Sei sulla pagina 1di 15

?

 

   
  
    

   :
Mario Bertini
Mariapia Gagliardi
Valeria Grillo
  

a diari su cui abbiamo potuto ragionare:


 riguardano solo il primo incontro
 il numero di Diari compilati dai tre ordini di scuola non
corrisponde a tutti coloro che hanno frequentato il Corso;
 sono emersi comunque dati interessanti che ci hanno
permesso di cogliere il senso che può avere per
entrambe le componenti di un processo di formazione lo
strumento proposto
É

 

S  


  



  
a ricerca- azione è un tipo di ricerca che
sintetizza due momenti fondamentali:
 il momento teorico di studio, analisi,
osservazione, conoscenza della realtà
 il momento pratico di intervento, cambiamento
della stessa (realtà) secondo un processo
integrato e dinamico.
  

 útrumento soggettivo ed operativo /esplorativo e


conoscitivo

 ³Un racconto    eseguito su basi regolari su un


preciso argomento d¶interesse´
(Kemmis & McTaggart 1982)

 ³Un racconto in un¶agenda    in prima persona


di un¶esperienza d¶apprendimento o insegnamento
documentato attraverso annotazioni regolari e schiette e
poi analizzate per µpattern¶ ricorrenti o avvenimenti
salienti.´
(Nunan 1989)
    
    !

útrumento d¶  

che si basa -per la sua redazione- su fatti e


avvenimenti della classe/scuola,
che permette di esplorare le sfaccettature di un
argomento, di scoprire aspetti non visti o
conosciuti, quindi non prevedibili,
che può rappresentare il punto di partenza di una
ricerca, ma anche un modo per far emergere
aspetti da esplorare successivamente attraverso
altri strumenti
  "
 

a sottolineatura della soggettività nelle diverse definizioni:


³strumento d¶introspezione´, ³racconto personale´, ³un¶agenda
personale in prima persona´, sembra rendere il diario di bordo
strumento ideale per far emergere gli atteggiamenti e le
opinioni soggettive che si sperimentano in situazioni nuove.
úono aspetti che non è possibile rilevare attraverso
un¶osservazione esterna: vedi atteggiamenti, difficoltà vissute
e sperimentate dagli allievi verso certi tipi di attività o
proposte, difficoltà incontrate da parte dell¶insegnante
nell¶attuazione di una nuove tecnica didattica ecc.
(condivisione e co-costruzione per monitorare e raggiungere un
obiettivo comune)
  

útrumento che richiede la massima attenzione


     tempo da dedicare,
accordo fra le parti, durata della ricerca, scadenza
temporale della compilazione (quando e per quanto
tempo fare le annotazioni)

         


: da
soli o con il collega? Per ottenere una  dei
contenuti    prevedere due fasi: una privata e
una pubblica
 
   

 Comprensione e riflessione sul mandato


 Obiettivi del progetto a CARE
 Dalla correzione alla promozione delle
competenze
 Chi sono i protagonisti dell¶inclusione
(studenti,insegnanti,organizzazione famiglia)
 útrategie per realizzare l¶inclusione
 Ruolo fondamentale delle emozioni

   
É

 <  
          

             
           
       
              
        

 
           
    
           
      
à  É

 ?    


   
  
         
           
        
      

  !     


 " 

    #  "


 
  
        #
 < !     $%    

                
            
       
 &    
 
    
 



        


  
  '(    
     '(  
        
 )       
        "  
  

 #
            
              
          
      
 
      
        
Chi sono i protagonisti dell¶inclusione
(studenti,insegnanti,famiglia, organizzazione scolastica)

+          


          
                
      *

     *
-             
    
 +,     
             

 
        

 
  
      --
ú       # 

À , 
        
    
  
À       
  
         
  
À .           
 !      
À /

            


         
  
       
         
    +
É  
  


?

 


’  
            
( (           
     " #
’            
      "
#
’
              
   

    "  


# 
       "  #

0 
   '  (              
       
=  #    #   
   
 $

³Questo articolo avanza la tesi secondo la quale, se si vuole


pervenire a delle strategie di Educazione per tutti (EPT) più
inclusive, è indispensabile, parlando di educazione, avere
concetti e linguaggi comuni e condivisi.
Non è necessaria alcuna tecnica nuova, si tratta piuttosto di
collaborare all¶interno e fra le scuole, di stabilire delle relazioni
più dirette fra le scuole e le comunità, di costituire delle reti fra
contesti diversi, di raccogliere e utilizzare dati contestuali e
pertinenti.´

% ú % 
?Éú?&=ú'()
É 
   
 
= ***=  ' 
 +,,-