Sei sulla pagina 1di 17

USO DELLE TECNOLOGIE

IN PERCORSI CLIL

J OVA N A V U K A D I N O V I C 2 0 1 1 / 4 7 8 M

26.11.2016.

LA STRUTTURA
Internet: una risorsa per costruire percorsi CLIL
La ricerca dei materiali on line
La costruzione di un catalogo ragionato di siti CLIL
Uso di altri servizi per la comunicazione on line per la
didattica e la formazione
La costruzione di percorsi CLIL con luso di tecnologie

Fonte: adattato da Barbero e Clegg (Programmare percorsi CLIL)

INTERNET: LE RISORSE ONLINE


una delle pi grandi innovazioni nella comunicazione interpersonale
prima fase: una risorsa enorme di dati consultabili da tutto il mondo
oggi: le potenzialit legate al suo sfruttamento nel campo
dellapprendimento
Tre funzioni di Internet (Ivana Fratter, 2004):
1. Una banca di informazioni, molto utili alla ricerca documentaria
2. Efficace strumento di comunicazione interpersonale ossia per la
CMC (la comunicazione mediata dal computer) tramite strumenti
di posta elettronica, del forum, della chat e delle liste di
discussione
3. la costruzione di ambienti di lavoro sia per linsegnante che per lo
studente

PER LINSEGNANTE
Come strumento di lavoro
Fonte di materiali autentici
Deposito di materiali didattici, utilizzabili da tutti
(sharing)
Mezzo di comunicazione tra colleghi
Selezione di materiali di supporto per gli studenti

PER LO STUDENTE
Come ambiente didattico
Biblioteca (strumenti di consultazione, dizionari, stampa)
Classe virtuale (www, e-mail, IRC, videoconferenza)
Feedback con linsegnante (consulenza, suggerimenti)
Comunicazione con altri studenti

Fonte: adattato da Spina (1998)

LA RICERCA DEI MATERIALI ONLINE


necessaria in assenza di quelli ti tipo cartaceo (pubblicazioni di libri
e riviste oppure di audio e video)
Il World Wide Web (www) diventa indubitamene sempre pi utilizzato
Offre la possibilit di leggere, ascoltare e vedere filmati che
diventano sempre pi accessibili attraverso streaming
-per condurre una ricerca effettiva bisogna, prima di tutto, saper
individuare la parola o la frase chiave il che la cosa pi difficile
Alcuni errori abbastanza comuni da non commettere:
Usare uno strumento non adatto allo scopo di ricerca
Non pianificare una buona strategia per la ricerca
Non tenere nota dei risultati della ricerca

STRUMENTI PER LA RICERCA


tre tipi principali:
I motori di ricerca
Le web directories (guide o cataloghi in Rete)
Subject gateways (I portali organizzati in base a un
argomento)
Solo conoscendo il tipo di ricerca si pu scegliere lo
strumento pi adatto

LA COSTRUZIONE DI UN CATALOGO
RAGIONATO DI SITI CLIL

La ricerca di materiali specifici relativi al contenuto


disciplinare in una lingua straniera-Il punto di partenza
per la programmazione di un percorso CLIL
Bisogna che le strategie usate siano efficaci per
evitare la perdita di tempo
Inoltre, bisogna creare una specie di banca di siti che
sia una risorsa di riferimento da consultare quando
necessario

ESEMPIO:DESCRIZIONE DI SITI
RISORSA PER MATERIALI CLIL
Titolo: BBC
Indirizzo URL: http://www.bbc.co.uk/education/schools.
Lingua del sito:inglese
Sito per/subject area: trasversale/docent di L2 e material
Breve descrizione/commento: sito della BBC per le scuole; fornisce
link utili in una vasta rosa inerente alle varie discipline di studio
Livello di difficolt/grade level: per insegnanti di L2 o di material
co buona conoscenza della lingua

ALTRI SERVIZI PER LA


COMUNICAZIONE ON LINE
Internet si vede come un efficace strumento di communicazione
interpersonale che consente la CMC attraverso luso degli strumenti
di posta elettronica, delle liste di discussione e della chat. Secondo
Talamo (1998, p.94), questo tipo di comunicazione offre

loccasione di superamento dellastrazione tipica


dei compiti scolastici, in favore della
contestualizzazione degli apprendimenti entro
ambiti sociali esterni alla scuola e appartenenti alla
vita comunitaria entro cui tali acquisizioni sono
spendibili.

