesia
Il male , il male mi
perseguita
CLIMAX, gradatio. In musica si ripete uno schema a gradi sempre pi alti. Idea di elevazione verso lalto. In
poesia es Dante corpo, cielo, luce , amore, letizia

SUSPIRATIO, apocope. In musica la pausa in catabasi, pause brevi. In poesia linterruzione ellittica della
parola dovuta alla concitazione emotiva, condensazione del sentimento es. Be occhi in Petrarca
ANABASI CATABASI

Andamento verso
Andamento della frase
il basso
musicale verso lalto
In poesia
In poesia elevandosi
arrossisco,
verso Dio
intimidisco

EXCLAMATIO, come un punto esclamativo. In musica si rende con un intervallo


molto ampio, minimo di una 6
OPERA FRANCESE DEL 600
Nellepoca Barocca venne alla luce
lidea secondo cui la musica poteva
esercitare potentissimi effetti sullanimo
umano, tali da renderlo strumento
indispensabile per il mantenimento
dellordine sociale. Questa concezione
travolse i regimi assolutistici che proprio
nel 600 andavano ad affermarsi. La
nazione principale di cui parliamo la
Francia. Qui si afferma il desiderio di
forgiare un tipo di spettacolo che
rispecchiasse i gusti francesi ed
esaltasse la monarchia borbonica, colui
che riusc in questo intento fu Jean
Baptiste Lully
Lully esordisce con composizioni per balletti di corte per poi collaborare con
Molire alla creazione di numerose comdies-ballets: commedie recitate con
inserti musicali danzati. Poesia, musica e danza appaiono pienamente
integrate nella prima Tragdie Lyrique Cadmus et Hermione (libretto di
Quinault) a cui segue lArmide.
Le Tragdies Lyriques di Lully erano proprio delle vere e proprie tragedie in
versi, il cui testo veniva interamente musicato in una alternanza di recitativi
e arie ( simili a quelli dellopera italiana)

Struttura
1. PROLOGO e OUVERTURE strumentale
2. 5 atti con divertissement (balletto suntuoso)

Innovazioni di Lully
3. Maggiore fedelt al testo musicale, diversamente dallo stile italiano pi
toccatistico e improvvisativo
4. Fonda lopera nazionale francese la cui funzione era quella di glorificare la
maest del re e il prestigio della Francia
5. Segue i dettami della politica culturale del Re Sole (Luigi XIV) il quale gli
concesse lassoluto monopolio sugli spettacoli operistici e ottenne la
direzione dell Acadmie Royale de Musique
ASCOLTO: Prologo di
Cadmus et Hermione
https://
www.youtube.com/wat
ch?v=ytJHCagq33I

Il prologo svolge una


funzione molto
importante
nellesaltazione del
potere monarchico del
Re Sole
TRA SEI E SETTECENTO
PUNTO DI VISTA STORICO PUNTO DI VISTA MUSICALE
Lopera diventa sempre pi un fenomeno di
FRANCIA massa
Stile Lulliano e rifiuto stilemi A Venezia, Bologna e Roma in media si
italiani rappresentano 4 spettacoli allanno
VIENNA Luomo aristocratico che assisteva allopera
Accoglienza stile italiano poteva entrare nel regno della fantasia e dellarte:
Allestimento opere in lingua perde valore la verosimiglianza e lidentificazione
italiana realizzata da personale con i protagonisti
italiano Prevale leffetto spettacolare con cui lintreccio,
bello scompiglio viene sciolto, non si presta
attenzione alla trama
Testo in poesia con lieto fine
Prevale il canto solistico, virtuosistico e declamato
(ripetizione di figure importanti e lunghi vocalizzi)
Mancanza di naturalismo e realismo
Opera del 700
Caratteri generali

Desiderio di maggiore coerenza narrativa e


drammaturgica (trame pi standard e
organiche)
Desiderio di criteri pi naturalistici
I libretti hanno ad oggetto storie pi
realistiche ( rapporto individuo-stato,
rapporto sentimento amoroso- potere)

Benedetto Marcello- frontespizio della


prima edizione, Venezia 1720
OPERA SERIA

Libretto a soggetto mitologico o romanzesco


(vicende di amanti ostacolati a lieto fine)
Libretto scritto in italiano con versi poetici,
settenari e quinari
Apostolo Zeno e Pietro Metastasio sono i
riformatori del Teatro musicale italiano
Cantanti professionisti ed orchestra completa Pietro Metastasio
Maggiore importanza alla capacit del cantante,
ruolo del compositore prevale su quello del Apostolo Zeno
librettista (aumenta il recitativo accompagnato)
Non ci sono parti femminili ma evirati
La sede principale della composizione operistica
Napoli da cui provengono i principali operisti
italiani legati ai quattro celebri conservatori. Da
qui il nome scuola napoletana (opera
metastasiana o neoclassica). Grande risulta la loro
influenza negli altri centri italiani come Venezia ,
patria di Antonio Vivaldi
OPERA BUFFA o DRAMMA GIOCOSO

Ha origine nelle scene comiche dellopera seicentesca:


progressivamente trama principale seria e trama secondaria comica
si separano. Anche i ruoli dei cantanti si differenziano tra seri e
buffi
Libretti in dialetto, struttura in tre atti, personaggi divisi per ceti
sociali.
Cantanti non professionisti, perlopi attori con ampie capacit che
riuscivano a sopperire la mancanza del canto
Orchestra molto ridotta, spesso archi con raddoppio
Presenza di compagnie girovaghe e itineranti grazie alle quali lopera
italiana riesce a diffondersi in tutta Europa
Autori anonimi fino a Goldoni da cui vengono tratte le trame: la
prima vera opera buffa viene considerata La Contessina musicata
da Giacomo Maccari . Seguono numerose opere nate dalla virtuosa
collaborazione tra Goldoni e Galuppi.
Nel 1760 viene inaugurato il filone sentimentale-lacrimevole con
lopera buffa Cecchina, o sia La buona figliuola di Goldoni-Piccinni
Grande contributo di Mozart negli anni 80 .
La parabola di questo genere musicale si conclude con Cimarosa
Bibliografia
Informazioni
- Tratte dagli appunti delle lezioni
- Dal libro di testo storia della musica occidentale di Carrozzo,
Cimagalli

Fotografie

- Tratte da Internet
- Dal libro di testo storia della musica occidentale di Carrozzo,
Cimagalli

Lavoro svolto da Laura Summo e Camilla Scandola