Sei sulla pagina 1di 32

La Riforma protestante

Due premesse
La Riforma protestante un fatto religioso,
tuttavia ebbe conseguenze rilevanti sul
piano politico e culturale: va in pezzi
lunit della christianitas medioevale.
Non la prima volta che si parla di
riforma nella Chiesa: questa volta, pi
che ripristinare la forma originaria si d
origine ad una nuova realt.

Qual la causa?
Alle origini della Riforma c lopera di un
singolo, il monaco Martin Lutero (14831546).
Ma c anche la particolare situazione
creatasi allinterno della cristianit allinizio
dellet moderna;
non una causa, ma diversi fattori:
religiosi, politici, economici e sociali.

Fattori impersonali
Sensibilit religiosa cupa e pessimistica.
Corruzione del clero (alto e basso).
Fiscalismo ecclesiastico.
Tendenza del potere laico a controllare la
Chiesa.
Tendenze autonomistiche dei principi
tedeschi.
Disordini sociali.

Punizioni
infernali
(stampa del
1496)

Martin Luther
Nato ad Eisleben
(Turingia) nel 1483.
Dominato da terrore
della giustizia divina
si fa monaco.
Conosce la
corruzione della
Chiesa ma non se ne
scandalizza.

La polemica sulle indulgenze


Nel 1517, per ottenere il suo terzo
beneficio, Alberto di Hohenzollern
doveva 23.000 ducati alla curia romana.
I Fugger (i banchieri di Carlo V)
anticiparono la somma.
Il papa permise ad Alberto di destinare al
pagamento del debito met delle offerte
raccolte attraverso le indulgenze per
ricostruire S.Pietro, promosse Giulio II.

Le indulgenze: uso e abuso


Lindulgenza la remissione della pena
(non della colpa) meritata dalluomo per i
suoi peccati
concessa in speciali occasioni, a coloro
che compiono atti di penitenza e di piet.
Lopera buona, allepoca, si traduceva
spesso in unofferta in denaro, il che
offriva alla curia romana un buon
espediente per accrescere le entrate.

Caricatura di Johannes Tetzel, il


predicatore delle indulgenze
incaricato da Alberto. Il testo dice:
Sobald der Glden im Becken klingt,
im huy die Seel in Himmel springt.:
Appena il soldo risuona nella
cassetta l'anima vola in Paradiso.

Le 95 tesi
Lutero non sa nulla degli scandalosi
accordi tra Alberto e la curia, ma si
accorge degli effetti negativi della vendita
delle indulgenze sui suoi fedeli.
Scrive ad Alberto per far cessare lo
scandalo e si dichiara disposto a confutare
linsegnamento di Tetzel proponendo alla
discussione dei teologi 95 tesi sulle
indulgenze.

E propagata nel paese, sotto la protezione del tuo


illustrissimo titolo, lindulgenza papale per la fabbrica
di S.Pietro. Al riguardo io [] ardo di dolore per le
falsissime interpretazioni che ne derivano tra il
popolo, diffuse ovunque. Infatti le infelici anime
credono evidentemente di esser sicure della
propria salvezza non appena abbiano
acquistato una lettere di indulgenza; e inoltre
che le anime del purgatorio se ne partono non
appena essi abbiano messo il denaro del riscatto
nella cassetta. Inoltre che al grazia dellindulgenza
cos potente che (come dicono) anche nel caso
impossibile che uno violentasse la Madre di Dio,
potrebbe esserne perdonato. Infine che con questa
indulgenza luomo si libera da ogni pena e colpa.
Lutero, Lettera ad Alberto di Hohenzollern

Il successo delle tesi


Per la tradizione, Lutero avrebbe affisso,
in modo provocatorio, le sue tesi sulla
porta di una chiesa di Wittemberg. (31
ottobre 1517).
In realt egli si rivolgeva ai teologi.
Le tesi furono per tradotte e stampate,
incontrando la simpatia di coloro, nobili e
non, che erano in polemica con la
corruzione e il fiscalismo romano.

LXXXVI. Ancora: perch il papa le cui


ricchezze oggi sono pi opulente di
quelle degli opulentissimi Crassi,
non costruisce una sola basilica di S.
Pietro con i propri soldi invece che
con quelli dei poveri fedeli?

Lutero, Le 95 tesi

Federico il Savio, Duca di Sassonia

La ribellione
Lutero denuciato a Roma, ma gode della
protezione di Federico il Savio, elettore di
Sassonia, e non si procede contro di lui.
Egli viene tuttavia riconosciuto eretico; ci
lo spinge a rifiutare lautorit della
Chiesa,
e a maturare una propria visione, basata
su due caposaldi:

Sola fide
In base al principio di giustificazione
per sola fede, Lutero contesta il ruolo
delle opere per la salvezza:
Dopo il peccato originale lumanit
peccatrice e destinata alla dannazione.
Dio, nella sua misericordia, salva alcuni non
considerando il loro peccato e donando loro la
fede, senza alcun merito.
Luomo resta incapace di fare il bene, il
redento simul iustus et peccator.

