Sei sulla pagina 1di 69

Natura/Cultura

Corso di
Psicologia dellapprendimento
Docente: Leonardo Tondo
Anno Accademico 2003-2004


Natura/Cultura

(Nature/Nurture-Nature/Culture)


Richard Mulcaster (1582)

Natura: Caratteristiche biologiche


Eredit genetica: Genotipo
Fenotipo

Caratteristiche psicologiche
Temperamento

Cultura: Condizioni ambientali


famiglia
scuola
gruppi
societ

Convinzione n.1

Nessuno crede nellestrema posizione a favore della


cultura che la mente sia una tabula rasa

Genitori naturali
Genitori adottivi

Maltrattamenti infantili


Convinzione n.2

Per ogni domanda su natura e cultura, la risposta


corretta : Un po di tutte e due

Agli estremi:

apprendimento di una lingua


autismo


Convinzione n.3

Separare natura e cultura un compito senza


speranza,
Pertanto non il caso di provare

Personalit :
5 opposizioni:
introverso-estroverso
nevrotico-stabile
noncurioso-esploratore
gradevole-ostile
coscienzioso-disattento

Comportamento

Tutti i comportamenti sono influenzati


dallapprendimento,
ma il cervello deve essere organizzato per renderlo
possibile

I geni non influenzano il comportamento agendo sui


muscoli,
ma attraverso gli effetti sul cervello


A sostegno del primato della Natura:

Ricerche genetiche

Contro il primato della Natura:

Determinismo biologico


A sostegno del primato della Cultura:

Variabilit individuale
Motivi etici (libero arbitrio)
Razionalit
Fattori ambientali

Contro il primato della Cultura:

Scarsa valutazione dei fattori genetici


Studio dei fattori genetici

Gemelli
Familiari di I grado
Figli adottivi


Studi genetici

1. Gemelli separati pi simili di estranei


2. Gemelli cresciuti insieme pi simili di fratelli
3. Fratelli cresciuti insieme pi simili di fratelli adottivi


Ambiti di indagine

Aggressivit
Sessualit
Creativit
Intelligenza
Identit
Personalit
Disturbi psichici


Aggressivit

Costituzionale:
deresponsabilizzazione della societ
modificazione dellindividuo

Ambientale:
deresponsabilizzazione dellindividuo
modificazione delle condizioni di vita


Malattie psichiatriche
basi genetiche
modificazioni ambientali
disagio di vita
colpevolizzazione

pericolo di un eccesso di biologismo


sottovalutazione delle condizioni
disagiate


Intelligenza


Definizione intelligenza

Difficile definizione:
Abilit pensiero astratto
Adattamento nuove situazioni
Capacit di conoscenza

Compiti diversi:
scissione dellatomo
inventare la lampadina elettrica
scrivere un poema


Principali indici
abilit pensiero astratto
aoluzione di problemi
aapacit di conoscenza

memoria
adattamento allambiente
competenza linguistica/matematica
rapidit di elaborazione
conoscenza generale
creativit

acuit sensoriale
azione in vista di un fine
motivazione autorealizzazione
Snyderman & Rothman, 1987
Fattori genetici e ambientali

adattamento
(pensiero convergente)

modificazione dellambiente
(pensiero divergente)


Familiarit nei test di
intelligenza
(analisi di 100 studi)
Parentela Correlazione
Gemelli identici
Cresciuti insieme 0.86
Cresciuti separati 0.72
Gemelli non identici
Cresciuti insieme 0.60
Fratelli
Cresciuti insieme 0.47
Cresciuti separati 0.24
Genitore-figlio 0.40
Genitore adottivo- 0.31
figlio
Cugini 0.15Bouchard McGue, 1981
Approcci

psicometrico
cognitivo (elaborazione delle informazioni)
neuropsicologico
ecologico


Sir Francis Galton
acuit sensoriale
differenze individuali
intelligenza ereditaria
Alfred Binet
funzioni cognitive
misurazione nei bambini (livello mentale)
scala metrica intelligenza
Lewis Terman
quoziente intellettivo = et mentale/et x 100
Stanford-Binet scala di intelligenza
QI non pi in uso (1917-1986)
Wechsler
QI empirico (1939-1981)
Prove verbali e non verbali

Scala Stanford-Binet (1986)
4 AREE
15 subtest

Ragionament Ragionamento Ragionament Memoria a


overbale Astratto/visivo o Breve
quantitativo termine
Vocabolario Analisi Quantitativo Memoria
disegni oggetti
Comprension Copiare Serie di Memoria
e numeri frasi

