Sei sulla pagina 1di 49

Gli strumenti di pagamento

nel commercio internazionale


La complessit delle operazioni
commerciali internazionali

1
Mancata contestualit tra
pagamento e consegna
Il pagamento antecedente alla
consegna
Pagamento posticipato rispetto alla
consegna
Distanza fisica

Distanza economica

Il rischio del trasferimento dei fondi


Il rischio del trasferimento
dei fondi (esempio)
Regolamento tramite accettazione di tratta:
- Il venditore dopo aver inviato la merce
spicca tratta sul compratore inviandola per
posta
- Il compratore laccetta e la rinvia al
venditore
- Alla scadenza il debitore invia per posta i
fondi e attende la tratta come quietanza di
pagamento
La diversa unit monetaria
di conto
Incertezza sulleffettivo cambio al
momento dellincasso o del
pagamento
Costi relativi alla conversione nella
propria unit di conto di un incasso
oppure allacquisto di valuta in caso di
esecuzione di un pagamento
Il rischio paese => obbligazioni =>
eventi esterni

La disciplina giuridica delle operazioni


commerciali internazionali
Il processo di armonizzazione
giuridica internazionale
CCI => lex mercatoria

Uncitral = organismo sovranazionale

ITALIA: L. 31/5/95 n: 218 art. 57 => legge di


riforma del diritto internazionale
(Convezione di Roma 1980)
Convenzione dellAja 1955
Convenzione di Vienna 1980 (fornisce la
disciplina materiale del contratto)
I termini di consegna
internazionali: gli Incoterms
13 termini contrattuali raggruppati => E F C D
E => EXW (EX Works)=> compratore
F => FOB (Free On Board)=> venditore
C => CFR (Cost & Freight)/ CIF ( Cost Insurance &
Freight)
D => DDU ( Delivery & Duty Unpaid) => venditore, no
costo dogana/ DDP (Delivery & Duty Paid) => si costo
dogana/ DES (Delivery Ex Ship)/ DEQ (Delivery Ex
Quai) => trasporto marittimo/ DAF =>(Delivery At
Frontier) trasporto terrestre
La vendita contro documenti
C.C. (art. 1527 1530) + Convenzione di
Vienna
Titolo rappresentativo: la contestualit
delle due prestazioni pu essere surrogata
attraverso la pattuizione del pagamento alla
consegna dei documenti rappresentativi
della fornitura, piuttosto che alla consegna
della merce stessa R.Ruozi
I documenti utilizzati nel
commercio internazionale
Documenti di trasporto:
- polizza di carico (2 copie) =>
nominativa
allordine (girata)
al portatore (consegna)
- Lettera di vettura (trasporto stradale e
ferroviario)
- Lettera di trasporto aereo
I documenti utilizzati nel
commercio internazionale
(cont)
Documenti identificativi della merce:
- Fattura commerciale (principali dati)
- Certificato dorigine (paese di origine)
- Fattura consolare (Consolato del Paese)

Documenti assicurativi:
- Polizza (girata o consegna) = all risks
ad hoc
ferme
aperte
I cambi a pronti

Compravendite di valute a pronti


(spot)
Compravendita di valute a termine
(forward)
Compravendita di strumenti derivati in
valuta
Compravendita a pronti

La compravendita di valuta a pronti


il contratto attraverso cui due
controparti si scambiano, fissando il
prezzo, (cambio) due importi monetari
denominati in valute diverse.
Compravendita a termine

Le parti fissano il cambio al momento


della stipula del contratto convenendo
una data differita per lesecuzione
delle prestazioni
- Certo per incerto
Euro/Gbp => 0,6755

- Incerto per certo


Chf/Usd => 1,2739
Certo per incerto => cambio incerto
per certo
Gbp/Euro = 1/0,6755 = 1,4804

n (n 1)/2cambi => cross rate


Cn,k = n!/k!(n k)!
n! = n (n 1) (n 2) 1
Cambi k = 2
Possibili valute = n
Ipotizzate 100 valute nazionali

Cn,k = n!/k! (n k)! = 100!/2! 98! =>


100 99 98!/ 2 1 98! =>
100 99/ 2 1 = 4950
Dealer

Lucrando profitti speculativi


Praticando un cambio diverso
(denaro/bid vs lettera/ask)
Denaro lettera = spread il margine
a disposizione del dealer per coprire i
propri costi di struttura (personale,
attrezzature ecc.)
Dealer (cont)

