Sei sulla pagina 1di 11

La tavola periodica

Mikele dosti
Classe 3 a chimica
Chimica fisica

Come organizzata?
La tavola periodica si pu
definire lalfabeto per i
chimici, infatti essa
raggruppa nel suo interno
tutti gli elementi che si
possono trovare. Nel 1865
due scienziati Meyer e
Mendeleev ,
indipendentemente luno
dallaltro usarono il peso
atomico di ogni elemento
per classificarli e quindi
crearono la tavola
periodica. Essa composta
da:
GRUPPI: sono le colonne
verticali, sono otto pi gli
elementi di transizione.
PERIODI:sono le colonne
orizzontali, sono sette ed
equivalgono ai livelli
energetici degli elementi di
ognuno di essi( esempio H,
He sono del 1 gruppo ed
infatti il loro livello
energetico non supera il
1).

Classificazione degli elementi


La tavola periodica composta da vari macrogruppi:
1)Gli alcalini, si trovano nel primo gruppo;
2)Gli alcalini terrosi, si trovano nel secondo gruppo;
3)Gli alogeni, si trovano nel settimo gruppo;
4)I gas nobili, si trovano nell ottavo gruppo;
5) Gli elementi di transizione che sono compresi fra il
secondo e una parte del sesto gruppo;
6)I non metalli, sono: C,N,O,P,S,Se;
7)I semimetalli, sono: B,Si,Ge,As,Sb,Te;
8) I lantanidi e gli attinidi;
Lidrogeno viene sistemato nel primo gruppo ma
considerato un eccezione per le sue propriet.

Descrizione dei macrogruppi


I metalli alcalini: stanno nel 1 gruppo, sono molto reattivi perch hanno un solo elettrone sullultimo orbitale.
I metalli alcalini terrosi: stanno nel 2 gruppo, hanno sempre valenza 2 e vengono chiamati cos perch hanno propriet che si avvicinano agli elementi di
transizione.
Gli alogeni: stanno nel 7 gruppo,sono molto reattivi ben ch hanno 7 elettroni sullultimo
orbitale e tendono ad acquistarne uno per completare lottetto.
I gas nobili: stanno nel 8 gruppo, chiamati cos perch sono molto stabili dato che hanno
lottetto completo, hanno una bassissima temperatura di fusione ed ebollizione e sono poco reattivi.
Gli elementi di transizione: stanno nel mezzo della tavola periodica( sono 40), sono gli elementi
presenti in quantit maggiore nella tavola periodica e nella crosta terrestre. Sono elementi che
hanno una resistenza meccanica notevole, temperatura di fusione e di ebollizione molto alta ,
sono buoni conduttori di calore e di elettricit ma hanno una scarsa elettronegativit.
I non metalli: a differenza dei metalli i non metalli possono essere semiconduttori o isolanti di
energia elettrica, hanno un alto valore di elettronegativit e non conducono bene il calore.
I semimetalli: si trovano fra gli elementi di transizione e i non metalli in, si distribuiscono in una diagonale, hanno propriet intermediarie fra metalli e
non metalli e sono semiconduttori.
I lantanidi:sono 15 , sono compresi fra il lantanio e il lucrezio, hanno un numero atomico compreso fra 57 e 71.sono elementi che non si trovano in
natura, ma solo in laboratorio.
Gli attinidi:sono anchessi 15 , sono compresi fra lattinio
e il laurenzio,hanno numero atomico compreso fra
89 e 103, sono elementi che non si trovano in natura, ma
solo in laboratorio o in qualche reattore nucleare,
ed alcuni esistono per qualche miliardesimo di secondo
perch essendo tutti radioattivi decadono tutti in
maniera diversa, ma prevedibile per molti.
Minerale duranio:

Cromo:

Altre propriet della tavola periodica


Nella tavola periodica governano varie
caratteristiche e propriet:
1)la configurazione elettronica;
2)Il variare del raggio atomico e da cosa
influenzato;
3)Lenergia di prima ionizzazione;
4)laffinit per elettrone;
5)Lelettronegativit;
Infine la tavola periodica suddivisa in 4 blocchi in
base a dove giace lultimo elettrone.

