Sei sulla pagina 1di 20

Microeconomia

Prof. G. Benedetti
a.a. 2012-2013

Orario
Lezioni
Marted 11-13
Mercoled 11-13
Gioved 11-13

Esercitazioni (dott. ssa E. Valeri)


Venerd 11-13

Ricevimento (fino al 31 marzo 2012)


Luned 13-14
Marted 16-17
su appuntamento Gabriella.Benedetti@econ.units.it

Testo consigliato
Pindyck R.S., Rubinfeld D. L., Microeconomia
Pearson Prentice Hall 7 ed.

Authorized translation from the English language edition, entitled: MICROECONOMICS, 7th Edition, by
ROBERT S. PINDYCK; DANIEL L. RUBINFELD, published by Pearson Education, Inc, publishing as
Prentice-Hall, Copyright 2009.

Programma
per tutti i corsi di laurea

http://esse3web.units.it/esse3/ProgrammaC
orso.do;jsessionid=C5F008C39E4F81E66E9C23
A8ED198284?CDS_ID=10167&AA_OFF_ID=2011&AD
_ID=112358&AA_ORD_ID=2008&PDS_ID=10001&FA
T_PART_COD=N0&DOM_PART_COD=N0

Esami
Economia e gestione aziendale
Economia, commercio internaz. e mercati
finanz.
Statistica e informatica per laz, la fin. e
lassicuraz.
Prova scritta sessione estiva (3 appelli)
Prova scritta sessione autunnale (1 appello)
Prova scritta sessione straordinaria (2 appelli)

PROPEDEUTICITA'
Formalmente non si richiede alcuna
propedeuticit. Sostanzialmente
necessario invece conoscere
l'algebra elementare, le regole di
derivazione, applicate anche a
funzioni a pi variabili indipendenti, e
come si risolve un problema di
massimo e minimo vincolato.

Cos leconomia?
Leconomia la scienza che studia come
una particolare societ risolve i suoi
problemi economici
Un problema economico esiste
ogniqualvolta mezzi scarsi possono venir
usati per fini alternativi, quindi leconomia
si occupa dellallocazione delle risorse
scarse. (Allocare in prima approssimazione
significa distribuire, destinare o utilizzare.)

Dal testo
I temi della microeconomia
You cantt always get what you want, cantavano
i Rolling StonesPer la maggior parte delle
persone (compreso Mick Jagger), lesistenza di
limiti a ci che possibile ottenere o fare un
dato di fatto, lo si impara da bambini.
Per gli economisti pu essere addirittura
unossessione.
Buona parte della microeconomia ha a che fare
con dei limiti: i redditi limitati che i consumatori
possono spendere in beni e servizi, i budget e i
know-how limitati che le imprese possono
utilizzare per produrre

La microeconomia, per, studia anche i modi per


gestire al meglio questi limiti; pi precisamente, si
occupa dellallocazione delle risorse scarse. Per
esempio spiega come i consumatori possono
distribuire nel modo migliore i loro redditi limitati tra i
diversi beni e servizi acquistabili.
Nelle economie pianificate come quella della Corea
del nord le decisioni relative allallocazione delle
risorse sono prese principalmente dai governi. Nelle
moderne economie di mercato, consumatori,
lavoratori ed imprese godono di flessibilit e di scelta
molto maggiori nellallocazione delle risorse scarse.
La microeconomia descrive i trade-of (scelte tra
alternative) che i consumatori, i lavoratori e le
imprese devono affrontare e mostra come individuare
il trade-off ottimale.

Leconomia come scienza


Specificare che leconomia una
scienza significa sottolineare come essa
sia un corpo di modelli analitici (cio di
teorie) che fornisce implicazioni,
verificabili, sul piano reale.
Quella che interessa agli economisti la
dimensione economica dei problemi,
ovvero la scelta razionale (basata sul
calcolo dei benefici e costi) in presenza
di scarsit di risorse.
Leconomia quindi pu essere vista
come la scienza del calcolo razionale.

Il metodo delleconomia
Lastrazione (le ipotesi)
La costruzione di modelli
Le teorie (corpo di modelli analitici)

Cos' un problema economico?

Esempio

Siete un allenatore di una squadra di


pallacanestro e siete alla vigilia di un
importante incontro, dopo la sconfitta dello
scorso anno, non dovete soltanto vincere la
partita, ma anche vincere con il maggior
scarto di punti possibile. Da questo momento,
all'inizio della partita rimangono solo 10 ore di
tempo disponibili per l'allenamento e
desiderate utilizzare al massimo ciascuna ora
rimanente. Dovete decidere come suddividere
queste 10 ore tra allenamento di attacco ed
allenamento di difesa.

Notate immediatamente le seguenti


particolarit:
poich la quantit di tempo da dedicare
all'allenamento non pu superare le 10 ore,
quanto pi tempo dedicate ad allenare
l'attacco, tanto tempo vi rimarr per allenare la
difesa (scarsit risorsa tempo);
sapete che, quanto pi tempo dedicherete
all'allenamento d'attacco, tanto maggiore sar
il punteggio della vostra squadra;
per la stessa ragione, sapete pure che, quanto
pi tempo trascorrerete ad allenarli in difesa,
tanto minore sar il punteggio della squadra
avversaria.

E' evidente tuttavia che ci non una


informazione sufficiente per decidere come
il tempo d'allenamento debba essere
suddiviso tra queste alternative.
Poich il vostro obiettivo la vittoria con il
massimo scarto di punti, ci che vi interessa
e accrescere il vostro punteggio e ridurre
quello dell'avversario.
Dopo aver analizzato i precedenti
allenamenti ed i risultati delle partite
precedenti, potete compilare la seguente
tabella

Ore
Previsto
Ore
d'allenamento punteggio d'allenamento
in attacco
della vostra nella difesa
squadra

0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

0
18
34
48
60
70
78
84
80
82
82

10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
0

Previsto
punteggio
della
squadra
avversaria

35
36
38
41
45
50
56
63
71
80
90

Ore
Previsto
Ore
d'allenamento punteggio d'allenamento
in attacco
della vostra nella difesa
squadra

0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

0
18
34
48
60
70
78
84
80
82
82

10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
0

Previsto
punteggio
della
squadra
avversaria

Differenza
punti

35
36
38
41
45
50
56
63
71
80
90

-35
-18
-4
+7
+15
+20
+22
+21
+9
-2
-8

Obiettivo: massimizzare lo scarto dei punti


Max P = PH PA
Vincolo: il tempo a disposizione pari a 10 ore
T = 10
T = T Att+ TDif = 10
Cose che sappiamo (relazione tra le variabili)
PH = f (TAtt)
PA = g (Tdif)

f>0
g<0

Utilizzando il linguaggio matematico


Max P = PH PA
s.v. T Att+ TDif = 10
ovvero
Max P = f (TAtt)- g(Tdif)
Max P = f (TAtt)- g( 10- TAtt)