Un importatore italiano deve saldare


un debito in valuta e si rivolge alla
banca per la somma necessaria
(cambio denaro)
- Debito = 100000 Gbp
1 (euro): 0,675 (Gbp) = x (euro):100000 (Gbp)
X = 100000/ 0,675 = 148148,15 euro
Dealer (cont)

Al dealer si rivolge una banca per


conto di un esportatore, vendendo
100000 Gbp incassate a saldo di un
operazione commerciale (cambio
lettera)
1 (euro): 0,676 (Gbp) = X (euro) : 100000 (Gbp)
X = 100000/0,676 = 147929
148148,15 147929 = remunerazione dealer =>
market maker => broker
Dealer (cont)
Negoziazione in proprio: dealer + market
maker
ESEMPIO:
Un investitore intende acquistare sul mercato
NASDAQ alcune azione di una societ X e
conferisce allintermediario il suo ordine
cos ripartito:
Quantitativo richiesto: 10 azioni
Prezzo massimo: 70 dollari
Periodo di validit dellordine: data odierna
sino alla chiusura del mercato
Dealer (cont)

Prima di trasmettere lordine sul


mercato lintermediario comunica al
cliente la propria disponibilt a
vendergli il desiderato pacchetto di 10
azioni al prezzo di 70 dollari e :
- Broker o dealer?
- Perch il prezzo maggiorato?
Dealer (cont)

Mercato dealer + liquido del mercato


broker:
- Perch?
Market maker

Si propone come controparte diretta in


transazioni che hanno per oggetto
strumenti finanziari:
- come il dealer?
Market maker

Diversamente egli propone per


determinati titoli in via continuativa
prezzi impegnativi sia in acquisto sia
in vendita catturando lattenzione degli
investitori:
- Perch?
Market maker

Egli si propone di alimentare continue


transazioni direttamente nei confronti
degli investitori cercando un profitto
attraverso lapplicazione dei prezzi in
acquisto (+ bassi rispetto al prezzo
corrente del titolo) e dei prezzi in
vendita (+ alti rispetto al prezzo
corrente del titolo).
Assegni e bonifici
internazionali
Assegno: salvo buon fine
dopo incasso
stop payment

Bonifico: la banca paga lesportare su


ordine dellimportatore (sistema di
pagamenti interbancari)
Conseguenze economiche
Semplicit + costi bassi
Il bonifico preferito allassegno (- giorni
valuta e rischi furto)
Rischio pagamento anticipato e rischio
pagamento posticipato
Bonifici ed assegni non garantiscono la
simultaneit della operazioni = > rapporto
fiducia
Rischio paese/rischio controparte: no
ASSEGNI E BONIFICI!!!
La rimessa documentaria

Operazione regolata dalla Camera di


Commercio Internazionale:
lesportatore da mandato alla propria
banca di consegnare tramite banca
corrispondente i documenti per la
fornitura allimportatore purch egli
rispetti le modalit di pagamento
La rimessa documentaria
(cont)
Clausole: documenti contro pagamento
(D/P); documenti contro accettazione (D/A)
Solo con il (D/P) si ottiene il pagamento
immediato
Rischio per il (D/A) => la tratta potrebbe non
essere onorata
Mancato ritiro dei documenti: esportazioni di
beni facilmente vendibili
Il credito documentario

Una banca detta emittente assume


limpegno di compiere una
prestazione a favore dellesportatore
detto beneficiario contro prestazione
di documenti redatti in conformit alle
istruzioni impartite dallordinante
(importatore) e da quanto stabilito da
NUU (Norme e Usi uniformi di
Riferimento) CCI
Il credito documentario
La banca su richiesta dellordinante contro
consegna dei documenti prescritti:
- Pagamento ad un beneficiario a suo ordine
- Pagare tratte emesse dal beneficiario
- Autorizzare altra banca ad effettuare il
pagamento
- Accettare a pagare tali tratte
- Autorizza altra banca a negoziare
Il credito documentario
(cont)
CCI + C.C.