Sola Scriptura
Per Lutero solo la Bibbia vincolante
per il cristiano, che pu leggerla senza
bisogno della guida della Chiesa (libero
esame).
Egli non difende il relativismo delle
interpretazioni. Il cristiano pu scoprire
lunico vero significato della Scrittura
attraverso una diretta ispirazione divina.

Gli scritti riformatori


La dottrina di Lutero si approfondisce in
successivi scritti (1520-25), nei quali:
contesta la separazione clero-laici,
sostenendo il sacerdozio universale (ogni
credente sacerdote di se stesso);
rifiuta i sacramenti cattolici salvo il Battesimo
e lEucarestia (senza transustanziazione);
nega, contro Erasmo da Rotterdam, che
esista un libero arbitrio dopo il peccato
originale.

Le condanne
Nel 1520 fu scomunicato da Leone X.
Lutero bruci la bolla in piazza a
Wittenberg.
I principi che lo sostenevano, gli ottennero
la possibilit di discolparsi davanti a Carlo
V (Dieta di Worms, 1521).
Lutero per non ritratt nulla e fu messo al
bando. Il duca di Sassonia lo nascose
nel suo castello di Wartburg.

Hier stehe ich. Ich kann nicht


anders! Gott helfe mir, Amen!

Se non sar convinto mediante


testimonianze della Scrittura e chiare
motivazioni razionali, poich non credo n
al papa n ai concili [] non posso n
voglio ritrattarmi poich non sicuro n
salutare agire contro la propria
coscienza.

La ribellione dilaga
Nonostante la condanna, la polemica
antiromana si scatena: si riforma il culto,
si scardina la gerarchica ecclesiastica, si
mette in discussione lordine sociale.
Lutero interviene contro gli eccessi
appellandosi allautorit principi:
il cristiano libero nel mondo interiore, ma
in quello esteriore del tutto sottoposto
allautorit politica che voluta da Dio.

Chiunque sia un sedizioso messo al


bando da Dio e dallimperatore, cosicch
chi per primo voglia ucciderlo agisce molto
rettamente []. Per la qual cosa, cari signori,
liberate, salvate, aiutate e abbiate
misericordia della povera gente; ma ferisca
scanni strangoli chi lo pu; e se ci
facendo troverai la morte, te felice, morte
pi beata giammai potresti incontrare, perch
muori in obbedienza alla parola di Dio ed al
servizio della carit per salvare il prossimo
tuo dallinferno e dai lacci del demonio.
Lutero, Contro le bande brigantesche e assassine dei
contadini

carta

Una Riforma dallalto


Latteggiamento moderato di Lutero che
affida la riforma al potere laico, ne spiega il
successo tra i principi.
I sovrani possono liberarsi da ogni legame
con Roma e incamerare beni e entrate
ecclesiastici.
Dal nord-est della Germania, la Riforma si
diffonde in Danimarca, Norvegia e
Svezia.

Il caso inglese
Enrico VIII (1509-47), re di Inghilterra,
difende il cattolicesimo contro Lutero.
Nel 1527 entra per in contrasto con papa
Clemente VII che rifiuta lannullamento
del matrimonio con Caterina dAragona.
Il re lo ottiene dal clero inglese (1531) e
nel 1534, con lAtto di supremazia, il
Parlamento lo proclama unico capo della
chiesa di Inghilterra.

Enrico VIII
ritratto da Holbein
il Giovane
nel 1540

Thomas
More,
cancelliere di
Enrico, si oppone
allo scisma ed
messo a morte
insieme al
vescovo John
Fisher nel 1535

La Chiesa anglicana
Enrico si limita ad assumere il controllo
della chiesa e dei suoi beni, senza
modificarne il credo.
Solo sotto il successore, Edoardo VI
(1547-1553) re a 10 anni, i suoi tutori
introducono concezioni riformate (Book
of the common prayer, 1549-52).
Con Maria Tudor (1553-1558) si tenter
un ripristino del cattolicesimo.

Lutero e la moglie, Katharina von Bora, nel 1529

Oltre Lutero
Lutero, che morir nel 1546, ormai uscito
di scena.
Trascorre i suoi ultimi anni in famiglia (ebbe
6 figli), ultimando la traduzione della
Bibbia in tedesco,
circondato da amici e ammiratori che ne
annoteranno persino le conversazioni a
tavola ( Tischreden) pubblicate postume.