Assurdit Matrici Costruzione Memoria


equazione numeri
Relazioni Piegatura e Memoria
verbali taglio di carta oggetti

Sub-test della WAIS
Verbali Non-verbali

informazione completamento figure


memoria di cifre disposizione figure
vocabolario composizione cubi
aritmetica montaggio oggetti
comprensione sostituzione cifra-simbolo
analogie


Criteri per un test

Standardizzazione
Uniformit di condizione di somministrazione
Uniformit di valutazione
Uniformit di punteggi

Attendibilit
Misurazioni ripetute uniformi

Validit
Misurazione di cosa il test intende misurare


Validit

Validit di costrutto
Capacit del test di misurare variabili
associate allintelligenza

Validit concorrente
Grado di accordo fra differenti misure
prese allo stesso tempo

Validit predittiva
Grado di predizione di altre misure di
performance


Spearman
analisi fattoriale
fattore g, valore statistico
abilit specifiche s (fattori specifici)
intelligenza generale


Thurstone
bilit primarie:
comprensione verbale
fluidit verbale (velocit)
abilit aritmetica
visualizzazione spaziale
memoria associativa
rapidit percettiva (somiglianze e differenze)
ragionamento (riconoscimento e predizione di una seri


Raymond Cattell (1905-1998)

intelligenza fluida, nuovo apprendimento


intelligenza cristallizzata, esperienza

Raven Progressive Matrices Test (1938)


Vernon (1961)
Intelligenza pratico-meccanica

Intelligenza culturale-verbale


Tipi di intelligenza
(Gardner 1983)

linguistica
logico-matematica
musicale
spaziale
cinestesica
intrapersonale
interpersonale
(naturalistica)
(esistenziale)


Elaborazione delle informazioni

funzioni intrinseche della mente


informazioni condivise in vari comparti
differenze individuali

velocit di elaborazione
test di valutazione della rapidit
associazione MBT


Neuropsicologia
deficit selettivi per lesioni cerebrali

lateralizzazione:
sin. linguaggio/sequenze
dx. informazione visivo-spaziale/intuizione


Intelligenza artificiale:

algoritmi per trovare la soluzione dei


problemi

sintesi voce umana, linguaggio

sistemi artificiali di visione

dimostrazione di problemi


Perch gli intelligenti
sbagliano?
(troppo spesso)
Ragione Descrizione
Bassa motivazione Motivazione importante per
raggiungere risultati
Basso controllo Comportamento impulsivo distrae
impulsi dai compiti
Bassa Rinunciare di fronte alle difficolt
perseveranza comporta fallimento
Paura di sbagliare Rimuove la possibilit di crescere
e di potenziare le capacit
Procrastinazione Facilita il fallimento e fa
rinunciare a delle opportunit
Incapacit di Conseguimento di piccoli risultati
ritardare al costo di rinunciare a progetti
gratificazione pi ambiziosi
Troppa o troppo Bassa autostima diminuisce il
poca autostima confronto Sternberg, 1986
Intelligenza
emotiva
Corso di
Psicologia dellapprendimento
Gruppo educativo-scolastico
Docente: Leonardo Tondo
Anno Accademico 2005-2006


Intelligenza emotiva
Thorndike (1920): Intelligenza sociale
abilit di capire uomini, donne, ragazze, ragazzi per
agire saggiamente nelle relazioni umane.

Tre gruppi di intelligenza:


Astratto (materiale simbolico verbale e matematico)
Concreto (manipolazione oggetti, visivo-spaziale)
Sociale (relazioni con gli altri)


Tipi (Gardner
1983):

linguistica
logico-matematica
musicale
spaziale
cinestesica
personale (intra- e
inter-)
naturalistica
esistenziale


Intelligenza intra-
interpersonale
(Gardner)
ntrapersonale:

Comprensione delle proprie capacit e attitudini:


abilit di formarsi un modello accurato e veritiero
di se stessi e di usarlo per operare efficacemente nella v

Interpersonale:

Comprensione degli altri, del loro modo di operare,


delle loro motivazioni, delle possibilit di cooperare:
(venditori, politici, insegnanti, clinici, religiosi)


Quoziente emotivo
empatia
ritardo gratificazione
ottimismo
comprensione per gli altri
comprensione di una situazione sociale


Elementi dellintelligenza
emotiva

Natura dellintelligenza emotiva


Pensiero positivo
Le radici dellempatia
Deficit dellintelligenza emotiva
Espressivit e contagio emotivo


