Sei sulla pagina 1di 13

MECCANICA

(descrizione del moto dei corpi)

Cinematica: studia il moto prescindendo dalle cause


che ne determinano le caratteristiche .
Dinamica: studia le relazioni tra le caratteristiche del
moto e le cause (forze) che le determinano.
Statica: studia le condizioni di equilibrio dei corpi.

Concetti di base
Punto materiale: schematizzazione di un corpo di
dimensioni trascurabili, la cui posizione pu essere
indicata localizzando un punto.
Moto di un corpo: cambiamento di posizione del corpo,
nel tempo, rispetto ad un altro corpo preso come
riferimento.
Traiettoria: insieme delle posizioni occupate dal punto
materiale nel suo moto.
Legge oraria del moto: descrive la relazione tra il
tempo e la posizione del punto in moto.
2

Moto rettilineo - Introduzione


La traiettoria una retta.
Possiamo sempre farla coincidere con lasse x.
0 = origine del sistema di riferimento
x1 = x(t1) = posizione occupata allistante t1
x2 = x(t2) = posizione occupata allistante t2
x = x2 x1 = distanza percorsa
t = t2 t1 = tempo impiegato a percorre x
x
0

x1

x2

x
3

Moto rettilineo - Velocit e accelerazione


Velocit media (vm): il rapporto x/t. Si misura in m/s.
Se, per t2 > t1 risulta x2 > x1 vm positiva.
Se, per t2 > t1 risulta x2 < x1 vm negativa.
Velocit istantanea, v: si ottiene quando t 0 (t2 t1).
v costante moto uniforme.
v non costante moto accelerato.
Accelerazione media am: il rapporto v/t. Si misura in
m/s2.
Accelerazione istantanea a: si ottiene quando t 0.
a costante moto uniformemente accelerato.
a non costante moto vario.
4

Moto rettilineo uniforme


La traiettoria una retta e la velocit costante
Spazio percorso x

v = x/t x = vt
Nel diagramma (v,t) di seguito riportato, lo spazio percorso
nel tempo t rappresentato dallarea tratteggiata.
Legge oraria del moto (x in funzione di t)
x = x2 x1 = x2 = x1 + x = x1 + vt x2 = x1 + v(t2 t1)
Assumendo t1=0, e ponendo x1= x0, possiamo eliminare il
pedice 2, e abbiamo la legge oraria del moto r.u.:
x = x0 + vt
Nel diagramma (x,t) rappresentata da una retta

Moto rettilineo uniforme - Diagrammi


Nel diagramma (v,t) la legge v = costante rappresentata
da una retta parallela allasse x. Larea tratteggiata in figura
rappresenta lo spazio percorso nel tempo t.
Nel diagramma (x,t) la legge x = x0 + vt rappresentata da
una retta la cui pendenza positiva se la velocit > 0,
negativa se v < 0 ed tanto maggiore in valore assoluto
quanto pi grande la velocit v.
v

x0

x
t

vB

vA
vA < vB
t

Moto rettilineo uniformemente accelerato


La traiettoria una retta e laccelerazione costante
a = v/t v = at v2 v1= a(t2 t1) v2 = v1 + a(t2 t1)
Per t1=0, e v1=v0, eliminiamo il pedice 2, e abbiamo:
v = v0 + at
Anche in questo caso lo spazio percorso sar dato dallarea
tratteggiata nel diagramma (v,t), pertanto, la legge oraria
del moto uniformemente accelerato :
x(t) = x0 +v0t + at2
Nel diagramma (x,t) x(t) = x0 +v0t + at2 rappresentata da
una parabola.
7

Moto rett. uniform. acc. - Diagrammi


v

v2=v

x0

v1=v0
t1=0

t2=t

Posso considerare il trapezio come la somma del rettangolo


di lati t e v0 e del triangolo rettangolo di cateti v-v0 e t. La
sua area data allora da:
Area = v0t + (v-v0)t= v0t + at2

(essendo: v-v0 =at)

x = Area tratteggiata = v0t + at2 , ma x = x - x0


x = x0+x x0 + v0t + at2

Moto di caduta libera di un corpo


Tutti i corpi, vicino alla superficie terrestre, lasciati liberi
(si trascura la resistenza dellaria), cadono lungo la
verticale con la stessa accelerazione g = 9,8 m/s2,
pertanto, la relazione tra laltezza di caduta h e il tempo t
necessario a toccare il suolo :
h = g t2

e,

t = (2h/g)

La velocit dimpatto :
v = g t = g (2h/g) = (2gh)

h = g t2

h(t)

Moto sul piano


Qualunque sia la traiettoria, sufficiente studiare il moto
rettilineo delle proiezioni del punto materiale sugli assi
coordinati, x e y.
Tuttavia istruttivo prendere in esame un altro approccio.
Se il punto materiale, nellintervallo di tempo t, passa dalla
posizione A alla posizione B, lo spostamento :
r = rB rA
dove, rA e rB sono i vettori che individuano la posizione di A e
di B rispetto ad un punto di riferimento 0.
Si definisce il vettore velocit media, vm, come:
vm = (rB rA)/t
vm ha la stessa direzione e lo stesso verso di r e modulo
10
dato dal rapporto tra il modulo di r e t.

Moto sul piano - Illustrazione


A

rA
O

r = rB- rA
rB
t1

A
B

rA
rB
O

r = rB- rA
B

t2t1

Il modulo del vettore spostamento diverso dalla


lunghezza dello spazio percorso, in particolare, se la
traiettoria chiusa (AB), lo spostamento zero, ma lo
spazio percorso diverso da zero.
E interessante, per, osservare che al diminuire di t, B si
avvicina ad A e la traiettoria tende ad identificarsi con lo
spostamento; pertanto, la velocit istantanea (che si
ottiene quando t 0) tangente alla traiettoria.
11

Moto sul piano Velocit e accelerazione


A

vA

vA

at
B

ac
vB

Se la traiettoria non rettilinea, la direzione del vettore


velocit cambia da punto a punto, pertanto si deve introdurre
unaccelerazione vettoriale, media e istantanea.
Laccelerazione istantanea pu essere scomposta in due
componenti: una parallela, laltra perpendicolare alla velocit.
La componente parallela, at, modifica il modulo della velocit.
La componente perpendicolare, ac, (o centripeta, perch
diretta verso il centro di curvatura locale della traiettoria)
modifica la direzione della velocit.
12

Moto circolare uniforme


ac

Traiettoria circolare,
costante in modulo.

velocit

Accelerazione solo centripeta di


modulo ac = v2/R = 2R
R = raggio della circonferenza
v = s/t modulo della velocit,

A s
R
B

= /t = velocit angolare
Essendo: = s/R s = R
v = R /t = ( /t) R v = R
Questo moto periodico e il
periodo T pari a:
T = 2R/v = 2/
La frequenza = 1/T

13