Sei sulla pagina 1di 94

Capitolo 6

Tecnologia e produzione

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Temi da discutere

La tecnologia

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Temi da discutere

La tecnologia

Gli isoquanti di produzione

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Temi da discutere

La tecnologia

Gli isoquanti di produzione


La produzione con un fattore variabile (lavoro)

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Temi da discutere

La tecnologia

Gli isoquanti di produzione


La produzione con un fattore variabile (lavoro)
La produzione con due fattori variabili (lavoro e
capitale)

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Temi da discutere

La tecnologia

Gli isoquanti di produzione


La produzione con un fattore variabile (lavoro)
La produzione con due fattori variabili (lavoro e
capitale)
I rendimenti di scala
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Tecnologia di produzione
La tecnologia di produzione di unimpresa
descrive tutti i metodi di produzione attraverso si
realizza l output (= beni o servizi prodotti) attraverso
limpiego di input (= fattori produttivi)

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-7

Tecnologia di produzione
La tecnologia di produzione di unimpresa
descrive tutti i metodi di produzione attraverso si
realizza l output (= beni o servizi prodotti) attraverso
limpiego di input (= fattori produttivi)
Tecnologie di produzione differenti possono
portare a realizzare una quantit differente di output,
a parit di impiego di input

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-8

Tecnologia di produzione
La tecnologia di produzione di unimpresa
descrive tutti i metodi di produzione attraverso si
realizza l output (= beni o servizi prodotti) attraverso
limpiego di input (= fattori produttivi)
Tecnologie di produzione differenti possono
portare a realizzare una quantit differente di output,
a parit di impiego di input

Un metodo di produzione detto efficiente se, a


parit di impiego di input, non possibile
realizzare una produzione superiore attraverso il
ricorso a metodi alternativi
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-9

Insieme delle possibilit


produttive
L insieme delle possibilit produttive contiene tutte
le combinazioni possibili di input e output, data la
tecnologia in dotazione

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Insieme delle possibilit


produttive
L insieme delle possibilit produttive contiene tutte
le combinazioni possibili di input e output, data la
tecnologia in dotazione
La frontiera efficiente di produzione di unimpresa
mostra le combinazioni input -output corrispondenti
ai metodi di produzione efficienti

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Insieme delle possibilit


produttive
L insieme delle possibilit produttive contiene tutte
le combinazioni possibili di input e output, data la
tecnologia in dotazione
La frontiera efficiente di produzione di unimpresa
mostra le combinazioni input -output corrispondenti
ai metodi di produzione efficienti
La frontiera individua il pi alto livello nellinsieme
delle possibilit produttive per ogni dato livello di
input.
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Unanalisi grafica

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-13

La Funzione di Produzione
Indica il massimo output che unimpresa pu
produrre per ogni data combinazione di inputs
dato lo stato della tecnologia.

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-14

La Funzione di Produzione
Indica il massimo output che unimpresa pu
produrre per ogni data combinazione di inputs
dato lo stato della tecnologia.
Mostra ci che tecnicamente fattibile quando
limpresa opera in modo efficiente.

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-15

La Funzione di Produzione
Indica il massimo output che unimpresa pu
produrre per ogni data combinazione di inputs
dato lo stato della tecnologia.
Mostra ci che tecnicamente fattibile quando
limpresa opera in modo efficiente.
Una funzione di produzione descrive, in termini
matematici, la frontiera efficiente di produzione di
unimpresa
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-16

Produzione di breve
e di lungo periodo
Un input :

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-17

Produzione di breve
e di lungo periodo
Un input :

fisso quando la sua quantit non pu essere


modificata se non facendo passare un certo lasso
di tempo

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-18

Produzione di breve
e di lungo periodo
Un input :

fisso quando la sua quantit non pu essere


modificata se non facendo passare un certo lasso
di tempo

variabile se pu essere aggiustato nellimmediato

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-19

Produzione di breve
e di lungo periodo
Breve periodo: periodo di tempo nel
quale uno o pi dei fattori di produzione
risulta fisso

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Produzione di breve
e di lungo periodo
Breve periodo: periodo di tempo nel
quale uno o pi dei fattori di produzione
risulta fisso
Lungo periodo: periodo di tempo nel
quale tutti i fattori produttivi sono variabili