Abilit associate allintelligenza
emotiva

percepire emozioni
apprezzare emozioni
esprimere emozioni
accedere a sentimenti
generare sentimenti
capire emozioni
capire
conoscenza
emotiva
Cinque ambiti
1. Conoscenza delle proprie emozioni
capacit di riconoscere un sentimento nel
momento in
cui si presenta
2. Controllo delle emozioni
capacit di controllare i sentimenti in modo
che siano
appropriati; capire cosa vi sia dietro, gestire
paure, ansia, rabbia, tristezza
3. Motivazione di se stessi
gestione delle emozioni per raggiungere un
obiettivo; autocontrollo; ritardare le
gratificazioni
4. Riconoscimento delle emozioni altrui
empatia; capire
le prospettive degli altri e le
Pensiero


Attivitdelpensiero
formazioneconcetti
ragionamenti
soluzionidiproblemi(problemsolving).


Psicologiaassociazionista:

leggedellacontiguit(vicinanza)
leggedellasomiglianza(somiglianza)


Formazionediconcetti
Procedureutilizzate:
astrazione:ricercadegliaspetticomuni
modalit:

formali:pallone/terra
funzionali:matita/penna
affettive:cioccolata/libro
relazionali:libert(uccelloingabbia/prigioniero)

generalizzazione:
raggruppamentooggettisimili(platano/abete)

Concetticongiuntivi:
verificanoduecondizioni simultaneamente
(pennachescriveinrosso)

Concettidisgiuntivi:
consideranooggettiseparatamente
(pennaostrumentochescriveinrosso)

Concettiprocedurali:
tuttiglioggettiperunattivit:uovo fritto

Allargamentodelconcetto:
mammiferi(cane/delfino)

Ragionamento
Ragionamentoinduttivo:
originadafattispecifici
(alberifioriti/primavera)
Ragionamentodeduttivo:
partedaprincipigenerale
(autunno/albericaduchi)
Ragionamentoanalogico:
attribuirequalitsimilia condizioni
(alberisempreverdi)

Soluzionedeiproblemi(problemsolving)
1.Insight:soluzioneindiretta

2.Tentativoperprovaederrore:
utilizzatuttele possibilitsenzaaiuto
(puzzle)

3.Algoritmo:regoleoperative
(areadiuncerchio)
anagrammi(roma,ISOOPLICGA)


4.Procedimentoeuristico(euristica):
tredifferentimodalitoperative:

a.analisidelmezzoedelfine:
situazioneattualeconloscopoprevisto
(diagnosimedica)
operazioneindietro
(diagnosiimmediata/conferma
tendenzaerrore)
b.analogia:eliminalerisposteerrate
(testasceltamultipla)
c.pianificazione:suddivideilproblemain
compitipisemplici

Tipidipensiero
Pensieroconvergente:
analizzaunproblema
perconvergereversounasoluzione

Pensierodivergente:
stradediverseversoconclusionidifferenti


Pensierocreativo

a.momentopreparativo(risorseadisposizione)
b.incubazionedellepossibilit
c.illuminazione
d.verifica


Tipidipensiero
P.Riflessivo
P.Impulsivo
P.Quotidiano
P.Rigido
P.Prevenuto


Pensieronevrotico
Meccanismididifesa
Consapevolezza
Sofferenza


Pensieropsicotico

Distaccodallarealt
Assenzadiconsapevolezza


Pensieropsicotico
Delirio: assurdit
incomprensibilit
incoerenza

Presentiin: Schizofrenia
Depressione
Mania
Paranoia(temispecifici)


Tipidideliri
persecuzione
gelosia
grandezza
erotomanico
mistico
colpa
nichilismo
controllo


Pensiero creativo e sublimazione


Creativit

1) Interpretazione psicanalitica

2) Basi cognitivo-strutturali della creativit


Definizione di sublimazione

Modificazione di un impulso istintuale in modo da adegu


e richieste della societ

Surrogato che gratifica impulsi infantili ripudiati

Processo inconscio in funzione dellIo


Sublimazione-I
La vita sessuale dei bambini giunge a
esprimersi in una forma accessibile all'osservazione
perlopi attorno al terzo o quarto anno di vita.

Durante il periodo di latenza vengono costruite quelle


potenze psichiche che pi tardi si presentano come
ostacoli alla pulsione sessuale.

(Freud, Tre saggi sulla teoria sessuale,1905


Sublimazione-II
I moti pulsionali libidici incorrono nel destino
di una rimozione patogena quando vengono in conflitto
con le rappresentazioni della civilt e dell'etica proprie
del soggetto.

