Sei sulla pagina 1di 49

Introduzione alla CELLULA

e
membrana cellulare

Lipidi: Molecole insolubili in acqua


Sono costituiti fondamentalmente da gruppi non polari,
tendono ad associarsi tra di loro e a formare barriere,
come nelle membrane cellulari.
Costituiscono, insieme ai carboidrati, le principali molecole
ossidate per fornire energia chimica per le attivit cellulari

Lipidi neutri: combinazione di acidi grassi e glicerolo. La maggior parte


dei lipidi neutri rappresentata da trigliceridi.

Negli animali una grande quantit di trigliceridi immagazzinati possiede


catene di acidi grassi saturi;
nelle piante i trigliceridi sono tipicamente insaturi.

Gli acidi grassi saturi hanno una catena idrocarburica priva di doppi legami.
La catena idrocarburica degli acidi grassi non saturi ha uno o pi doppi legami che
piegano la catena, rendendo
pi difficile un impaccamento
stretto.

I composti anfipatici
Molecole dotate di una porzione nettamente idrofobica e di
unaltra porzione nettamente idrofilica
Fosfolipidi: molecole anfipatiche, rappresentano i principali lipidi delle
membrane biologiche. I piu comuni sono i fosfogliceridi (fosfatidilcolina)

I fosfolipidi hanno una coda idrocarburica idrofobica


(lacido grasso) e una testa idrofilica.

In acqua le interazioni delle code idrofobiche e delle teste


idrofiliche generano un doppio strato fosfolipidico.
Le teste sono dirette verso lesterno, dove interagiscono con
lacqua che le circonda. Le code sono rivolte verso linterno.

Steroidi: il principale il colesterolo, componente importante della


membrana plasmatica: ne mantiene la fluidit. Altri steroidi sono
importanti come ormoni negli animali: gli ormoni sessuali maschili e
femminili e gli ormoni della corteccia surrenale che regolano la
crescita e l'attivit cellulare.

Colesterolo: inserendosi fra i fosfolipidi di membrana ne determina il


grado di fluidit, insieme al grado di insaturazione degli acidi grassi.

La vitamina E
LA VITAMINA E (a-TOCOFEROLO)
a-TOCOFEROLO UNO DEI PI IMPORTANTI
ANTIOSSIDANTI PROVENIENTI DALLA DIETA
ESSENDO DI NATURA LIPIDICA, OLTRE CHE FENOLICA PROTEGGE I
LIPIDI DELLORGANISMO DALLOSSIDAZIONE

Vitamina E: (alfa-tocoferolo) inserendosi fra i fosfolipidi di membrana li


protegge dallossidazione da parte di ossigeno e radicali liberi.

Alfa-tocoferolo (vitamina E)

La struttura e la funzione
di tutte le membrane
cellulari dipende
fondamentalmente dai
fosfolipidi e da derivati
degli steroidi.
Le specifiche funzioni di
ciascuna membrana
dipendono dal tipo
di proteine presenti su
quella specifica
membrana.
Lipidi e proteine di
membrana possono
essere glicosilati.

Il modello a Mosaico Fluido

Schema di proteine di membrana in un


doppio strato lipidico

esempi di proteine di membrana

Funzioni delle membrane

Proteine di membrana: funzione

Funzioni della membrana plasmatica


Regola il trasporto dei nutrienti allinterno della cellula
Regola il trasporto dei prodotti di degradazione verso
lesterno
Mantiene adeguate condizioni chimiche nella cellula
Fornisce un sito per le reazioni che avvengono
raramente in ambiente acquoso
Contribuisce alla trasduzione del segnale
Interagisce con altre cellule e con la matrice
extracellulare

Un richiamo per comprendere le funzioni:


Diffusione e Osmosi

Un richiamo per comprendere le funzioni:


Diffusione e Osmosi
PERMEABILE al soluto

IMPERMEABILE al soluto

FLUSSO
DH2O

MEMBRANA

Il soluto si muove
per DIFFUSIONE
dalla soluzione pi
concentrata a quella
meno concentrata.

La soluzione pi
concentrata
richiama acqua da
quella meno
concentrata per
OSMOSI

Un richiamo per comprendere le funzioni:


Diffusione e Osmosi
PERMEABILE al soluto

IMPERMEABILE al soluto

PRESSIONE
OSMOTICA

Il soluto si muove
per DIFFUSIONE
dalla soluzione pi
concentrata a quella
meno concentrata.

