Sei sulla pagina 1di 63

I.C.

Comprensivo
Rivarolo
1aM
G.D.

ILIADE
Poema epico (classico) che narra le
ultime vicende di Ilio (nome antico
della citt di Troia).

Scritta da Omero, un aedo, forse


cieco nato nella Troade
presumibilmente intorno all' VIII-IX
secolo.

LEGGENDA O
REALTA'
?
Nel XIX secolo lo studioso tedesco H.

Schliemann ha riportato alla luce i resti


della citt di Troia, con ancora i segni
degli incendi e della devastazione,
dimostrando che gli eventi narrati hanno
tratto origine da fatti realmente
accaduti.

L'abilit di Omero e le sue invenzioni


fantastiche si sono sovrapposte a un
nucleo di episodi storicamente accertati.

LA REALTA'
STORICA
Una guerra economica

trasformata dai poeti in storia


d'amore

I FATTI
Verso la fine del XIII secolo a.C. i re
di molte citt si allearono per
muovere guerra contro la potente
citt di Troia.

Essa, situata sulle coste dell'Asia


Minore, godeva di una posizione
dominante e strategicamente
importantissima.

Quale causa?
La citt di Troia aveva un assoluto
controllo sull'accesso al Mar Nero e
sui commerci tra l'Europa e l'Asia.

La guerra fu mossa per annientarla.

Le ragioni furono quindi di natura


strategica ed economica.

LA LEGGENDA
Monte Olimpo

Banchetto di nozze tra il re Peleo e


la Nereide, divinit marina, Teti
(genitori di Achille)

La dea della Discordia, Eris, adirata


per non aver ricevuto l'invito,
scagli una mela d'oro con la scritta
alla pi bella.

La mela fu contesa da Atena, Era e


Afrodite.

Zeus per risolvere la controversia le


invia sul monte Ida dove il pastore
Paride (in realt figlio del re troiano
Priamo, allontanato a causa di una
profezia) dovr giudicarle.

Era gli propose il potere

Atena la saggezza

Afrodite l'amore della donna pi


bella del mondo.

Paride scelse quest'ultima


inimicandosi le altre due

Afrodite, quindi, indusse Elena moglie


di Menelao, ad innamorarsi di Paride
e aiut quest'ultimo a rapirla.

Menelao, con l'aiuto del fratello


Agamennone, radun molti principi
greci e mosse guerra contro Troia

La guerra dur 10 anni e si concluse


solo grazie all'astuzia di Ulisse.

I PROTAGONISTI
I PERSONAGGI CHE
INCONTRIAMO NELLE VICENDE
DELL'ILIADE SONO MOLTISSIMI

PRESENTO I PRINCIPALI

I GRECI

ACHILLE
Figlio del re Peleo e della divinit
marina Teti, il piu forte guerriero
presente nel poema.

La tradizione lo vuole invulnerbile,


eccetto il tallone, impugnato dalla
madre durante l'immersione nello
Stige.

Guerriero invincibile e feroce,


occasionalmente rivela sentimenti che
lo nobilitano.

Destinato a una vita breve ma gloriosa.

AGAMENNONE
di Argo e di Micene, il
capo dell'intera spedizione.

Superbo e prepotente

Re

MENELAO
Re di Sparta, e fratello di
Agamennone.

Forte e coraggioso

Umiliato dalla fuga (rapimento) della


moglie Elena

ULISSE
Re dell'isola di Itaca

Guerriero valoroso

Si distingue per acutezza di ingegno


e astuzia insuperabile

DIOMEDE
Figlio di Tideo, re dell'Eolia.

Uomo di estrema audacia non esita


a colpire lo stesso Ares, dio della
guerra.

AIACE TELAMONIO
Condottiero irruento e possente

Dotato di impressionante forza fisica

PATROCLO
Principe della Locride

Amico da sempre di Achille

Sar proprio la sua morte, avvenuta


per mano di Ettore, a scatenare la
crudele vendetta di Achille

I TROIANI

PRIAMO
E' il vecchio re di Troia, padre di
numerosi figli.

La sua sorte tra le pi tristi

La citt su cui regna verr distrutta


e quasi tutti i suoi figli moriranno

ECUBA

Moglie di Priamo

ETTORE
E' la pi nobile figura del poema.

Uomo mite e generoso, sa essere in


battaglia un temibile guerriero.

Non ama la guerra, anche se si


rivela il pi forte difensore della
citt assediata.

ANDROMACA
Moglie di Ettore

Personaggio dolce ed infelice, per la


sorte del consorte e del piccolo
figlio.

CASSANDRA

Figlia di Priamo, una sacerdotessa


con il dono della profezia, ma
anche colpita dalla maledizione di
non essere mai creduta

PARIDE
Figlio di Priamo

E' considerato il responsabile della


guerra perch ha rapito Elena.

In realt tutti sono consapevoli che


la guerra voluta dagli di e dal
Fato (entit misteriosa che stabilisce
il destino degli uomini e degli stessi
di).

ELENA
Moglie di Menelao, fuggita a Troia
con Paride.

Era considerata la donna pi bella


del mondo.

ENEA
E' figlio della dea Afrodite, sempre
pronta a soccorrerlo nei momenti di
difficolt.

Secondo solo ad Ettore, combatte


con valore ma nell'Iliade ha un ruolo
secondario.

GLI DEI
Ritenuti immortali e dotati di
straordinari poteri

Rappresentati con passioni, qualit


e vizi degli uomini

Vivono sull'Olimpo

Il Fato comunque al di sopra sia


degli uomini sia degli dei

PARTEGGIANO PER I
GRECI

ATENA
Dea della saggezza

Delle scienze

Della lealt in guerra

Nata dalla testa di Zeus

Ha fatto il voto di castit

Il suo simbolo il gufo

ERA
Moglie di Zeus

Protettrice delle donne e del


matrimonio

Ha come simbolo il cuculo

POSEIDONE
Dio del mare

Fratello di Zeus

Creatore dei cavalli e dei terremoti

EFESTO
Dio del fuoco e della metallotecnica

Unico fra gli dei ad avere un difetto


fisico

Marito di Afrodite

TETI
Nereide

Madre di Achille

PARTEGGIANO PER I
TROIANI

APOLLO
Dio della luce e del bel canto

Gemello di Artemide (dea della


caccia e protettrice delle vergini)

Guidatore del carro del sole

Ha come simbolo la cetra

AFRODITE
Dea dell'amore e della bellezza

Nata dalla schiuma del mare dove


Crono aveva gettato i genitali di
Urano

Madre di Eros (Cupido per i romani)

ARES
Dio della guerra

Uno dei pochi figli legittimi di Zeus

Si distingue da sua sorella Atena


perch adora guerre bellicose e
spargimenti di sangue

PRECISAZIONE
Le informazioni, i testi inseriti e le
immagini di questa presentazione
sono forniti esclusivamente a titolo
indicativo e a scopo didattico (Legge
22 aprile 1941 n. 633, art. 70 comma
1 bis).