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Produzione di breve
e di lungo periodo
Breve periodo: periodo di tempo nel
quale uno o pi dei fattori di produzione
risulta fisso
Lungo periodo: periodo di tempo nel
quale tutti i fattori produttivi sono variabili
La durata temporale del breve periodo
dipende dalle caratteristiche del processo
produttivo

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

La Funzione di Produzione
a un solo input variabile

Q = F(L)

Q la quantit di output, L la quantit di lavoro;

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-23

La Funzione di Produzione
a un solo input variabile

Q = F(L)

Q la quantit di output, L la quantit di lavoro;


Esempio: Q = 10L

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-24

La Funzione di Produzione
a un solo input variabile

Q = F(L)

Q la quantit di output, L la quantit di lavoro;


Esempio: Q = 10L
Loutput non si riduce mai allaumentare della
quantit di L

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-25

La Funzione di Produzione
a un solo input variabile

Q = F(L)

Q la quantit di output, L la quantit di lavoro;


Esempio: Q = 10L
Loutput non si riduce mai allaumentare della
quantit di L
OSS: Nelle nostre applicazioni: sar la funzione
di produzione di breve periodo (es. Contratti di
lavoro a termine)
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-26

Prodotto medio
(Average Productivity, AP)
Misura la produzione o output prodotto da
ciascun lavoratore:
Q F L
APL
L
L

6-27

Prodotto marginale
(Marginal Productivity, MP)
Misura la produzione addizionale quando
limpresa aumenta, al margine, la quantit di lavoro
utilizzata:
Q F L F L L
MPL

L
L

6-28

Legge dei rendimenti


marginali decrescenti
Aumenti successivi nellimpiego di un input
producono aumenti sempre minori delloutput,
oltre una data quantit di input impiegata,

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-29

Legge dei rendimenti


marginali decrescenti
Aumenti successivi nellimpiego di un input
producono aumenti sempre minori delloutput,
oltre una data quantit di input impiegata,
In termini analitici:
MPL diminuisce

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-30

Legge dei rendimenti


marginali decrescenti:
Un esempio numerico
Prodotto marginale nella produzione di panchine da giardino

Numero di lavoratori

Numero di panchine
prodotte a settimana

MPL

--

33

33

74

41

111

37

132

21
6-31

Landamento della curva di MP


Quando limpiego di lavoro piccolo, al
crescere di L, MPL cresce per un effetto di
specializzazione.

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-32

Landamento della curva di MP


Quando limpiego di lavoro piccolo, al
crescere di L, MPL cresce per un effetto di
specializzazione.
Quando limpiego di lavoro grande, al
crescere di L, MPL cala per un effetto di
inefficienza.

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-33

Le curve del prodotto medio (AP)


e del prodotto marginale (MP)
In ogni punto della funzione di produzione
di breve periodo:

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-34

Le curve del prodotto medio (AP)


e del prodotto marginale (MP)
In ogni punto della funzione di produzione
di breve periodo:
APL = inclinazione della retta che
congiunge il punto sulla funzione di
produzione con lorigine

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-35

Le curve del prodotto medio (AP)


e del prodotto marginale (MP)
In ogni punto della funzione di produzione
di breve periodo:
APL = inclinazione della retta che
congiunge il punto sulla funzione di
produzione con lorigine
MPL = inclinazione della retta tangente
alla funzione di produzione in un dato
punto della funzione di produzione
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-36

AP E MP e la funzione di
produzione a un solo input

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-37

Le curve del prodotto medio (AP)


e del prodotto marginale (MP)
La curva AP:

6-38

Le curve del prodotto medio (AP)


e del prodotto marginale (MP)
La curva AP:
decrescente quando
giace al di sotto della
curva MP

6-39

Le curve del prodotto medio (AP)


e del prodotto marginale (MP)
La curva AP:
decrescente quando
giace al di sotto della
curva MP
crescente quando giace
al di sopra di MP