STRUMENTI DI CMC
La posta elettronica- un mezzo di comunicazione asincrona, basato su testo che
permette a chiunque sia connesso a Internet di inviare messaggi a una o pi
persone connesse allo stesso modo
Svolge un ruolo importante in campo didattico di supporto e completamento
dellattivit di apprendimento
Un mezzo molto efficace di communicazione interpersonale
Consente lattivazione di progetti di comunicazione e collaborazione a distanza,
permettendo cos anche lesercitazione della produzione scritta (con scopi
comunicativi reali), il ch molto importante
Reale infatti linterazione tra studenti, che pu essere del tipo uno a uno
(studente a studente), uno a molti (uno studente a tutti i partecipanti alla
discussione) e molti a molti (pi studenti intervengono simultaneamente
rivolgendosi a tutti i partecipanti)
Il tema e le situazioni nel corso degli scambi sono anche reali (Vilmi, 1999)

Le liste di discussione-sono in sostanza i modi di condividere i propri


messaggi di posta elettronica con i membri di un gruppo di persone che
hanno un interesse comune e come tali, diventano spesso uno strumento
utile di comunicazione e confronto, ad esempio se un insegnante di
disciplina vuole condividere interessi e progetti simili, per vari scambi di
informazioni su temi disciplinari e aspetti metodologici
Luso della chat, nella fase di realizzazione di progetti CLIL a distanza (in
collaborazione con gli studenti di altri paesi), pu essere utile per chiarire
eventuali dubbi su come realizzare un progetto, scambiarsi alcuni
materiali, concordare le idee e decisioni, confrontarsi sul risultato di alcune
ricerce sullargomento, analizzare alcuni aspetti particolari della tematica...
Per ulteriori verifiche o approfondimenti via email, o per qualsiasi altra
azione necessaria, alla fine di ogni sessione rimane memorizzato un file
con lintera discussione precedente
Lo stimolo iniziale pu essere dato dal docente che fornisce un tema di
partenza, guida la discussione e ne determina il contesto

Vantaggi nrlluso della chat (Fratter2004)


La partecipazione attiva di tutti
La chat permette a tutti di intervenire anche contemporaneamente
perch i messaggi si susseguono. Tale interazione risulta simultanea a
differenza di quella nella didattica in presenza dei discenti
Il livello di attenzione molto alto, altrimenti ci sarebbe il rischio di
perdere il filo del discorso
Si superano le difficolt di relazione
La supervisione di tutti i gruppi dallinsegnante che guida e controlla
landamento della discussione
Svantaggi:
Sono ben pochi e basta avere una certa dimestichezza con la tastiera e
una certa velocit di digitazione. Secondo Fratter, alla fine si ottiene una
lingua ibrida, una commistione tra codice verbale e codice scritto, con la
presenza del feedback immediato caratterustica di una comunicazione
bidirezionale

La videoconferenza- uno strumento che nei progetti didattici dipende molto e


in modo determinante dalla velocit con cui si trasmettono i dati audio e
video, che ancora risulta problematico, a causa della lentezza di trasmissione
e della qualit delle immagini e sopratutto dei suoni.
Ci sarebbero enormi vantaggi nel futuro sviluppo delluso di videoconferenza
perch, oltre a sentire, potremmo anche vedere i propri interlocutori
la formazione dei docenti possibile online attraverso strumenti CMC,
particolarmente alla metodologia CLIL, con i seguenti obiettivi: di utilizzare in
maniera autonoma i servizi telematici, di abituarsi a lavorare in piccoli gruppi
di lavoro on line in modo collaborativo, di realizzare cos moduli didattici
utilizzando le risorse e le tecnologie di rete
La tecnologia deve essere semplice da utilizzare, in caso contrario si perde la
spontaneit della comunicazione
Si lavora su un compito e la comunicazione parte sempre da una necessit
concreta (risponde alle esigenze reali)
Talamo (1998): le tecnologie, da sole, non determinano la qualit
dellinterazione, ma funzionano come mediatori dellinterazione

LAIUTO DI INTERNET NELLAPPRENDIMENTO


Fornendo esempi di lingua autentica, informazioni aggiornate, possibilit di
comunicazione reale, un contesto ricco e motivante
per!
Linsegnante deve prima programmare la lezione nel dettaglio, prima di usare
Internet
I passi da seguire:
Valutare attentamente il materiale in Internet
Non programmare mai unintera lezione attorno a un unico sito (avere sempre
un piano di riserva nel caso in cui la connessione dovesse perdersi)
Assicure laccesso facile a un computer a tutti gli studenti
Consegnare agli studenti un piano di lavoro dettagliato perch sappiano come
svolgere il compito
Trovare fonti che si possono scaricare/stampare e usare poi con una classe
Permettere agli student di trovare fonti da soli
Creare le proprie pagine web o che gli student se le creino da soli

CONCLUSIONI
Per poter applicare con successo tutte le innovazioni
tecnologiche in ambito didattico si dovrebbero
assicurare laccesso agli spazzi attrezzati e la
velocit di trasmissione dei dati, il che spesso risulta
difficile da realizzare
Intanto si dovrebbe cercare di insistere sulla
formazione dei docenti riguardo le competenze
telematiche e in tal modo insegnare anche gli
studenti di formarsi.

GRAZIE!
P E R L A T T E N Z I O N E