Sei sulla pagina 1di 15

I. S. S. "G.

GALILEI"
a.s.2011/2012
Davide Galavotti
Tecnologia solare termodinamico

Indice
- intro (2)
- cenni storici(3-6)
- la centrale di priolo(7)
- specchi parabolici(8)
- sistema accumulo calore(9)
- turbina/alternatore(10-11)
- trasformatore(12-13)
- fonti(14)

Intro
Sin dalla crisi petrolifera degli anni 70, i paesi piu
industrializzati hanno ricercato fonti di energia durature e a
buon prezzo che potessero sostituirsi al petrolio, troppo
legato alla speculazione e concentrato in poche aree
politicamente instabili.
Oltre al potenziamento delle tradizionali fonti di energia
utilizzate fino ad allora (carbone, idroelettrico e gas in
particolare) furono introdotte nuove tecnologie per lo
sfruttamento di risorse poco o per nulla utilizziate fino ad
allora quali nucleare (fissione), geotermico,eolico,maree e
solare, sia termico che fotovoltaico.

Cenni storici
Il primo utilizzo della radiazione solare per scopi
non agricoli si rifa alla leggenda di Archimede
degli specchi ustori, attraverso i quali, nel 212 a.c
Archimede incendio le navi nemiche
sconfiggendo cosi i romani a Siracusa.

Cenni storici
Lutilizzo in senso moderno della tecnologia solare si ha invece
a partire dalla fine dell ottocento con la realizzazione di un
sistema per la produzione di vapore in Egitto nel 1914

Dagli anni 60-70 del XX secolo secolo


USA,URSS,Francia e Italia costruiscono
le prime centrali a torre..
4

Cenni storici
In Italia,il professor Giovanni Francia
e con lui altri studiosi, realizzano
negli anni 60 i primi prototipi
dimostrativi di questi impianti:la loro
ricerca e orientata sulle centrali a
torre e sui collettori lineari Fresnel,
entrambi oggi in sviluppo su scala
industriale
5

Cenni storici
gi alla fine degli anni '70, con la
partecipazione alla costruzione della
Plataforma Solar de Almeria in Spagna e
con la realizzazione dell'impianto
sperimentale Eurelios di Adrano in
Sicilia(1981), lItalia e uno dei primi paesi
interessati
tecnologia
Chiusa nel alla
1987,
ricerca etermodinamica.
sperimentazione si
spostano in California dove,dagli anni 80 sono
stati costruiti e sono tuttora operativi numerosi
impianti termodinamici oltre che fotovoltaici

La centrale di Priolo

Nel 2010, un ambizioso progetto dellEnel,viene inaugurato a Priolo in Sicilia con il


nome di Archimede:si tratta di una sperimentazione che accoppia un generatore solare (5
MW) ad una tradizionale centrale turbogas a ciclo combinato(760 MW).Esso sfrutta
specchi parabolici (lineari) per concentrare lenergia solare lungo una tubazione, posta
nel fuoco della parabola dove scorre una miscela di sali fusi che,dopo essersi riscaldata
viene stoccata in una cisterna calda(550C)in attesa di trasferire lenergia termica
allacqua tramite uno scambiatore di calore. Dopo il passaggio nello scambiatore di
calore,raffreddandosi ad una temperatura di 290C i sali vengono stoccati in una cisterna
fredda prima di essere inviati nuovamente agli specchi dove si riscalderanno
nuovamente a 550C.
Una volta acquisita lenergia termica opportuna grazie allo scambiatore di calore, lacqua
allo stato di vapore ad alta pressione mette in rotazione una turbina che, accoppiata ad un
alternatore genera corrente alternata, il cui voltaggio verra notevolmente elevato per
ridurne le perdite tramite effetto joule durante il trasporto.

Specchi parabolici
Sfruttando le propriet riflettenti della generica parabola di equazione
(Y=ax2+bx+c), i raggi di sole supposti paralleli tra di loro e perpendicolari
alla direttrice vengono convogliati a livello ideale nel fuoco di coordinate
F (-b ; 1- )
2a
4a
dove, nel caso pratico e posta la conduttura che, tramite i sali fusi,
raccoglie e trasporta il calore nel serbatoio caldo.
Raggi solari

conduttura

Sistema accumulo calore


In collaborazione con ENEA, il professor Carlo Rubbia,
premio nobel per la fisica 1984, direttore di CERN e
ENEA (i piu famosi) propone un sistema di accumulo
dellenergia termica basato su sali fusi (60% nitrato di
sodio, 40% nitrato di potassio ) invece che olio
diatermico (utilizzato in California). I sali, raggiungendo
temperature di esercizio piu elevate, aumentano il
rendimento globale dell impianto.
Lelevato calore specifico dei
sali, permette di accumulare energia
sufficiente da sfruttare il calore
accumulato anche di notte o
nei giorni con poca insolazione,
eliminando cosi il problema
della discontinuita della
radiazione solare, limite
principale di questa
tecnologia fino a qualche
anno fa