Istituto giuridico: autonomia


astrattezza
letteralit
Il credito documentario
(cont)
Vizi.: irregolarit dei documenti

CCI: invio elettronico dei documenti


=> pin, password, firma elettronica)
Il credito documentario
(cont)
Fasi delloperazione:
1) lordinante chiede al mittente lapertura di
un credito documentario a favore del
cliente
2) Lemittente apre un credito documentario
presso la banca notificante
3) La notificante comunica al beneficiario
lapertura di un credito a suo favore
Il credito documentario
(cont)
4) lesportatore dopo notifica consegna la
merce al vettore ed ottiene i documenti che
consegna alla banca notificante
5) Il beneficiario libero dal rischio legato
allinvio dei documenti
6) La banca invia i documenti al mittente
7) Il mittente trasferisce i fondi alla banca
notificante che a sua volta li trasferir al
beneficiario
Il credito documentario
(cont)
8) lemittente consegna i documenti
allordinante contro pagamento da
parte di questultimo che ottiene la
merce e consegna i documenti al
vettore
Il credito documentario
(cont)
A seconda del tipo di prestazione:
- Credito documentario pagamento a
vista (dopo aver ricevuto e controllato
i documenti)
- Credito documentario per pagamento
differito
- Credito documentario per
accettazione della tratta
Il credito documentario
(cont)
In funzione al tipo di impegno assunto
dallemittente:
- Credito domiciliato presso lemittente o la
notificante
- Credito confermato => 2 obbligati
notificante + emittente/non confermato =>
solo emittente
- Credito non revocabile/revocabile => pu
revocare il credito senza preavviso
- Credito frazionabile/rotativo => per pi
operazioni commerciali
Conseguenze economiche e
spazio economico di utilizzo
Sicurezza: rischio minimizzato per
entrambe le parti
Transazioni con paesi politicamente
instabili => clausola conferma del
credito
Operazione caratterizzata da costi
elevati rispetto alla rimessa
Tutela maggiormente il venditore
Tutela del venditore
La presentazione dei documenti nel rispetto
delle modalit e dei tempi
Definire nel contratto in maniera precisale
condizioni per lemissione della lettera di
credito
Prima di eseguire la fornitura necessario
confrontare il contenuto della lettera di
credito con il contratto => in caso di non
conformit la banca emittente rifiuta
loperazione
Stand by letter of credit

Lemittente fornisce una garanzia


sussidiaria ed interviene solo se il
proprio cliente (obbligato principale)
non provvede al pagamento (tipico nel
nordamerica => italia aperture di
credito documentario)
Semplicit solo se non si ricorre
allemittente => origine statunitense
Conseguenze economiche e
spazio economico di utilizzo
La stand by letter si attiva solo in
caso di rischio
Risparmio di tempo e costi quando la
stand by non viene attivata
Strumento semplice e rapido; in caso
di inadempimento il pagamento
avviene con uno strumento di rimessa
diretta come il bonifico bancario
I BISOGNI DI INVESTIMENTO
e gli obiettivi delle unit in
surplus
Famiglia investitrice => riserva di
valore:

- Attivit reali (tutelate dai diritti di


propriet)
- Attivit finanziarie (tutelate dai diritti di
credito)
I BISOGNI DI INVESTIMENTO
e gli obiettivi delle unit in
surplus
Gli investimenti non devono essere
scelti in base al loro rendimento:
- Titoli che rendono di pi sono pi
rischiosi => premio per il rischio
- Complessit per la fissazione del
rendimento atteso
- Rendimento calcolati al lordo delle
imposte
I BISOGNI DI INVESTIMENTO
e gli obiettivi delle unit in
surplus
Taglio dellinvestimento => taglio
minimo di ingresso
Durata dellinvestimento => durata
naturale dellinvestimento/durata
effettiva
Sopportabilit al rischio
I BISOGNI DI INVESTIMENTO
e gli obiettivi delle unit in
surplus
Disciplina del mercato => non tutela
contro perdite finanziarie:
- Risparmio inconsapevole
- Risparmio consapevole
Risparmio

Le operazioni svolte da qualsiasi


operatore economico:
- Conto patrimoniale (diff. Tra attivit e
passivit => patrimonio netto =
ricchezza)
- Conto finanziario Flussi in entrata e
flussi in uscita)
Risparmio

Il saldo contabile generato dalla


contrapposizione dei flussi in entrata e
in uscita genera il Risparmio:
- Avanzo

- Disavanzo

Lo sbilancio tra risparmio ed


investimenti = saldo finanziario