Sei sulla pagina 1di 18

Introduzione

alla
filosofia del linguaggio
p. Gaetano Piccolo sj

P. Ricouer E. Jungel, Dire


Dio. Per unermeneutica del
linguaggio religioso, G.
Grampa (ed.), Queriniana,
Brescia 20054.
Abitare la questione

Il linguaggio ci interessa per esempio


per la questione dellinterpretazione
Teoria dellinterpretazione di Ricoeur:
Lesperienza umana dotata di senso.
Interpretazione: soggetto realt.
Punto di vista finito
sulla totalit

conflitto

Tra le forme del discorso


Il MITO
Come il simbolo, si offre a noi per farci pensare.
Il mito non si oppone al logos.

Temi come il male e


la colpa richiedono
un linguaggio
metaforico

P. Ricoeur (1913-2005)
Dalla fenomenologia (e
dallesistenzialismo) alla
filosofia del linguaggio

Ricoeur: lermeneutica non solo ricerca di significati


celati, ma teoria del discorso e del testo.

Ricoeur

Bultmann

Far parlare il testo della

Parola di Dio.
Rimane il valore

oggettivo del testo.


necessario passare

attraverso il senso
oggettivamente presente
nel testo.

Far parlare il testo della

Parola di Dio.
Rifiuta loggettivit degli

eventi soterici.

Confronto con lo Strutturalismo


Lo strutturalismo interpreta lintera realt come sistema

di segni.

Cf Ferdinand De Saussure (1857-1913)


Privilegiare la langue rispetto alla parole.
Lanalisi linguistica si costituisce in sistema e viene

separata dallatto del dire.

Prospettiva sincronica.
Nella lingua esistono solo differenze.
N referenza, n soggetto.

Ricouer
La semiologia deve lasciare il posto alla semantica.
Cf Frege, Sinn und Bedeutung.

Il linguaggio non riducibile a funzione logica (cf

Wittgenstein e Austin).

Il problema del linguaggio va affrontato con una teoria

poetica o del linguaggio simbolico.

Al centro di questa teoria c la


metafora
La metafora viva.
Non pi solo un abbellimento, ma una funzione

euristica.

Definizione: La metafora la figura retorica che

consente di sostituire un termine figurato a un termine


letterale, in forza di un rapporto di similitudine.

La metafora non appartiene alla parola, ma alla frase.


un fenomeno di predicazione.

Solo gli enunciati possono essere metaforici

Funzione della metafora


Creare un senso nuovo, mediante un non senso.
Trasformare unaffermazione contraddittoria in una

contraddizione significativa.

La metafora creativa, poietica.


Ridescrive la realt, creando qualcosa di nuovo,

producendo nuovi campi semantici.

Intermezzo: Posizione e funzione della


metafora nel linguaggio biblico.
La metafora non esiste in se stessa, ma solo allinterno

dellinterpretazione.

Linterpretazione metaforica presuppone

linterpretazione letterale che distrugge se stessa.


Linterpretazione metaforica consiste nel trasformare
una contraddizione assurda in una contraddizione ricca
di senso.

Questa trasformazione sottopone la parola ad una

specie di torsione. Costringiamo la parola ad acquisire


un nuovo significato.

Ritorno alla descrizione generale della


teoria del linguaggio di Ricoeur
Il linguaggio metaforico determina un modo diverso di mettersi in

relazione alla realt. Cf Creativity in Language.

Quando Ricoeur parla di poesia non intende il parlare in versi, ma

la poisis, cio lesperienza di essere creati attraverso il


linguaggio.

Il linguaggio poetico non senza referenza.


Mondo: non comprende solo le referenze descrittive e ostensive,

ma anche quelle proprie della poetica. lorizzonte di tutte le


mie interrogazioni davanti alla realt.

Primo saggio: Ermeneutica filosofica


ed ermeneutica teologica.
La metafora viva (1975) segna il passaggio di Ricoeur

alla filosofia del linguaggio.

Nozione centrale: il testo.


quindi il rapporto tra lessere-testo del discorso e

larte di interpretare che sar oggetto della mia ricerca.


Ci che propongo non , propriamente parlando, una
ermeneutica del testo, ma una ermeneutica a partire
dalla problematica del testo.

1. Dalla parola alla scrittura


Cosa avviene quando si passa dal discorso alla

scrittura?

Il discorso un atto, un evento.


Il discorso si connette allatto di un soggetto che si

esprime in esso e nel contempo si comunica ad un altro.

La struttura del discorso la frase. Essa si fonda su

ununica operazione, la predicazione.

Enigma del discorso: struttura atto oggetto /

enunciazione ed enunciato / discorso e contenuto


proposizionale.

Il passaggio alla scrittura


Non solo fissazione, come potrebbe apparire.
Innanzitutto la scrittura rende il testo autonomo nei confronti

dellintenzione dellautore. Ci che il testo significa non coincide pi


con ci che lautore ha voluto dire. [autonomia semantica]

Lautonomia del testo serve a sottrarlo allorizzonte intenzionale

finito del suo autore. In altre parole, grazie alla scrittura, il mondo
del testo pu far esplodere il mondo dellautore.

In un nuovo contesto socio-culturale, il testo viene

ricontestualizzato, dopo essere stato decontestualizzato. Cf il


leggere.

Differenza tra interlocutore del dialogo e pubblico che riceve un

testo scritto. Manca la situazione dialogica.

Autonomia del testo


La scrittura determina lemancipazione del testo scritto

nei confronti della situazione dialogica.

Lautonomia del testo costitutiva del fenomeno del

testo come scrittura ed la condizione


dellinterpretazione.

2. La struttura dellopera
Un testo un discorso scritto in forma di unopera.
Per opera si intende:

Una sequenza pi lunga della frase;


Implica una codificazione (genere

letterario);
Richiede uno stile.
A mio avviso, lermeneutica resta larte di discernere il

discorso nellopera.

3. Il mondo dellopera
Con la scrittura la situazione comune, che presente

nel discorso orale, viene meno. Viene meno la referenza


ostensiva propria del discorso orale.

Emerge una referenza di secondo livello.


Non andiamo a cercare quello che sta dietro al testo,

ma esplicitiamo quello che sta davanti al testo: chi


sono io che sto davanti a questo testo?

4. Comprendersi davanti allopera


Il testo una mediazione attraverso la quale noi

comprendiamo noi stessi.

Emerge la soggettivit del lettore.


Il lettore si appropria di quello che il testo gli rivela.