Turbina/alternatore
Una volta riscaldata lacqua (per mezzo dello
scambiatore di calore),essa viene convogliata
alla turbina,
la quale ,messa in rotazione dalla pressione del
vapore, fornisce lenergia meccanica
necessaria all alternatore che produce
corrente elettrica.Nella sua forma piu
semplice, un alternatore e composto da una
spira metallica che ruota in un campo
magnetico uniforme.Ciascun estremo della
spira termina con un anello metallico che
striscia contro una spazzola metallica o di
carbone a cui e collegato il circuito esterno.

10

Turbina/alternatore
Principio di funzionamento
Dalla legge di Faraday-Neumann-Lenz deriva che: in una spira metallica in rotazione
immersa in un campo magnetico sempre perpendicolare allasse della spira,viene a
crearsi una differenza di potenziale pari a: Fem=-(B)
t
,dove (B)=B*Acos (spira) e t=tempo di variazione dellarea;
in questo caso, dato che la spira ruota ci saranno variazioni del flusso magnetico che
attraversa la spira e quindi viene a crearsi una fem,cioe una differenza di potenziale con
andamento sinusoidale con relazione fem(t)=*A*B*sin(*t),
dove e la velocita angolare della spira e il prodotto *A*B e E 0.
Asse
spira

La potenza rilasciata dal generatore


eP=I0* E0 essendo I0 e E0 dipendenti dal
tempo e in fase, il grafico che ne
rappresenta la funzione ha come valore
medio 0; per utilita si prende in esame
il valore quadratico medio, che risulta
essere la meta del valore massimo.cosi
facendo otteniamo i valori efficaci:in
Italia essendo la tensione efficace di
220V quella massima e 220* 2
=310V(grafico).
11

Trasformatore

il trasformatore e un dispositivo che permette di


aumentare o diminuire la tensione alternata. Esso e Nucleo ferro magnetico
costituito da un nucleo di materiale ferro-magnetico
sul quale sono avvolte due bobine, una primaria
(Np) e una secondaria(Ns).
La corrente alternata nella bobina primaria genera
un campo magnetico variabile nel nucleo di ferro,il
quale amplifica il campo magnetico e ne convoglia
le linee di forza attraverso la bobina
secondaria.Poiche il campo magnetico varia nel
tempo,nella bobina secondaria si crea una fem
indotta per mutua induzione. Fems=-Ns*(B)

Simbolo circuitale

12

Trasformatore
Il trasformatore ha il compito di elevare il voltaggio da 6.000(valore
indicativo) a 220.000 volt .
Secondo le leggi V=R*I e P=V*I ,la potenza dissipata in calore per effetto
joule da una linea di trasporto e: P=R*I2,. Poiche la resistenza del
conduttore e proporzionale alla sua lunghezza, per diminuirne la perdita
possiamo o diminuirne la resistenza (cambiando il materiale
conduttore),oppure diminuendo lintensita della corrente; ma dato che nel
trasformatore la potenza in entrata e uguale alla potenza in uscita,per la
legge P=V*I,se diminuiamo lintensita della corrente,per mantenere la
stessa potenza dobbiamo elevare il voltaggio.

13

FONTI
http://www.siciland.com/Leggenda_degli_Specchi_Ustori-10-a.html
(PAG 3)
http://www.enel.it/it-IT/media_investor/comunicati/release.aspx?id
doc=1634857(PAG
3)
http://www.solarthermalpower.it/(PAG 4-5)
http://www.ecoblog.it/post/10865/priolo-la-centrale-solare-termodin
amica-a-concentrazione-archimede-vede-la-luce-anche-se-in-versioneridotta(PAG
7)
,(
http://www.educational.rai.it/corsiformazione/multimediascuo
la/esperienze/mito_macchina_movimento/ceccano/lemacchine/cel
e.htm
)(PAG 13)
RESTO :LIBRO O WIKIPEDIA