La soluzione pi
concentrata
richiama acqua da
quella meno
concentrata per
OSMOSI

La PARETE CELLULARE di cellulosa


nei vegetali
Membrana

plasmatica cellulare
fosfolipidica

Parete secondaria
Parete primaria

La PARETE CELLULARE di cellulosa


nei vegetali

Fibre di cellulosa
(polimero del glucosio)
al microscopio
elettronico a scansione

Cellule vegetali
La parete cellulare delle cellule
vegetali conferisce alla cellula
un perimetro molto pi rigido
generando un elevato apporto
strutturale ai tessuti.

La membrana
plasmatica
una barriera
selettiva

Tipi principali di proteine di trasporto


CANALI: trasportano H2O e specifici tipi di ioni
secondo gradiente di concentrazione. Le proteine
che li compongono formano dei canali che
attraversano la membrana. Sono di solito regolati
da stimoli specifici.
TRASPORTATORI: legano ioni o molecole specifiche. Il
legame con la molecola trasportata provoca un
cambiamento conformazionale e quindi il
passaggio.
- Uniporto
- Simporto
- Antiporto
POMPE: usano lenergia da idrolisi dellATP per
spostare ioni contro gradiente di concentrazione

Ioni, piccole e grandi molecole possono attraversare


la barriera della membrana plasmatica mediante:
TRASPORTO PASSIVO:(diffusione semplice o
facilitata)
Avviene secondo gradiente (di concentrazione o
elettrochimico)
TRASPORTO ATTIVO
Avviene contro gradiente (di concentrazione o
elettrochimico)
ENDOCITOSI ESOCITOSI
Avviene mediante formazione di vescicole
(macromolecole)

Trasporto Attivo
Pompe ATPasiche

ESOCITOSI

ESOCITOSI

ENDOCITOSI

Endocitosi
mediata da
recettore

Adesione Cellulare
Le cellule sono spesso organizzate e assemblate a formare i
tessuti:
- Tessuto connettivo
- Tessuto epiteliale
- Tessuto osseo
- Tessuto muscolare
- Tessuto nervoso
Le cellule sono unite da strutture per lo pi proteiche dette
GIUNZIONI
Le giunzioni strette-occludenti (Tight junctions) prevengono il
passaggio di molecole attraverso lo space circostante alle
cellule, e definiscono regioni funzionali della membrana
plasmatica impedendo la migrazione delle proteine sulla
superficie cellulare.
I desmosomi, paragonabili a bottoni a pressione, permettono
alle cellule di aderire fortemente le une alle altre.
Le gap junctions (giunzioni comunicanti) creano dei canali
per comunicazioni chimiche e elettriche tra le cellule e sono
costituite da cilindri cavi formati da sei proteine dette
connessoni.

5.6Part1

Figure5.6Part1
Desmosoma

non confondere con plasmodesma


vegetale, che invece simile a
giunzione comunicante (gap). Vedi cell.
vegetale

5.6Part2

Figure5.6Part2

Citoscheletro

Microtubulo: impalcatura
cilindrica cava di proteine
globulari di tubulina

Desmosoma

Filamenti intermedi: Corde di proteine


fibrose

Microfilamento
Doppia collana
di catene
di actina
(proteina
non fibrosa)

Microtubuli, flagelli e centrioli


Organizzazione a
9 coppie di
microtubuli
paralleli nella
porzione flessibile
contrattile del
flagello

Organizzazione a
9 triplette del
corpo basale del
flagello, identica
a quella del
centriolo

Struttura del flagello

Piani di sezione
del flagello

centriolo

Flagello di Euglena (alga protista) e di gamete maschile

Cellula animale

Cellula vegetale

Parete cellulare
di cellulosa
(polimero del
glucosio)

Plasmodesma

Vacuolo
vegetale

Cloroplasto

Mitocondrio
Sede della respirazione:
C6H12O6 + 6O2 6H2O + 6CO2
che si svolge a cavallo della
membrana interna (creste)

OH
|
C=O
|
C=O
|
CH3 Acido piruvico
Nel citoplasma della cellula: Glucosio 2 Ac. piruvico
Nel mitocondrio:
Ac. piruvico + O2 + ADP + Pi H2O + CO2 + ATP

Cloroplasto
Sede della fotosintesi:
6H2O + 6CO2 C6H12O6 + 6O2
che si svolge a cavallo delle
membrane tilacoidi

Stroma
(spazio che accoglie
i tilicaoidi)

Tilacoidi e
spazio
tilacoide

Clorofilla + lux + H2O O2 + ee- + CO2 C6H12O6

Grani
(pile di tilacoidi)

Tessuto vegetale

Cellula vegetale di colonia di Spyrogira


(alga protista)
Labbiamo vista in laboratorio.