6-40

Le curve del prodotto medio (AP)


e del prodotto marginale (MP)
La curva AP:
decrescente quando
giace al di sotto della
curva MP
crescente quando giace
al di sopra di MP
raggiunge il suo massimo
nel punto in cui le curve di
AP e MP si intersecano

6-41

Le curve del prodotto medio


(AP) e prodotto marginale (MP)
Riassumendo:

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-42

Le curve del prodotto medio


(AP) e prodotto marginale (MP)
Riassumendo:
Quando MPL = 0, PT massimo

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-43

Le curve del prodotto medio


(AP) e prodotto marginale (MP)
Riassumendo:
Quando MPL = 0, PT massimo
Quando MPL > APL, APL crescente

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-44

Le curve del prodotto medio


(AP) e prodotto marginale (MP)
Riassumendo:
Quando MPL = 0, PT massimo
Quando MPL > APL, APL crescente
Quando MPL < APL, APL decrescente

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-45

Le curve del prodotto medio


(AP) e prodotto marginale (MP)
Riassumendo:
Quando MPL = 0, PT massimo
Quando MPL > APL, APL crescente
Quando MPL < APL, APL decrescente
Quando MPL = APL, APL massimo

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-46

La Funzione di Produzione
con due input variabili
Q = F(K,L)
Q = Output, K = Capitale, L = Lavoro
per una data tecnologia

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-47

La Funzione di Produzione
con due input variabili
Q = F(K,L)
Q = Output, K = Capitale, L = Lavoro
per una data tecnologia
Loutput non si riduce mai allaumentare della
quantit di K e/o L

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

1-48

La Funzione di Produzione
con due input variabili
Q = F(K,L)
Q = Output, K = Capitale, L = Lavoro
per una data tecnologia
Loutput non si riduce mai allaumentare della
quantit di K e/o L
OSS: Nelle nostre applicazioni, sar la funzione
di produzione di lungo periodo (quando sia il
lavoro che il capitale sono variabili)
1-49

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Produzione
con due input variabili
Nel lungo periodo sia K che L sono variabili.
Principio della produttivit dei fattori:
incrementando la quantit di tutti i fattori, aumenta
strettamente il livello di output che possibile
raggiungere utilizzando metodi di produzione
efficienti

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-50

LIsoquanto di Produzione
Un isoquanto individua tutte le
combinazioni di input efficienti per
produrre un dato ammontare di output.

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-51

LIsoquanto di Produzione
Un isoquanto individua tutte le
combinazioni di input efficienti per
produrre un dato ammontare di output.
Lisoquanto descrive tutte le combinazioni
di K, L che producono un livello costante di
output

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-52

LIsoquanto di Produzione
Un isoquanto individua tutte le combinazioni di
input efficienti per produrre un dato ammontare
di output.
Lisoquanto descrive tutte le combinazioni di K,
L che producono un livello costante di output
La famiglia degli isoquanti data da tutti gli
isoquanti tracciabili in corrispondenza dei
possibili livelli di output
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-53

Lisoquanto di produzione di 140 panchine


da giardino alla settimana

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-54

Lisoquanto di produzione di 140 panchine


da giardino alla settimana
Nel lungo periodo sia il lavoro che il
capitale sono variabili ed entrambi
hanno rendimenti decrescenti

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-55

Lisoquanto di produzione di 140 panchine


da giardino alla settimana
Nel lungo periodo sia il lavoro che il
capitale sono variabili ed entrambi
hanno rendimenti decrescenti
Gli isoquanti sono inclinati
negativamente e convessi come le
curve di indifferenza.

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-56

Propriet degli isoquanti


Gli isoquanti sono sottili
Gli isoquanti hanno pendenza negativa

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

7-57

Propriet degli isoquanti


Gli isoquanti relativi alla stessa tecnologia di
produzione non possono intersecarsi
Gli isoquanti riferiti ad un livello di output maggiore
si collocano pi lontani dallorigine