La sublimazione un processo che interessa la libido


oggettuale e consiste nel volgersi della pulsione a una
meta diversa e lontana dal soddisfacimento sessuale.

(Freud,
Introduzione al narcisismo, 1914
ublimazione-III
L'uomo, avendo sperimentato che l'amore sessuale
procurava il massimo dei soddisfacimenti possibili e era
entato per lui il modello di ogni felicit, dovette trarne
conseguenza che la gioia e la felicit nella vita andavano
eriormente cercate nel campo delle relazioni sessuali,
nendo l'erotismo genitale al centro della vita stessa.
l portamento eretto e con la svalutazione del senso
ll'olfatto alla funzione sessuale si accompagna una ripugnanza,
piegabile ulteriormente, la quale impedisce un
ddisfacimento completo e distoglie dalla meta sessuale
orendo sublimazioni e spostamenti libidici. ...
parte della civilt la tendenza a limitare la vita sessuale non me
dente della spinta a espandere sempre di pi il proprio influsso.

(Freud, Il disagio della civilt, 1929)


Concetti psicoanalitici quali sublimazione, identificazione e
roiezione, non hanno soltanto un contenuto psicologico, ma anche
contenuto sociale: sfociano in un sistema di istituzioni, leggi,
oni, cose e costumi che vengono incontro all'individuo come entit
gettive. Entro questo sistema antagonistico, il conflitto intrapsichic
Io e Super-Io, tra Io e Es, allo stesso momento un conflitto tra
dividuo e la sua societ. Quest'ultima incorpora la razionalit
l'insieme, e la lotta dell'individuo contro le forze repressive
enta una lotta contro la ragione obiettiva... Nei termini di queste
ituzioni, la liberazione degli istinti rappresenta una ricaduta nella
rbarie. Se per dovesse aver luogo al livello pi alto della civilt,
ome conseguenza non di una disfatta ma di una vittoria nella lotta
r l'esistenza, e se fosse sostenuta da una societ libera, questa
erazione potrebbe avere risultati molto differenti.

(Herbert Marcuse, Eros e civilt, 1964)



Pensiero produttivo
mpiega esperienze acquisite, giunge alla soluzione
ei problemi secondo modalit originali e non ortodosse.
Quattro stadi (Wallas):

. preparazione: si lavora assiduamente al problema;


. incubazione: si rimugina sul problema;
. illuminazione: improvvisamente si arriva alla soluzione
. verifica: si stabilisce se la soluzione sia efficace


quattro elementi della creativit(Guilford)
fluidit: numero di risposte o associazioni formulate.
flessibilit: numero di categorie concettuali
o classi di idee alle quali ricondurre la produzione
originalit: capacita di esprimere idee inedite,
di carattere veramente innovativo.
elaborazione: capacita di non limitarsi a un enunciato
generale, ma a dettagliarne la definizione e darle
un carattere il pi possibile concreto, operativo,
fortemente collegato allenergia e alla motivazione


ensiero divergente
nsiero divergente e creativit:

mmaginazione:
per percepire in nuovi modi
riconoscere nuove relazioni
produrre nuove connessioni
Motivazione:
spinta allespressione
data dal desiderio di portarla a compimento
e non dal rinforzo esterno
Esperienza:
abilit a usare specifiche conoscenze.

oduzione di opere:
associazione
di pensiero
creativo e capacit tecnich
Pensiero creativo o divergente
Alla ricerca di soluzione si sostituisce la ricerca
di unespressione originale di uno stato affettivo,
che possa essere verificata sulla base di contenuti
emotivi spesso interni e non necessariamente logici.

La fase della verifica della soluzione creativa


potrebbe, per, non trovare standard obiettivi di
valutazione, ma la soddisfazione del creatore potrebbe
essere lunico criterio considerato


TorrenceLacreativit

Definizione:processoincuisidivienesensibili(Thecoming
sensitive)aproblemi,deficienzeescarticonoscitivienel
tentativodirisolvereloscattoditensionedaessigenerato,si
elaboranoipotesidisoluzionechevengonoinseguito
sottoposteaverifica.

Teoria:lateoriasullacreativitdiTorrencesibasasullo
studiodi3indici:
Fluidit,abilitdiprodurreungrannumerodiidee;
Flessibilit,abilitdiprodurreideeditipodiverso;
Originalit,abilitdiprodurreideechevannooltrelovvio