La configurazione elettronica

La configurazione elettronica serve a


distribuire gli elettroni di un atomo nei vari
orbitali seguendo vari principi.
Essi sono:
Il principio di esclusione di Pauli: non esiste
un atomo con tutti i numeri quantici uguali
pertanto in un orbitale possiamo avere il
massimo di 2 elettroni con spin opposto.
Il principio di minima energia di Lauf Bau:
per riempire i vari orbitali con gli elettroni si
deve cominciare riempendo quelli che
hanno un livello energetico pi basso
( 1s,2s,2p,3s..)
Il principio di massima molteplicit di
Hund:nel caso in cui abbiamo orbitali
degeneri gli elettroni tendono a riempire
tutti gli orbitali a disposizione invece di
accumularsi. Come si pu notare in figura la
tavola suddivisa in 4 blocchi: S, P, D, F.
Per la configurazione elettronica si deve
tener conto anche dei numeri quantici:

Livello

Numero di
Elettroni

18

32

Il raggio atomico
Il raggio atomico lunica cosa che differisce a
livello geometrico fra ogni atomo.
Aumenta nei gruppi andando dallalto verso il
basso perch aumenta il numero di elettroni.
Invece nei periodi scorrendo da sinistra verso
desta diminuisce perch aumentando il numero di
elettroni aumenta anche il numero di protoni
quindi di conseguenza anche lattrazione fra di essi
quindi gli elettroni pi esterni sono attratti con pi
forza e vengono compressi verso il nucleo.

Energia di prima
ionizzazione
Lenergia di prima ionizzazione appunto lenergia che
serve a far diventare un atomo un catione( ione
positivo) e cio lenergia necessaria a strappare un
elettrone dallultimo orbitale.
Questo dipende dalla grandezza dellatomo, infatti lelio
essendo uno fra i pi piccoli degli atomo anche
quello che ha pi alta energia di ionizzazione, date le
sue piccole dimensioni lattrazione fra il nucleo e
lelettrone molto elevata.
Al contrario, come mostrato in figura, il cesio ha una bassa
energia di ionizzazione, date le sue grandi dimensioni
lattrazione fra il nucleo e lelettrone pi lontano
molto pi debole, di conseguenza ci vuole poca
energia per strapparglielo.
Da queste informazioni si pu concludere che lenergia di
prima ionizzazione inversamente proporzionale al
raggio atomico e cio alla grandezza di questultimo.
Si misura generalmente in elettronvolt (eV) e aumenta
andando da sinistra verso destra nella tavola periodica.

Affinit per elettrone


Si definisce affinit per elettrone di un elemento lenergia che viene liberata da un atomo neutro di quellelemento allo
stato gassoso , quando uno o pi elettroni si uniscono ad esso e quindi si forma un anione.
Laffinit per elettrone diminuisce andando dallalto verso il basso in un gruppo nella tavola periodica.

Grupp 1
o

10

11

12

13

14

15

16

17

18

Period
o
1

H
-73

He
21

Li
-60

Be
19

B
-27

C
-122

N
7

O
-141

F
-328

Ne
29

Na
-53

Mg
19

Al
-43

Si
-134

P
-72

S
-200

Cl
-349

Ar
35

K
-48

Ca
10

Sc
-18

Ti
-8

V
-51

Cr
-64

Mn

Fe
-16

Co
-64

Ni
-112

Cu
-118

Zn
47

Ga
-29

Ge
-116

As
-78

Se
-195

Br
-325

Kr
39

Rb
-47

Sr

Y
-30

Zr
-41

Nb
-86

Mo
-72

Tc
-53

Ru
-101

Rh
-110

Pd
-54

Ag
-126

Cd
32

In
-29

Sn
-116

Sb
-103

Te
-190

I
-295

Xe
41

Cs
-45

Ba

Lu

Hf

Ta
-31

W
-79

Re
-14

Os
-106

Ir
-151

Pt
-205

Au
-223

Hg
61

Tl
-20

Pb
-35

Bi
-91

Po
-183

At
-270

Rn
41

Fr
-44

Ra

Lr

Rf

Db

Sg

Bh

Hs

Mt

Ds

Rg

Cn

Uut

Uuq

Uup

Uuh

Uus

Uuo

Tavola periodicadelle affinit elettroniche, in kJ/mol

Elettronegativit
L'elettronegativit una misura
relativa della capacit di un
atomodi
attrarreelettroniquando
prende parte ad unlegame
chimico.
Pi un elemento ha caratteristiche
metalliche e pi cede i propri
elettroni con facilit per
completare lottetto, quindi ha
un valore di elettronegativit
relativamente basso.
Pi un elemento ha caratteristiche
non metalliche e pi cede i
propri elettroni con difficolt
per completare lottetto,
difatti la sua tendenza di
acquistarli, quindi ha un
valore di elettronegativit
relativamente alto.

Questa propriet molto


importante nella chimica
specialmente nei legami
chimici.

Nella tavola periodica scorrendo i


periodi da sinistra verso
destra aumenta il carattere
non metallico, andando nei
gruppi dallalto verso il basso
aumenta il carattere
metallico.
Il fluoro il non metallo con il pi
alto valore di elettronegativit
(F=4.0).
Il francio il metallo con il pi
basso valore di
elettronegativit (Fr=0.7).

The end!