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

7-58

La sostituzione tra gli input

Gli inputs sono sostituibili: K e L possono


essere sostituiti per mantenere costante il
livello di produzione

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-59

La sostituzione tra gli input

Gli inputs sono sostituibili: K e L possono


essere sostituiti per mantenere costante il
livello di produzione

Il trade-off tra inputs descritto dalla


pendenza di ciascun isoquanto

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-60

La sostituzione tra gli input

Gli inputs sono sostituibili: K e L possono


essere sostituiti per mantenere costante il
livello di produzione

Il trade-off tra inputs descritto dalla


pendenza di ciascun isoquanto
La pendenza dellisoquanto indica in che
misura occorre aumentare un input a fronte
di una riduzione unitaria dellaltro per
mantenere costante il prodotto totale

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-61

Il saggio marginale di
sostituzione tecnica (SMST)
Il SMST la pendenza dellisoquanto (in
valore assoluto)

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Il saggio marginale di
sostituzione tecnica (SMST)
Il SMST la pendenza dellisoquanto (in
valore assoluto)
In termini analitici:

SMST = - K/L
(Per un dato livello di Q)
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Sostituzione fra lavoro e capitale lungo


un isoquanto e il saggio marginale di
sostituzione tecnica (SMST)

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-64

La relazione tra SMST e il


prodotto marginale

Il cambiamento delloutput che risulta da un


cambiamento del lavoro pari a L

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

La relazione tra SMST e il


prodotto marginale

Il cambiamento delloutput che risulta da un


cambiamento del lavoro pari a L

Q = PL L

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

La relazione tra SMST e il


prodotto marginale

Il cambiamento delloutput che risulta da un


cambiamento del lavoro pari a L

Q = PL L
Il cambiamento delloutput che risulta da un
cambiamento del capitale pari a K

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

La relazione tra SMST e il


prodotto marginale

Il cambiamento delloutput che risulta da un


cambiamento del lavoro pari a L

Q = PL L
Il cambiamento delloutput che risulta da un
cambiamento del capitale pari a K

Q = PK K

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

La relazione tra SMST e il


prodotto marginale

Il cambiamento delloutput che risulta da un


cambiamento del lavoro pari a L

Q = PL L
Il cambiamento delloutput che risulta da un
cambiamento del capitale pari a K

Q = PK K
Se loutput costante e il lavoro aumenta,

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

La relazione tra SMST e il


prodotto marginale

Il cambiamento delloutput che risulta da un cambiamento del


lavoro pari a L

Q = PL L
Il cambiamento delloutput che risulta da un cambiamento del
capitale pari a K

Q = PK K
Se loutput costante e il lavoro aumenta,

PK K + PL L = 0
PL/ PK = - K / L = SMST

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

La relazione tra SMST e il


prodotto marginale

Il cambiamento delloutput che risulta da un cambiamento del


lavoro pari a L

Q = PL L
Il cambiamento delloutput che risulta da un cambiamento del
capitale pari a K

Q = PK K
Se loutput costante e il lavoro aumenta,

PK K + PL L = 0
PL/ PK = - K / L = SMST

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

La relazione tra SMST e il prodotto


marginale
La relazione tra il SMST ed il prodotto
marginale analoga al rapporto tra il SMS e
lutilit marginale

6-72

La relazione tra SMST e il prodotto


marginale
La relazione tra il SMST ed il prodotto
marginale analoga al rapporto tra il SMS e
lutilit marginale
SMSTLK

MPL

MPK

6-73

La relazione tra SMST e il prodotto


marginale
La relazione tra il SMST ed il prodotto
marginale analoga al rapporto tra il SMS e
lutilit marginale
MPL
SMSTLK
MPK
Interpretazione
Pi produttivo il lavoro in relazione al capitale,
maggiore la quantit di capitale necessaria per
compensare una riduzione dellinput di lavoro e
maggiore il valore del SMST
6-74

Il SMST viene assunto decrescente

Il SMST viene assunto decrescente

Muovendosi lungo lisoquanto, se linput


K aumenta, linput L si riduce.

Isoquanti per input perfetti sostituti


Due input sono perfetti sostituti se gli input sono
scambiati secondo un rapporto fisso.

