Sei sulla pagina 1di 32

GEOMETRIA EUCLIDEA

CONCETTI
GEOMETRICI
FONDAMENTALI
GEOMETRIA

Pu essere Pu essere

INTUITIVA RAZIONALE
INTUITIVA

Si basa su

OSSERVAZIONI
PROVE
TENTATIVI
RAZIONALE

Parte da

CONCETTI ASSIOMI
e ENTI
PRIMITIVI
CONCETTI
PRIMITIVI ASSIOMI

Da cui si deducono

Mediante
Mediante
dimostrazioni
definizioni

NUOVI ENTI NUOVE PROPRIET


(TEOREMI)
DALLA GEOMETRIA INTUITIVA
ASTRAZIONE

ALLA GEOMETRIA RAZIONALE


Concetti o enti primitivi
Enti che non definiamo esplicitamente
Sono intuitivamente evidenti

Assiomi o postulati
Propriet (evidenti) che supponiamo essere
vere e che pertanto non dimostriamo
Gli assiomi scelti soddisfano la condizione di :

COMPATIBILIT
(non devono contraddirsi luno con laltro)

INDIPENDENZA
(dalle propriet affermate delluno non si devono
poter dedurre le propriet affermate dellaltro)
TEOREMI
Sono proposizioni la cui verit deve essere provata/dimostrata
Se allora
ENUNCIATO
esprime il contenuto della proposizione da verificare
IPOTESI
esprime la verit da cui si parte
TESI
esprime quello che si deve verificare

DIMOSTRAZIONE
il processo deduttivo che porta ad affermare la verit della
tesi tutte le volte che sono verificate le ipotesi
ENTI GEOMETRICI
PRIMITIVI

Gli enti primitivi della Geometria sono:

PUNTI

RETTE

PIANI
POSTULATI O ASSIOMI
- Su di una retta esistono infiniti punti (piano spazio)

- Due punti distinti determinano una retta ed una sola


che li contiene

- I punti della retta sono ordinati secondo due versi o


sensi opposti luno allaltro. In ciascuno di questi due
versi della retta non vi n primo n ultimo punto;
inoltre tra due qualsiasi punti distinti di essa esistono
altri punti intermedi

A B
- Su di un piano esistono infiniti punti ed infinite rette

- La retta passante per due punti distinti di un


piano giace completamente sul piano

-Tre punti distinti che non appartengono ad una


medesima retta determinano un piano ed uno solo
che li contiene
ALCUNE DEFINIZIONI

SEMIRETTA: ciascuna delle parti in cui una


retta divisa da un suo punto.

Il punto detto : origine delle semirette


SEGMENTO: la parte di retta compresa tra
due suoi punti

I punti vengono detti gli estremi del segmento


SEGMENTI PARTICOLARI

Segmenti CONSECUTIVI: due segmenti che


hanno in comune un estremo e nessun altro
punto

Segmenti ADIACENTI : due segmenti che


oltre ad essere consecutivi appartengono alla
stessa retta
Si chiama spezzata una figura formata da segmenti
consecutivi non adiacenti

APERTA

INTRECCIATA
CHIUSA
Si chiama poligonale ogni spezzata chiusa

Si chiama poligono la figura formata da una


poligonale semplice e dalla parte di piano da essa
limitata
SEMIPIANO: ciascuna delle due parti in cui
un piano diviso da una sua retta, la retta
detta origine del semipiano
Postulato di partizione del piano o di continuit

Dividendo un piano in due semipiani valgono i seguenti


postulati
Se i punti A e B stanno nello stesso semipiano, allora il segmento
AB anchesso contenuto nel semipiano
Se i punti C e D appartengono a semipiani opposti, allora il
segmento CD ha in comune con la retta r un punto.

D
A B

C
ANGOLO: ciascuna delle due parti in cui viene
diviso un piano da due semirette aventi lorigine in
comune

Angolo convesso
Angolo concavo

Un angolo si dice CONCAVO se contiene i prolungamenti


dei suoi lati
Un angolo si dice CONVESSO se non contiene i
prolungamenti dei suoi lati
ANGOLI PARTICOLARI

Angolo PIATTO : un lato il prolungamento


dellaltro ( 180 )

Angolo GIRO: i due lati sono sovrapposti (360)


Angoli CONSECUTIVI: due angoli aventi in
comune il vertice, un lato e nessun altro punto
Angoli ADIACENTI: due angoli che oltre ad
essere consecutivi hanno i due lati non comuni
luno il prolungamento dellaltro
Angoli OPPOSTI AL VERTICE: se i lati delluno
sono i prolungamenti dellaltro
CONFRONTO E SOMMA DI SEGMENTI

Dati due segmenti la loro somma il


segmento che si ottiene disponendoli uno
adiacente allaltro

a b

a+b
a
a<b

b
Dati due segmenti se, sovrapponendo il primo
segmento al secondo facendo coincidere un
estremo, laltro estremo interno al secondo
segmento allora il primo minore del
secondo; se esterno maggiore.
CONFRONTO E SOMMA
DI ANGOLI CONVESSI

Dati due angoli convessi la loro somma langolo che


si ottiene disponendoli uno consecutivo allaltro
Angolo ottuso

Un angolo si dice OTTUSO se maggiore di


un angolo retto
Angolo acuto

Un angolo si dice ACUTO se minore di un


angolo retto
Due angoli la cui somma un angolo piatto si
dicono SUPPLEMENTARI
Due angoli la cui somma un angolo retto si
dicono COMPLEMENTARI
Due angoli la cui somma un angolo giro si dicono
ESPLEMENTARI