Sei sulla pagina 1di 12

Modelli della Comunicazione La comunicazione Musicale

Michele Giacobazzi 20-06-07

LA COMUNICAZIONE MUSICALE
I modelli della comunicazione e la musica

Parlare di musica come ballare di architettura. (Frank Zappa)


Se, come quasi sempre accade, la musica sembra esprimere qualcosa, questa
soltanto un'illusione. (Igor Stravinskij)
La mia musica compresa meglio da bambini e animali. (Igor Stravinskij)
Dove le parole finiscono, inizia la musica. (Heinrich Heine)

Per una semiologia della musica: Nattiez e il modello Molino


Il modello Nattiez-Molino

Forme simboliche:
Le forme dellespressione umana (tra cui la musica) sono
definibili come forme simboliche (quindi oggetto di semiologia)
se vi si riconoscono 3 dimensioni:
Processo poietico: insieme di strategie grazie alle quali alla
fine dellatto creativo esiste qualcosa che prima non esisteva
Processo estesico: insieme di strategie messe in atto dalla
percezione del prodotto dellattivit poietica
Livello neutro: un oggetto materiale, una traccia sulla carta
dellopera.
Analisi poietica

Compositore

Analisi del
livello neutro

Analisi estesica

Opera
Analisi tripartita delle forme simboliche

Ascoltatore

Ma questo non il code model?


Schema code Model

mittente

ricevente

contenuto

contenuto

codifica

codice

decodifica

canale
messaggio

messaggio
rumore

Il code model, come presentato a lezione

No, non il code Model!


Dal code model al modello Nattiez

compositore

ascoltatore

contenuto

contenuto

codifica

codice

decodifica

canale
opera

opera
rumore

Lo schema del code model adattato alla tripartizione di Nattiez

Cosa cambia?
Differenze con il code model

Secondo Nattiez:

La dimensione estesica un processo attivo di costruzione, non


una semplice decodifica. Non esiste un codice comune preciso
tra compositore e ascoltatore
Lemittente attribuisce interpretanti allopera, e il destinatario
ne proietta altri in fase di fruizione
Si pu parlare di comunicazione solo quando coincidono, ma
un caso eccezionale, non certo la norma
La comunicazione musicale avvenuta solo nei 50 anni
dellet classica (Mozart e Beethoven), dove abbiamo equilibrio
tra compositore e uditore
La tripartizione si applica a qualsiasi tipo di opera
dellingegno, quindi anche al discorso sulla musica
Poietica

Discorso

Estesica

Compositore

Opera

Ascoltatore

Il discorso sulla musica secondo Nattiez

Un altro modello: Campbell e Heller

Code Model esteso per la musica:

Campbell & Heller 1981

La trasmissione di informazioni da un componente allaltro avviene


tramite condivisione di codici
Lo stimolo sonoro considerato nei suoi aspetti di interazione con
lambiente, mettendone in risalto gli aspetti comunicativi
La costruzione del significato della musica maturata allinterno di un
ambiente comune, nel quale il contesto rappresenta il settore di sviluppo
delle esperienze e fornisce gli orientamenti per la decodifica del segnale
Le interpretazioni e le rappresentazioni sono possibili in relazione
allacquisizione e alla condivisione di convenzioni culturali elaborate
allinterno della societ
Il codice che rende la musica trasmissibile alle altre persone e collega
lesecutore al compositore la notazione musicale

Codici

Regole implicite e
esplicite della
notazione

Esecutore

Compositore
Canali

Convenzioni
socio/culturali
implicite

Notazione

Ascoltatore
Medium
acustico

Schema del modello Campbell & Heller

Quale modello migliore?


Confronto tra i due modelli

Campbell e Heller:
Modello specifico per la musica
Introducono la figura dellesecutore e lidea di musica
suonata. Lo spartito solo una parte del modello
Introducono due codici che in effetti hanno la loro
importanza in musica (notazione e convenzioni socio/culturali)

Nattiez e Molino:

Modificano correttamente la direzione della freccia:


lascoltatore che va verso il messaggio musicale proiettandovi
un significato
Manca la figura dellesecutore e lopera vista come cartacea

In conclusione:
Entrambi i modelli possono essere utili per analizzare e
studiare la musica. Pu essere utile provare a integrarne le
specificit in un modello unico.

Un modello riassuntivo: Nattiez + Molino + Campbell + Heller


Integrazione dei modelli

Compositore

Opera
(partitura)

Regole implicite e
esplicite della
notazione

Convenzioni
socio/culturali
implicite

Ascoltatore

Opera
(suoni)

Esecutore

notazione

medium acustico
Modello integrato

Alcuni casi particolari: musiche da leggere


Casi particolari 1

Dieter Schnebel: Muzik Zum Lesen

Partiture non destinate allascolto o allesecuzione ma alla lettura.

Compositore

Regole implicite e
esplicite della
notazione
Convenzioni
socio/culturali
implicite

Opera
(partitura)

notazione
Modello adattato alle musiche da leggere
Non esiste esecutore
Il canale solo la notazione
Molto vicino al modello di Nattiez
Il fruitore deve conoscere la notazione musicale
Il fruitore deve avere esperienza pregressa di ascolto

Fruitore

Il compositore esecutore
Casi particolari 3

Un compositore pu eseguire in prima persona le proprie opere


Possiamo presumere che le interpreti correttamente?
Nel tempo potrebbe sviluppare diverse sensibilit, e interpretare in modo diverso le
scelte fatte in passato?

Compositore

Opera
(partitura)

Regole implicite e
esplicite della
notazione

Convenzioni
socio/culturali
implicite

Ascoltatore

Opera
(suoni)

Compositore

notazione

medium acustico

Modello adattato al compositore esecutore


Il modello rimane immutato: il compositore utilizza comunque la partitura della
propria opera
La versione sonora che arriva allascoltatore sar sicuramente pi vicina alle
intenzioni del compositore

Il jazz e limprovvisazione
Casi particolari 3

Spesso non c una partitura vera e propria, ma un tema portante e una sequenza
di accordi
Gran parte dellesecuzione non prevedibile a priori, ma viene creata al momento
Pi persone possono creare lopera contemporaneamente

Compositore /
esecutore
Compositore /
esecutore

Convenzioni
socio/culturali
implicite

Opera
(suoni)

Ascoltatore

Compositore /
esecutore

Medium acustico
Modello adattato allimprovvisazione: trio suona senza partitura
Ogni esecutore anche ascoltatore e compositore, in quanto si basa su quello che
stanno suonando gli altri e contribuisce alla creazione dellopera.

Approfondimenti
Alcuni possibili temi

Il concetto di opera:
Lopera la partitura o la sua esecuzione?
Esecuzioni diverse portano a opere diverse?
Le opere si modificano nel tempo?

Il codice musicale:
Studio dei diversi codici di rappresentazione musicale
Quanto dellopera rappresentabile dal codice?
Quale codice rappresenta meglio lopera?

La teoria della ricezione:


Solo chi fruisce pu garantire leffettiva esistenza dellopera
musicale: le opere esistono solo se eseguite e fruite
Studio della musica tramite lo studio della storia della ricezione
(dimensione estesica)
Riferimento a gruppi sociali con tratti comuni per quanto
riguarda la ricezione
Distinzione percezione - ricezione

Potrebbero piacerti anche