Sei sulla pagina 1di 29

COLONIALISMO NEL MONDO

IMPERIALISMO E COLONIALISMO
IMPERIALISMO:
politica di potenza e
di espansione su
scala mondiale,
legata alla tendenza
dei paesi pi
industrializzati a
proiettare allesterno i
propri interessi
economici, politici e
culturali.

COLONIALISMO:
aspetto della politica
imperialista che porta
alla creazione di un
legame di dipendenza
fra la madrepatria e
un altro paese volto
allassoggettamento
politico ma soprattutto
allo sfruttamento
economico.

Imperialismo e conquista coloniale


Colonialismo 500-700: compagnie commerciali
Colonialismo 1870-1914: intervento diretto di Stati e Governi
Ragioni politiche

Ragioni economiche:

mercati
materie prime

prestigio dello stato-nazione


egemonia internazionale

IMPERIALISMO
Ragioni sociali:

proiezione allesterno dei


conflitti interni
nazionalizzazione delle masse

Ragioni ideologiche
nazionalismo
razzismo

MOTIVAZIONI DI
ORDINE
ECONOMICO

Necessit di assicurarsi materie


prime
Ricerca di nuove vie di
comunicazione al riparo dalle
tariffe protezionistiche di altri stati

Sbocco alla manodopera

eccedente
Ricerca di nuovi spazi di
mercato
Necessit di investimenti di
capitali, legata alla formazione
di gruppi capitalistici che
accumulavano capitali
finanziari di grande entit

MOTIVAZIONI DI
ORDINE IDEOLOGICO

Politica di forza dei governi


Nazionalismo e razzismo
Mito delluomo bianco che ha il
compito di portare nel mondo la
civilt

Le cifre del dominio

Tra il 1914 e il
1940
30% della
superficie della
terra
1/3 della
popolazione

La penetrazione britannica in Africa


Quando nel 1869 fu aperto il canale di Suez larea
meridionale assunse per gli inglesi unimportanza
decisiva.
Nel 1875 il governo inglese riusc a gestire il canale e
pose lEgitto sotto la sua protezione
Gli inglesi avanzarono verso il Sudan dove si
scontrarono con le popolazioni mussulmane guidate dal
profeta Madhi
A Fashoda le truppe inglesi rischiarono il conflitto
armato con le truppe francesi

CONGRESSO DI BERLINO
Al congresso di
Berlino (1884-85)
vi parteciparono le
maggiori potenze
europee, compresa
lItalia. L'Africa
fu
L
suddivisa tra
Belgio,
Francia,
Germania,
Gran Bretagna,
Italia
Portogallo.

La conferenza di Berlino
15 novembre 1884 - 26 febbraio 1885

Articolo 6.

le nazioni firmatarie
proteggeranno tutte le
istituzioni religiose, scientifiche
o caritatevoli tendenti a
istruire gli indigeni e a far loro
comprendere e apprezzare i
vantaggi della civilt
I missionari cristiani, gli
scienziati, gli esploratori
saranno oggetto di speciale
protezione.

Decisioni:
libero commercio in tutto il
bacino del Congo e del Niger
impegno a vietare e
combattere la tratta degli
schiavi

Clausole per le nuove


annessioni:
Notifica alle altre potenze
firmatarie
Obbligo di assicurare
unautorit sufficiente a far
rispettare i diritti acquisiti
Accettazione della clausole del
trattato

IL CONGO

Leopoldo II, re del Belgio, aveva fatto del


Congo un suo dominio personale dietro
lapparenza di una missione umanitaria
chiamata Associazione umanitaria africana.

Lintento dichiarato di Leopoldo era quello di


portare la civilt in Congo. In realt, egli
voleva solo arricchirsi, sfruttando fino allultimo
le risorse del territorio. La stessa popolazione
indigena fu sottoposta a uno sfruttamento
brutale e selvaggio.

COLONIZZAZIONE BOERA

Boeri:discendenti degli agricoltori olandesi


del '600, colonizzatori del capo di buona
speranza
In seguito alla grande Trek (marcia)
fondarono due repubbliche:Transvaal e
Orange
Repubbliche fondate sulla schiavit degli
indigeni, calvinismo conservatore e grandi
risorse nel sottosuolo (diamanti e oro)

GUERRA ANGLO-BOERA

Per la paura di una ricolonizzazione il


presidente del Transvaal dichiar guerra
all'Inghilterra
Dopo un'accanita resistenza l'Inghilterra
ottenne le due regioni, le un con la
regione del Capo e cre lUnione
sudafricana nel 1910

I campi di concentramento inglesi


in Sud Africa

LASIA

LA QUESTIONE CINESE

Crescita costante della


penetrazione commerciale
europea
Mantenimento dellimpero
cinese ma divisione in
sfere di influenza e di
sfruttamento economico da
parte degli stati europei
Hong Kong, Canton e
Shangai sono sotto il
diretto controllo delle
potenze europee

