Sei sulla pagina 1di 8

L’immagine dell’uomo in

R. Descartes e in T. Hobbes

Percorso trasversale
L’immagine dell’uomo in
R. Descartes e in T. Hobbes

Unità didattica di Filosofia


Classe 4^

Obiettivi:
Operare una sintesi del pensiero dei filosofi
Operare un confronto tra i diversi punti di vista
Cogliere le reciproche integrazioni
Rapporto uomo - Dio

Descartes Hobbes
Dio garante di verità La conoscenza di Dio è
Dio garante della continui- estranea alla filosofia
tà delle leggi della natura
Dio conoscibile attraverso
la ricerca interiore del
cogito
Rapporto uomo - sapere

Descartes Hobbes
La res cogitans è facoltà La ragione è capacità di
d’intellezione e di “prevedere” e
volizione “provvedere”
Il sapere è costruzione Il ragionare equivale ad un
deduttiva procedente da calcolo combinatorio
idee innate Solo i termini equivalenti
L’equivalenza tra sapere e a corpi possono costituire
realtà è garantita da Dio il sapere
Rapporto uomo - natura

Descartes Hobbes
La res extensa è materia Natura composta da corpi
inerte sottoposta ai prin- - l’uomo è corpo
cipi del meccanicismo Capacità di previsione e
L’uomo riassume in sé il controllo come forma di
dualismo res extensa/ dominio dell’uomo sulla
res cogitans natura
L’uomo è maître et
possesseur de la nature
Rapporto uomo - uomo

Descartes Hobbes
La res cogitans è dotata Desiderio+deliberazione =
della caratteristica innata volontà. Non esiste libertà
della volontà infinita, di scelta
fonte di errore e di scelta Il comportamento morale
libera deriva dal calcolo di ciò
Il comportamento morale che è utile o dannoso al
deriva dal controllo delle singolo.
passioni esercitato dalla
ragione
Rapporto uomo – stato

Descartes Hobbes
Esigenza personale della Lo Stato mette fine al
tolleranza e della garanzia bellum omnium contra
della libertà interiore omnes: è necessaria la
subordinazione al sovrano
per garantire la pace
Bibliografia
R. Cartesio, Meditazioni metafisiche, Laterza
K. Jasper, I grandi filosofi, Longanesi
Cioffi ed altri autori, Il testo filosofico, vol. 2, Mondadori Edit.
T. Hobbes, Leviatano, La Nuova Italia