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

7-77

Isoquanti per input perfetti sostituti


Due input sono perfetti sostituti se gli input sono
scambiati secondo un rapporto fisso.
Ogni isoquanto rappresentato da una retta e il
SMST costante

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

7-78

Isoquanti per input perfetti sostituti


Due input sono perfetti sostituti se gli input sono
scambiati secondo un rapporto fisso.
Ogni isoquanto rappresentato da una retta e il
SMST costante

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

7-79

Isoquanti per input in proporzioni fisse


Due input sono perfetti complementi quando
devono essere usati in proporzioni fisse

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-80

Isoquanti per input in proporzioni fisse


Due input sono perfetti complementi quando
devono essere usati in proporzioni fisse
Ogni isoquanto assume una forma a L

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-81

Isoquanti per input in proporzioni fisse


Due input sono perfetti complementi quando
devono essere usati in proporzioni fisse
Ogni isoquanto assume una forma a L

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-82

Un caso particolare:
La funzione Cobb-Douglas
Forma generale:

Q F L, K AL K

A, , e sono parametri che assumono valori


specifici a seconda dellimpresa considerata:

A = livello generale di produttivit


dellimpresa
e = la produttivit relativa di lavoro e
capitale
6-83

SMST della Funzione di


produzione Cobb-Douglas
1

MPL AL K
MPK AL K

Applicando la formula del SMST come


rapporto tra MPL e MPK

K
SMSTLK
L

Isoquanti per due funzioni di


produzione Cobb-Douglas

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-85

Rendimenti di scala
I rendimenti di scala misurano la relazione tra la scala (dimensione) di una
impresa e la produzione
1) Rendimenti crescenti di scala: raddoppiando tutti gli inputs loutput pi che
raddoppia

Una produzione maggiore comporta costi minori (auto)

Una sola impresa pi efficiente di tante (energia elettrica)

Per uguali incrementi di produzione gli isoquanti diventano via via pi vicini

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Rendimenti di scala crescenti


K

Rendimenti crescenti: gli


isoquanti
diventano via via pi
vicini

30
2

20
10

0
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

1
0

Lavoro (ore per anno)

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

2) Rendimenti costanti di scala: quando


tutti gli inputs raddoppiano loutput
raddoppia

La dimensione non ha influenza sulla


produttivit

Ci pu essere un grande numero di


produttori

Per uguali incrementi di produzione


gli isoquanti sono equidistanti

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Rendimenti di scala costanti


Capitale
(ore
macchina
per anno)

A
6
30
Rendimenti costanti:
gli isoquanti sono
20
equidistanti

2
10
0
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

10

Lavoro (ore per anno)

15

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

3) Rendimenti decrescenti di scala:


raddoppiando tutti gli inputs il prodotto meno
che raddoppia

Le imprese pi piccole sono pi efficienti

Gli isoquanti sono via via pi lontani per


uguali incrementi del prodotto

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Rendimenti di scala
decrescenti
Capitale
(ore
macchina
per anno)

A
Rendimenti decrescenti:
gli isoquanti diventano
Via via pi lontani

30
2

20
10

0
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

10

L
Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Rendimenti di scala costanti, crescenti e


decrescenti con due input

Rendimento di scala

In caso di variazione proporzionale di


tutti I fattori

Constanti

Variazione proporzionale delloutput

Crescenti

Variazione pi che proporzionale


delloutput

decrescenti

Variazione meno che proporzionale


7-92
delloutput
Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Differenze di produttivit e
cambiamento tecnologico
Unimpresa pi produttiva (o ha una maggiore
produttivit) quando in grado di produrre pi output
utilizzando lo stesso ammontare di input
La sua funzione di produzione si sposta quindi verso lalto, in
corrispondenza di ogni combinazione dei fattori
Tale cambiamento pu derivare da un cambiamento generale nella
produttivit o pu essere specificatamente legato allimpiego di un
certo fattore

I miglioramenti della produttivit che lasciano invariato il


SMST sono detti neutrali
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)

6-93

Leffetto di un miglioramento della


tecnologia
C

Output
mensile

La produttivit del lavoro


pu crescere se ci sono
miglioramenti della tecnologia, ma ogni dato
processo di produzione
ha rendimenti decrescenti
del lavoro

O3

100
A

O2

50

O1
Lavoro mensile

0 1
Microeconomia2e
DouglasBernheim,MichaelWhinston
srl

2 3

5 6

8 9

10

Copyright2013McGrawHillEducation(Italy)