La penetrazione commerciale in Cina


Guerre delloppio
1840-42
1956
Guerra cino-giapponese
1894

imposizione porti aperti


concessioni e appalti

La rivolta dei boxer


Reazione xenofoba
alla penetrazione economica
dellOccidente

1900:
rivolta dei boxer
contro le delegazioni straniere

Repressione della rivolta

Coalizione potenze colonialiste


[Germania, Francia, Inghilterra, Russia, Austria,
Italia, Stati Uniti e Giappone]

INDIA
BRITANNICA

1 FASE

2 FASE
1876 Regina vittoria viene
proclamata IMPERATRICE
DELLE INDIE

SFRUTTAMENTO

MODERNIZZAZZIONE
DEL PAESE

Lo sviluppo economico del Giappone

Il potere formalmente
in mano allimperatore, ma
di fatto esercitato dagli shogun
(governatori militari) della dinastia
Tokugawa.

Nella prima met dellOttocento, il Giappone un Paese chiuso al


resto del mondo. Nel 1853, gli Stati Uniti, che si stanno espandendo
nellarea delloceano Pacifico, intervengono costringendo il Giappone
ad aprirsi ai traffici internazionali.
Il potere imperiale viene restaurato, vengono introdotte riforme
politiche ed economiche e il Paese inizia il proprio sviluppo industriale.

INDIPENDENZA DELLINDIA
1947

Mahatma Gandhi
Il genere umano pu liberarsi della violenza soltanto ricorrendo alla non-violenza.
L'odio pu essere sconfitto soltanto con l'amore. Rispondendo all'odio con l'odio non
si fa altro che accrescere la grandezza e la profondit dell'odio stesso. (7 luglio 1947)

SCONTRO TRA RUSSIA E GIAPPONE


Nella seconda met dellOttocento la Russia si espande verso Oriente
fino alloceano Pacifico. Nel 1860 i russi fondano il porto mercantile di
Vladivostok sul mar del Giappone.
Nel 1894-95 il Giappone si scontro con la Cina per il possesso della
Corea, mentre cresceva la tensione con la Russia.
Lespansione
verso Oriente
porta la
Russia a
scontrarsi con
il Giappone.
La guerra del
1904-1905
vede la
vittoria del
Giappone.

1905 La domenica di
sangue

Lo zar con uno sguardo da folle e


la divisa insanguinata sulla
copertina di una rivista francese

La domenica del 22 gennaio 1905 una gran folla si radun


davanti al palazzo reale, a San Pietroburgo, chiedendo riforme
democratiche. Non fu ascoltata: la guardia imperiale fece
fuoco sul popolo disarmato, provocando un migliaio di morti e
un numero doppio di feriti.

ORIGINE ANTISEMITISMO
1879 Il tedesco WILHELM MARR
conia il neologismo

antisemitismo

per
legittimare scientificamente
lodio verso gli ebrei
La propaganda antiebraica
svilupp tre temi

ANTISEMITISMO POPULISTA:
ebreo come capitalista sfruttatore della
gente onesta. Rivoluzione antisemita come
una lotta tra emarginati e ricchi
(>DRUMONT9

ANTISEMITISMO RELIGIOSO:
ANTISEMITISMO NAZIONALISTA:
tradizionale accusa di deicidio
ebreo come cosmopolita privo di legami cospirazione ebraica anticristiana volta
alla nazione e capace di difendere solo a distruggere la Francia (>giornale francese
i propri interessi (>BARRES)
LA CROIX. propaganda antiebraica)

ANTISEMITISMO
GERMANIA:
THEODOR FRITSCH

AUSTRIA-UNGHERIA
KARL LUEGER
POGROM RUSSI

AFFARE DREYFUS
DREYFUSARDI

ANTIDREYFUSARDI

1894

Affare Dreyfus

in Francia. ALFRED DREYFUS,


ufficiale dellesercito francese, dorigine ebraica,
accusato dalto tradimento. Ci susciter lodio antisemita in
Francia. Dreyfus sar riabilitato in seguito
poich laccusa
era falsa.

DREYFUSARDI &
ANTIDREYFUSARDI
Si crearono e scontrarono, nell'arco di due
decenni, due campi profondamente opposti: i
"dreyfusardi", che difendevano l'innocenza di
Dreyfus, e gli "antidreyfusardi", partigiani della
sua colpevolezza.

Theodor Herzl
giornalista e
fondatore del
movimento
politico del
sionismo nel
1897.

EDOUARD DRUMONT

EMILE ZOLA

Stragi di ebrei in Russia:


i Pogrom.